Mascherine a 50 cent: punti vendita dove acquistarle

Oltre 30 mila punti vendita in tutta Italia

04 Maggio 2020
Guarda anche: Italia

“Nell’ultima settimana abbiamo distribuito 26,7 milioni di mascherine alle regioni e dall’inizio dell’emergenza ne abbiamo distribuiti 165,5 milioni. Da lunedì i cittadini troveranno mascherine chirurgiche al prezzo massimo di 50 centesimi più Iva in 50mila punti vendita, dalla metà del mese di maggio i punti vendita diventeranno 100mila”. Lo ha detto il commissario straordinario all’emergenza coronavirus Domenico Arcuri nel corso del punto stampa.

“Ieri abbiamo iniziato un dialogo serrato con l’associazione nazionale dei tabaccai con la quale contiamo di sottoscrivere nei prossimi giorni un accordo per vendere mascherine al prezzo massimo fissato dall’ordinanza. L’associazione nazionale dei tabaccai ha altri 50mila punti vendita sul nostro territorio”, ha aggiunto.

“Le farmacie e le parafarmacie, che hanno 26mila punti vendita, hanno sottoscritto con noi accordo che garantisce che le stesse metteranno in vendita le mascherine entro il prezzo massimo – hacontinuato -. Abbiamo finalizzato un accordo con Confcommercio, che raggruppa le catene della grande distribuzione di supermercati che ha altri 13mila punti vendita e con Federdistribuzione, che raggruppa altre grandi catene, che ha fino a 7mila punti vendita sul territorio. Abbiamo finalizzato un accordo con la coop che ha 1.100 punti vendita sul territorio nazionale. In tutti questi luoghi una mascherina chirurgica costerà 0,50 centesimi più l’Iva finché l’Iva ci sarà”.

_____________

Dopo l’intesa già siglata con farmacie e parafarmacie (30 mila punti vendita in tutta Italia) e con la formalizzazione di quella raggiunta con i tabaccai, il nuovo accordo siglato con negozianti e grande distribuzione porterà il totale dei punti vendita che distribuiscono mascherine a prezzo «imposto» a 100 mila unità, in media uno ogni 600 abitanti.

Inoltre da lunedì 4 maggio negli oltre 1.200 supermercati Coop saranno in vendita mascherine chirurgiche a 3 veli marchio Ce a 0,50 euro cadauna. «Così facendo come già anticipato nei giorni precedenti Coop – si legge in una nota del gruppo – accoglie l’invito del governo di adeguarsi al prezzo indicato delle mascherine; già da alcuni giorni nei propri punti vendita infatti erano disponibili mascherine a 0,60 cadauna Iva inclusa. Coop ha rinunciato a chiedere ristoro al governo per le mascherine precedentemente acquistate a costo più alto».

Anche Carrefour Italia a partire dal 4 maggio mette in vendita  le mascherine chirurgiche a 0,50 euro iva inclusa. L’azienda, a fronte dell’ordinanza emessa dal Commissario Domenico Arcuri per calmierare il prezzo di questi presidi, conferma l’impegno per il Paese e al servizio della comunità facendosi carico dell’Iva.

 

 

Tag:

Leggi anche:

  • Napoli, confiscate oltre 100mila mascherine

    Il prefetto di Napoli, Marco Valentini, ha disposto la requisizione per esigenze sanitarie di 102.325 mascherine chirurgiche che saranno consegnate alla Protezione civile della Campania. Le mascherine sono state oggetto di un provvedimento di dissequestro nell’ambito del procedimento penale
  • Nuove modalità di distribuzione delle mascherine

    In considerazione della nuova fase relativa all’emergenza sanitaria in atto, volta alla graduale ripresa delle attività, ma tenuto conto del perdurare di importanti forme di limitazione agli spostamenti, si comunica che da mercoledì 13 maggio 2020 sarà attiva la nuova modalità per la
  • Fase 2: uno spot del ministero della Salute per l’uso corretto delle mascherine

    L’uso della mascherina è una precauzione per proteggere la nostra salute e quella degli altri che ci accompagnerà anche per questa fase 2. Un video spot del ministero della Salute, in onda sui canali tv e radio della Rai e sulle reti Mediaset, spiega quando indossarla e come usarla in
  • NAS: migliaia di mascherine e gel irregolari tolti dal commercio

    In tutta Italia, i Carabinieri del NAS continuano a vigilare sul commercio di mascherine e gel igienizzanti. Negli ultimi giorni, infatti, i NAS di Palermo, Firenze, Padova e Napoli, hanno sequestrato un totale di ben 11.681 confezioni di disinfettante per le mani e oltre 330.000 dispositivi