L’Università dell’Insubria aderisce a UniStem Day

Venerdì la giornata di divulgazione sulle cellule staminali

09 marzo 2016
Guarda anche: Varese
università dell'insubria

Venerdì 11 marzo 2016 torna l’evento europeo UniStem Day, giornata di divulgazione della ricerca sulle cellule staminali, rivolta interamente agli studenti delle scuole superiori.

Trenta le città italiane coinvolte per un totale di 35 Atenei e centri di ricerca cui si aggiungono 28 università europee e una platea che quest’anno raggiungerà il numero record di 27.000 studenti delle scuole superiori. L’evento, nato alla Statale di Milano nel 2009 e arrivato alla sua ottava edizione, quest’anno per la prima volta vede la partecipazione di Serbia, Danimarca, Polonia e Germania. Una grande manifestazione con oltre 400 relatori e organizzatori coinvolti, non solo di scienziati e ricercatori, ma anche comunicatori della scienza, sociologi, clinici e altre figure tecniche che possano completare e rendere più stimolante le discussioni.

UniStem Day è un’occasione per diffondere e valorizzare la conoscenza scientifica e la ricerca, facendo chiarezza sul tema delle cellule staminali. Lezioni, filmati, dibattiti, visite ai laboratori ed eventi ricreativi aiuteranno gli studenti ad avvicinarsi al metodo scientifico, a scoprire come funziona la ricerca scientifica nella speranza di poter trasmettere loro una sana passione per la scienza.

Gli eventi UniStem si terranno in contemporanea nelle varie località per ricordare la “coralità” necessaria per l’avanzamento della scienza e della medicina verso un futuro di progresso. Il tema di quest’anno è la libertà di studiare, quindi libertà di conoscere. Libertà di usare prove e controlli per distinguere le mere opinioni dai fatti. “Forti nel ponderare, fermi nel criticare, indisponibili a mentire, sempre”: questo il messaggio chiave del filmato iniziale dell’evento che sarà trasmesso alle ore 9:00 in tutte le sedi d’Italia e Europa per le migliaia di giovani studenti che affolleranno le aule universitarie.

A Varese, all’Università dell’Insubria l’iniziativa si svolge nell’Aula Magna di via Ravasi a partire dalle ore 9 e registra il tutto esaurito. Tra gli interventi della giornata: le relazioni “La libertà in Medicina: un Intreccio di Scienza e di Valori”, del Prof. Mario Picozzi docente dell’Università dell’Insubria, “Cancer stem cells: il lato oscuro delle staminali” del Prof. Francesco Acquati docente dell’Università dell’Insubria, “Cellule staminali e neuroprotezione/rigenerazione dopo danno cerebrale acuto” della Dr.ssa Elisa Zanier ricercatrice dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri ed infine alcuni interventi di giovani ricercatori dell’Università dell’Insubria.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito web dell’iniziativa http://users2.unimi.it/unistem/, seguirci su Facebook e Twitter, o scriverci all’indirizzo unistem@unimi.it.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti