Monti e Bortot (Lega) visitano le eccellenze di Brebbia e Ispra

Un tour nel mondo della sanità e della produzione "La struttura è un'eccellenza internazionale per la lotta al Parkinson"

13 febbraio 2018
Guarda anche: Elezioni Regionali 2018Varese provincia

Un tour tra Brebbia e Ispra, nel cuore del Varesotto, per conoscere sempre di più le realtà produttive e di assistenza del nostro territorio.

Una giornata intensa, quella di oggi, per Emanuele Monti e Tiziana Bortot, candidati al Consiglio regionale della Lombardia per la LEGA.

Il primo sopralluogo si è svolto a Brebbia, dove gli esponenti del Carroccio hanno visitato la Fondazione “Gaetano e Piera Borghi”, incontrando la proprietà e i dipendenti, e prendendo visione della struttura e del suo funzionamento.

La struttura è un’eccellenza internazionale per la lotta al Parkinson. Una struttura importantissima con i suoi oltre 200 dipendenti” dichiara il Consigliere regionale uscente Monti.

Un’eccellenza nella riabilitazione dei pazienti, all’avanguardia in campo neurologico. La Sanità è uno dei settori più importanti, dove la Regione deve prestare la propria attenzione” sottolinea Tiziana Bortot.

I due candidati della Lega hanno quindi proseguito il loro tour, recandosi ad Ispra, “dove abbiamo incontrato l’ingegner Rusconi, proprietario di Villa Fiammetta, una Rsa, realtà importante che ospita circa cento anziani e che sta facendo importanti investimento per ampliare e quasi raddoppiare la capienza” dichiarano.

La struttura sta portando avanti il progetto Rsa aperta – dice Emanuele Monti – un progetto sperimentale, che ho sostenuto molto con la mia attività in Consiglio regionale, che rende questa struttura sia un centro di cura per anziani, ma anche una realrtà aperta al tessuto sociale, dando cure domiciliari agli anziani a casa”.

Quindi una visita alla storica azienda Brebbia Pipe, dove hanno avuto l’onore di incontrare il fondatore della società, il signor Enea, che li ha accompagnato in una visita al museo di Pipe. “Forse il più grande a livello mondiale. Io e Tiziana ci impegneremo a renderlo sempre più aperto e fruibile, grazie all’intervento della Regione” sottolinea Monti.

Infine una visita al Cantiere Lavazza, sul territorio delle Sabbie d’oro, a Brebbia. “Un tempo conosciuta come la Rimini del Lago, ed oggi nonostante sia molto curata, è un luogo poco vissuto – dice Monti –. Dobbiamo assolutamente studiare un progetto per rendere più fruibile questo luogo a livello turistico, ma anche a renderlo attrattivo per la popolazione. Parlando con l’amministrazione locale l’idea è quella di andare ad investire sul sistema di navigazione lacuale. Oggi ci sono solo due fermate del battello, a Laveno e ad Angera. Nel mezzo, in territori come Brebbia, non c’è nessun servizio. E modificare il sistema di navigazione può diventare uno strumento importante per far conoscere questi territori”.

Tag:

Leggi anche:

  • Monti “Il Lago di Varese tornerà a vivere”

    Al convegno che ha avuto luogo martedì 24 luglio, presso la sala Gonfalone di Palazzo Pirelli a Milano, c’erano in molti: i protagonisti invitati da Emanuele Monti, organizzatore dell’evento e presidente della Commissione Sanità della Regione Lombardia, erano Riccardo Pase presidente della
  • Valbossa, Lago Maggiore e Valganna: in arrivo nuove piste ciclopedonali

    Con l’ultima seduta del 12 luglio, il Consiglio Provinciale, in coerenza a quanto previsto dalla legge quadro sulla mobilità ciclistica, ha infatti deliberato le linee d’indirizzo per la mobilità ciclistica e sostenibile della provincia di Varese che costituiscono di fatto le basi per
  • Va a sbattere in auto contro il palo della luce: donna ferita

    Giovedì 5 luglio, alle ore 6:00, i vigili del fuoco del distaccamento di Ispra, sono intervenuti nel comune di Brebbia (Va), in via Roma, per incidente stradale. Per cause ancora in fase di accertamento la conducente di un’autovettura ha perso il controllo del veicolo andando a impattare
  • CUP Gallarate: sportelli chiusi e ore di attesa

    Questa mattina ore di lunga attesa per i cittadini che si sono recati agli sportelli del Cup di Gallarate, oltre un centinaio di persona in coda racconta Fabrizio ma dall’altra parte degli sportelli “nessuno”. L’estate, il caldo, un centinaio di persone in coda oppure gli sportelli aperti