Lombardia, inaugurata mostra Betto Lotti

I paesaggi e i volti della Lombardia nelle opere di Betto Lotti Mostra aperta presso lo Spazio Eventi di Palazzo Pirelli fino al 29 luglio

11 luglio 2017
Guarda anche: Cultura Musica SpettacoloLombardia

La mostra personale di Betto Lotti, “Paesaggi lombardi luoghi dello spirito”, è stata inaugurata oggi allo Spazio Eventi del Grattacielo Pirelli alla presenza del Presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo e del critico d’arte Philippe Daverio. Era inoltre presente il Consigliere regionale della Lista Maroni Daniela Maroni.
Le opere dell’artista, nato a Taggia ma comasco di adozione, resteranno visibili al pubblico nello (ingresso gratuito) fino al 29 luglio (lunedì-giovedì 9-12.30 e 14-17.30. Il venerdì 9-13).
La selezione presentata nella sede del Consiglio regionale è costituita da 70 opere tra acquerelli, carboncini, incisioni e cartelloni (tra cui il “Lotti Clown” che lo rese noto al mondo) realizzati dall’artista tra il 1911 e il 1973. Sguardi attenti e ricercati che descrivono luoghi e spazi a lui molti cari, come i paesaggi di quella Lombardia che lo adottò nei 37 anni vissuti a Como dove l’artista ha sviluppato pienamente la sua maturità artistica.
Lotti ci ha regalato dei paesaggi straordinariha detto il Presidente Cattaneoe la mostra allestita in Consiglio regionale rende omaggio a un grande artista del secolo scorso.  Significativo il legame con Palazzo Pirelli, un’altra opera della creatività che richiama al rispetto della realtà e alla bellezza e all’equilibrio presenti  in essa. L’amore per il reale che ispira i lavori di Lotti deve essere di richiamo e punto di riferimento anche per noi che in questo luogo siamo impegnati a servire il bene nell’interesse dei cittadini”.
La mostra è suddivisa in sezioni: si apre con le opere a carboncino, realizzate agli esordi della sua attività e prosegue con le incisioni e alcuni bozzetti disegnati in trincea e durante la reclusione nel campo di concentramento.
Un’altra sezione è riservata alle opere degli anni Venti e Trenta, dove emerge la sua forte vena di illustratore e cartellonista, che lo renderà famoso anche all’estero.
Attraverso acquarelli e disegni si arriva al cuore dell’esposizione: le tele ad olio che raccontano i paesaggi lombardi, i luoghi, i colori, il mutare della luce nelle varie ore del giorno, le persone, i mestieri, le abitudini.
Conclude la mostra, curata da Daniele Lotti e Lauretta Scicchitano, una sezione legata ai lavori degli ultimi anni di vita dell’artista, caratterizzati da una pittura più asciutta ed essenziale, influenzata dai canoni dell’astrattismo geometrico e dalla sua amicizia col gruppo degli astrattisti comaschi e milanesi.

Tag:

Leggi anche:

  • Varese Alptransit, Brianza “sentiti i sindaci, da regione massima attenzione e un tavolo permanente”

    All’incontro, fortemente voluto dalla Vicepresidente del Consiglio Regionale Francesca Brianza, erano presenti l’Assessore ai Trasporti di Regione Lombardia Claudia Terzi ed esponenti delle Reti Ferroviarie Italiane mentre, il Presidente Fontana, era impegnato a Roma per incontrare il Ministro
  • Made in Italy, allarme latte. Fontana “Proteggere i consumatori”

     Intensificare la lotta alla contraffazione alimentare, così da tutelare l’economia lombarda e la salute. Questo il messaggio portato dal presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, alla 73esima Assemblea di Assolatte cui ha partecipato anche l’assessore
  • Attilio Fontana a Roma per l’incontro sull’autonomia

    Un incontro tra i vertici della Lombardia. Neil ministro per gli affari regionali, Erika Stefani, per parlare di autonomia: l’incontro di Attlio Fontana, accompagnato dall’assessore regione all’Autonomia e cultura Stefano Bruno Galli, si svolgerà presso il Dipartimento degli affari
  • La Lombardia contro bullismo e Cyberbullismo

    Unanimità per la mozione che ha riportato i temi del bullismo e del cyberbullismo all’attenzione del Consiglio Regionale. Il documento, presentato dalla Lega Nord (Monica Mazzoleni) chiede di mantenere lo stanziamento di 200mila euro nel bilancio regionale per proseguire gli interventi previsti