Mark Zuckerberg vuole il Tottenham? Il club smentisce

Prima si è parlato di un'offerta di 1,1 miliardi di euro, poi è arrivata la smentita ma Facebook potrebbe avvicinarsi ancora al calcio

10 luglio 2017
Guarda anche: AttualitàMondo

Arriva direttamente dalla stampa inglese la notizia secondo cui Mark Zuckerberg sarebbe pronto a portare Facebook sempre di più nel mondo del calcio.
Dopo aver acquistato i diritti per trasmettere la Champions League negli Stati Uniti nonchè i diritti per trasmettere in esclusiva le partite di MLS, pare che l’imprenditore abbia offerto 1,1 miliardi di euro per rilevare il Tottenham.
Dagli Spurs pronta la smentita:Non c’è alcuna trattativa in corso“, come confermato anche da un comunicato ufficiale della società stessa ma la sensazione è che Mark Zuckerberg ed il suo impero si muoveranno presto per sferrare un altro colpo imprenditoriale vincente.

 

 

Tag:

Leggi anche:

  • Le Minifigure alla conquista del Lago

    Nato come gruppo amatoriale su Facebook, grazie all’idea di un gruppo di appassionati, Fotografia Costruttiva è diventata oggi una realtà importante del territorio Varesino. Dalla provincia di Varese e non solo, il gruppo sta raccogliendo sempre più adesioni e così gli amministratori
  • Ascoli Piceno, polemica per gli auguri a Hitler

    E’ stato pubblicato nelle prime ore di questa mattina un messaggio particolare sulla pagina Facebook di un docente dell’Istituto Tecnico Agrario “Ulpiani” di Ascoli Piceno, in cui rivolgeva gli auguri di compleanno a un personaggio particolare. Il messaggio era il seguente “Einhundert
  • Scandalo Facebook, le scuse di Mark Zuckerberg

    Il caso – Il programma per la raccolta di dati su Facebook fu avviato dalla Cambridge Analytica sotto la supervisione di Steve Bannon, l’ex stratega di Donald Trump. Per Chris Wylie – la talpa che ha provocato lo scandalo – Bannon, tre anni prima il suo incarico alla
  • Boldrini, appello a Zuckerberg “Chiusura immediata delle pagine che inneggiano al razzismo”

    “Non esiste un fascismo buono” afferma la presidente della Camera, Laura Boldrini, che durante il convegno “Perseguitati per Legge – 1938, ottant’anni fa le leggi razziali” ha raccontato di essere arrivata a scrivere una lettera diretta al proprietario di uno dei social network