Nino Di Matteo all’Università dell’Insubria

Sabato pomeriggio l'incontro organizzato in collaborazione con le Agende Rosse

03 dicembre 2015
Guarda anche: Varese
agenderosse

L’Università degli Studi dell’Insubria, in collaborazione con il Movimento delle Agende Rosse “Paolo Borsellino e Giovanni Falcone”, organizza un incontro con il magistrato Nino Di Matteo impegnato nella denuncia dei rapporti esistenti tra il mondo della mafia e la realtà istituzionale del nostro Paese.

L’evento “Chi ha paura di Nino Di Matteo?” è in programma sabato 5 dicembre 2015, alle ore 16, nell’Aula Magna dell’Università degli Studi dell’Insubria, via Ravasi 2.

Partecipano come relatori: il dottor Nino Di Matteo (Sostituto Procuratore di Palermo); l’ingegner Salvatore Borsellino (fratello del giudice Paolo Borsellino e fondatore del Movimento delle Agende Rosse), il professor Alberto Coen Porisini (Magnifico Rettore dell’Università degli Studi dell’Insubria); il professor Fabio Minazzi (Presidente del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione); il professor Antonio Maria Orecchia (Docente di Storia Contemporanea). L’incontro è moderato dal dottor. Roberto Rossetti (laureato in Storia Contemporanea, Autore del libro “Paolo Borsellino: un eroe semplice”).
Il Movimento delle Agende Rosse è stato fondato dall’Ingegner Salvatore Borsellino; il Gruppo di Varese “Paolo Borsellino e Giovanni Falcone” è coordinato da Anna Parisi e Giancarlo Finessi ed è costituito da cittadini che agiscono affinché sia fatta piena luce sulla strage di Via D’Amelio a Palermo del 19 luglio 1992, nella quale furono uccisi il magistrato Paolo Borsellino e gli Agenti della scorta Emanuela Loi, Agostino Catalano, Claudio Traina, Eddie Walter Cosina e Vincenzo Li Muli. Le loro iniziative hanno lo scopo di incoraggiare la parte migliore della società e delle istituzioni, onde sostenere tutti i rappresentanti dello Stato, spesso vittime di campagne di delegittimazione, che hanno scelto di dedicare la propria vita alla difesa della Costituzione e dei suoi principi.

Questa iniziativa a più voci è anche l’occasione per presentare il recente libro “Collusi” di Di Matteo e rappresenta un momento di riflessione e pubblico dibattito su temi della legalità e della lotta alla mafia.

A questo proposito il professor Minazzi precisa come «costituisca un dovere primario anche dell’alta formazione universitaria non dimenticare mai il problema, drammatico, della diffusione pervasiva della mafia nel nostro Paese e in molte sue strutture istituzionali. Da questo punto di vista la lotta contro la mafia non costituisce solo una battaglia civile a favore della legalità e del rispetto rigoroso delle leggi del nostro Paese, ma costituisce anche un impegno quotidiano per combattere la cultura mafiosa che costituisce il primo terreno di cultura dell’illegalità e di un familismo amorale sulla cui base si radicano le principali azioni criminali e delinquenziali perpetrate quotidianamente dalle mafie. In questa battaglia civile anche l’Università non può non svolgere un ruolo decisivo e prezioso per combattere la diffusione di una cultura e di una mentalità mafiosa che taglia alla radice la stessa possibilità di costruire un futuro di libertà e di ricerca conoscitiva per le nuove generazioni».

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare