Mercato del lavoro, sì del Consiglio all’adozione della procedura d’urgenza per la modifica della legge regionale

Il Presidente Senna: “Ridiamo centralità alle Province perché sull’occupazione possono svolgere un ruolo più efficace sul territorio”

12 Giugno 2018
Guarda anche: LavoroLombardia

Via libera del Consiglio regionale  all’adozione della procedura d’urgenza riguardanti le modifiche alla legge regionale sul mercato del lavoro.

Il provvedimento, che sarà discusso nella seduta  del Consiglio regionale del prossimo 26 giugno,  recepisce la novità introdotte dal decreto legislativo 150 del 2015 e della legge 207 del 2017, tenendo conto anche della mancata approvazione della riforma costituzionale che prevedeva il superamento definitivo del livello istituzionale provinciale e il passaggio della materia “tutela e sicurezza del lavoro” all’ambito materie concorrenti all’ambito delle materie di esclusiva competenza statale.

“Con questo progetto di legge – ha detto il Presidente della Commissione Attività produttive Gian  Marco Senna (Lega) – la Regione intende valorizzare il livello provinciale come livello organizzativo più adeguato per lo svolgimento di alcuni specifici provvedimenti connessi alla gestione dei centri per l’impiego perché siamo convinti che  possono svolgere alcune funzioni gestionali in modo più efficace in risposta alle esigenze dei territori. La Regione manterrà un ruolo di regia,  di indirizzo  e di coordinamento per l’attività dei Centri per l’Impiego il cui personale attualmente impiegato – si tratta di 750 lavoratori –  passeranno a carico della Regione. La procedura d’urgenza si è resa necessaria  per dare modo di approvare il provvedimento entro il 30 giugno, come previsto dalle norme vigenti”.

Tag:

Leggi anche:

  • AMC Italia recluterà 1.700 nuovi venditori nel 2019

    Una cucina sana ed equilibrata, ma allo stesso tempo gustosa e, perché no, anche facile e rapida, grazie all’innovazione tecnologica. È questo ciò che desiderano gli italiani, che a tavola sono sempre più attenti e consapevoli di ciò che mangiano, e quindi sono disposti a investire in
  • Sistema Varese e attrattività: un trend in crescita

    Sono oltre 25mila i dipendenti che lavorano nelle 282 imprese che sul territorio varesino sono frutto degli investimenti esteri. Un dato che è cresciuto in poco più di dieci anni del 15,6%: erano 244 aziende nel 2007. Le cifre, frutto di un’analisi condotta dall’Ufficio Studi e Statistica
  • Imprese e protezione dei dati personali: un incontro a Ville Ponti

    Il Regolamento europeo 679/2016 sulla protezione dei dati personali, noto anche come GDPR, a partire dal 25 maggio 2018 ha introdotto importanti cambiamenti nei principi e nelle modalità con cui le imprese devono impostare e gestire le attività di trattamento dei dati personali. In seguito, il
  • Ristorno fiscale: Luino, Malnate, Lavena Ponte Tresa, Arcisate e Viggiù i comuni più ricchi

    “Ammonta a oltre 22.3 milioni di euro la somma destinata ai Comuni della Provincia di Varese e derivante dal ristorno fiscale delle tasse pagate in Svizzera dai lavoratori frontalieri per l’anno 2016 e liquidate nel 2018. A questa cifra si aggiungono un altro milione di euro assegnato alle