Lune di carta e di celluloide all’Insubria

L’ultimo incontro è previsto mercoledì 27 novembre, sempre alle 14 nell’aula magna del collegio Cattaneo

12 Novembre 2019
Guarda anche: Varese Città

Continua all’Università dell’Insubria la settima edizione di «Scienza & Fantascienza», ciclo di seminari per gli studenti di Scienze della Comunicazione ma anche per il pubblico esterno, dedicato quest’anno al tema «Cosa resta della Luna» e organizzato come sempre da Paolo Musso, in collegamento con il suo corso di «Scienza e fantascienza nei media e nella letteratura».

Il terzo incontro è intitolato «Lune di carta e di celluloide» ed è in programma mercoledì 13 novembre alle 14 nell’aula magna del collegio Cattaneo, in via Dunant 7 a Varese. Sono previsti interventi di: Antonio Serra, storica firma della Sergio Bonelli Editore, creatore della serie di fantascienza «Nathan Never» e sceneggiatore della stessa nonché di «Dylan Dog»; il disegnatore Mariano De Biase, sempre della Bonelli, specializzato in paesaggi lunari, che fornisce in diretta qualche esempio della sua arte e infine lo scrittore e critico cinematografico Michele Tetro.

Paolo Musso dichiara: «siamo arrivati all’appuntamento più divertente del ciclo, ovvero l’incontro con i bonelliani, che ci parleranno della Luna nel fumetto di fantascienza. Si tratta di un incontro molto significativo, perché Scienza & Fantascienza è nato proprio dal rapporto con la storica casa madre del fumetto italiano, che negli anni si è sempre più consolidato, cosa di cui andiamo particolarmente orgogliosi. In particolare, Antonio Serra (che io considero un vero e proprio “co-autore” del ciclo e per questo è l’unico relatore sempre presente in tutte le edizioni), insieme al suo collega Glauco Guardigli, è stato recentemente nominato membro del Creat, il nuovissimo centro gestito dal nostro corso di laurea che proporrà seminari e laboratori che spazieranno su tutti i campi delle arti e dello spettacolo, fumetto incluso. Oltre che divertente, però, è anche un incontro molto interessante, in particolare per i nostri studenti, perché per riuscire a vendere fumetti nel mondo di oggi bisogna avere una comprensione molto profonda non solo del proprio campo, ma di tutti i diversi linguaggi della comunicazione. È per questa stessa ragione che negli ultimi anni abbiamo deciso di trattare nello stesso incontro fumetto e cinema, di cui ci parla il bravissimo Michele Tetro, che è già stato con noi nel 2013: così infatti è possibile mettere a confronto, con risultati molto interessanti, i linguaggi di due generi narrativi apparentemente diversissimi, ma che in realtà presentano anche molte sorprendenti analogie».

L’ultimo incontro è previsto mercoledì 27 novembre, sempre alle 14 nell’aula magna del collegio Cattaneo: si tratta del falso mito del complottismo lunare e delle autentiche ricadute tecnologiche e sociali della corsa allo spazio.

 

Tag:

Leggi anche:

  • Anche gli scienziati dell’Insubria aderiscono all’appello mondiale sui cambiamenti climatici

    «Gli scienziati hanno l’obbligo morale di avvertire l’umanità di qualsiasi minaccia catastrofica e di “dirlo così com’è”. Sulla base di questo obbligo, dichiariamo, con oltre 11mila scienziati firmatari provenienti da tutto il mondo, chiaramente e
  • La Scuola di Milano in mostra alla Biblioteca Braidense per il progetto Giovani Pensatori dell’Insubria

    Preziosi documenti della Scuola di Milano, custoditi al Centro internazionale Carlo Cattaneo e Giulio Preti dell’Università dell’Insubria, sono esposti nella Sala Teresiana della Biblioteca Braidense di Milano, città che negli anni Trenta ha assistito alla nascita del cenacolo
  • Otto nuovi docenti in cattedra all’Insubria

    Otto nuovi docenti sono in arrivo a novembre alla Scuola di Medicina dell’Università dell’Insubria: l’ateneo investe, grazie all’aumento delle risorse a disposizione per acquisire personale. Diventano professori associati: Luca Cabrini per Anestesia e
  • All’Insubria nasce il Cerm

     All’Università dell’Insubria nasce il Cerm, Centro di ricerca sulle minoranze, il primo in Italia, che ha lo scopo di promuovere ricerche interdisciplinari di sociologia e sociolinguistica delle popolazioni minoritarie nel contesto italiano e europeo, coinvolgendo linguisti,