Casette dell’acqua: ecco le regole per utilizzarle al meglio

In particolare con il caldo, l'acqua presa dai distributori in città va consumato entro 48 ore

28 luglio 2015
Guarda anche: SaluteVarese
Casetta

Il Dipartimento di Prevenzione Medico di ASL Varese, tra i compiti assegnati, ha anche la vigilanza e il controllo delle strutture erogatrici di acqua destinate al consumo umano: si occupa quindi anche di quegli impianti, ormai molto diffusi, che tutti conosciamo con il nome di “casette dell’acqua”, dove i cittadini scelgono di rifornirsi.
Gli ispettori della nostra Azienda che si occupano di sicurezza alimentare, oltre a eseguire analisi periodiche e pianificate, effettuano anche una attenta e puntuale verifica dei requisiti di gestione delle strutture e di chi le gestisce, proprio in base alle vigenti normative Europee, Nazionali e Regionali che classificano l’acqua come un alimento e per questo i gestori delle “casette dell’acqua” sono a tutti gli effetti Operatori del Settore Alimentare. 

Le “stazioni erogatrici” sono fornite di moderni impianti per la distribuzione di acqua naturale o frizzante, refrigerata o a temperatura ambiente che è la stessa dell’acquedotto cittadino, da cui viene fornita: sicura e buona da bere perché certificata da rigorosi controlli periodici.
Tra i principali vantaggi di questo servizio ci sono: quello economico perché l’acqua costa pochi centesimi al litro; quello ecologico in quanto si riduce lo smaltimento delle bottiglie in plastica; inoltre, viene apprezzato un bene già disponibile, controllato e sicuro.
L’acqua fornita, proviene dalla rete di distribuzione dell’acquedotto e dopo il passaggio attraverso filtri, carboni attivi e sistemi di disinfezione dotati di lampade a Ultra Violetti, viene raffreddata e in parte addizionata con anidride carbonica.

Ci sono però una serie di accorgimenti da seguire per garantire la salute di chi si approvvigiona alle “casette”.

Prima di tutto bisogna utilizzare solo bottiglie in vetro dedicate allo scopo, che devono essere posizionate in luoghi freschi, non esposti a sole o intemperie. Dopo l’uso vanno lavate bene con uno scovolino e Lavare accuratamente  le bottiglie utilizzando uno scovolino, farle scolare e asciugarle prima del loro riutilizzo

Evitare l’utilizzo di contenitori di plastica o in precedenza contenenti altri tipo di liquido

Non lasciare le bottiglie piene esposte al sole o alle intemperie

RICORDA: l’acqua in bottiglie non sterili dopo 48 ore potrebbe deteriorarsi

Lavare accuratamente  le bottiglie utilizzando uno scovolino, farle scolare e asciugarle prima del loro riutilizzo

Le bottiglie usato per l’acqua devono essere asciutte prima del nuovo utilizzo. È indispensabile, soprattutto con queste temperature prelevare una quantità d’acqua consumabile nell’arco di 48 ore, perché l’acqua dopo due giorni in bottiglie non sterili potrebbe alterarsi.

Infine, va evitato l’uso di contenitori di plastica generici o in precedenza contenenti altri tipi di liquido.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti