Lombardia, inaugurata mostra Betto Lotti

I paesaggi e i volti della Lombardia nelle opere di Betto Lotti Mostra aperta presso lo Spazio Eventi di Palazzo Pirelli fino al 29 luglio

11 luglio 2017
Guarda anche: Cultura Musica SpettacoloLombardia

La mostra personale di Betto Lotti, “Paesaggi lombardi luoghi dello spirito”, è stata inaugurata oggi allo Spazio Eventi del Grattacielo Pirelli alla presenza del Presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo e del critico d’arte Philippe Daverio. Era inoltre presente il Consigliere regionale della Lista Maroni Daniela Maroni.
Le opere dell’artista, nato a Taggia ma comasco di adozione, resteranno visibili al pubblico nello (ingresso gratuito) fino al 29 luglio (lunedì-giovedì 9-12.30 e 14-17.30. Il venerdì 9-13).
La selezione presentata nella sede del Consiglio regionale è costituita da 70 opere tra acquerelli, carboncini, incisioni e cartelloni (tra cui il “Lotti Clown” che lo rese noto al mondo) realizzati dall’artista tra il 1911 e il 1973. Sguardi attenti e ricercati che descrivono luoghi e spazi a lui molti cari, come i paesaggi di quella Lombardia che lo adottò nei 37 anni vissuti a Como dove l’artista ha sviluppato pienamente la sua maturità artistica.
Lotti ci ha regalato dei paesaggi straordinariha detto il Presidente Cattaneoe la mostra allestita in Consiglio regionale rende omaggio a un grande artista del secolo scorso.  Significativo il legame con Palazzo Pirelli, un’altra opera della creatività che richiama al rispetto della realtà e alla bellezza e all’equilibrio presenti  in essa. L’amore per il reale che ispira i lavori di Lotti deve essere di richiamo e punto di riferimento anche per noi che in questo luogo siamo impegnati a servire il bene nell’interesse dei cittadini”.
La mostra è suddivisa in sezioni: si apre con le opere a carboncino, realizzate agli esordi della sua attività e prosegue con le incisioni e alcuni bozzetti disegnati in trincea e durante la reclusione nel campo di concentramento.
Un’altra sezione è riservata alle opere degli anni Venti e Trenta, dove emerge la sua forte vena di illustratore e cartellonista, che lo renderà famoso anche all’estero.
Attraverso acquarelli e disegni si arriva al cuore dell’esposizione: le tele ad olio che raccontano i paesaggi lombardi, i luoghi, i colori, il mutare della luce nelle varie ore del giorno, le persone, i mestieri, le abitudini.
Conclude la mostra, curata da Daniele Lotti e Lauretta Scicchitano, una sezione legata ai lavori degli ultimi anni di vita dell’artista, caratterizzati da una pittura più asciutta ed essenziale, influenzata dai canoni dell’astrattismo geometrico e dalla sua amicizia col gruppo degli astrattisti comaschi e milanesi.

Tag:

Leggi anche:

  • Buttiglieri ( FDI Varese ): Avanti con l’autonomia lombarda!

    TERRA DI PRIMATI – Contiamo 40,18 dipendenti ogni 1000 abitanti e questo ci porta ad essere la Regione che annovera il più basso numero di dipendenti pubblici d’Italia che gravano sulle tasche dei cittadini solo per 18,42 euro, cifra più che contenuta, contro una media nazionale di
  • Meteo, in arrivo il gelo su tutta l’Italia

    Sulla Lombardia è attesa una settimana in gran parte asciutta, seppur caratterizzata da nuvolosità un po’ tutti i giorni, a tratti anche estesa ma nel contempo si avrà alternanza a fasi più soleggiate. Possibilità della risalita di un fronte perturbato dal Centro Italia il quale potrebbe
  • Il ruolo della città di Busto Arsizio e di Malpensa nella Lombardia del futuro

    Attilio Fontana, candidato Presidente di Regione Lombardia per la Lega e il centrodestra, sarà a Busto Arsizio mercoledì 21 febbraio, per discutere sul futuro della grande città della nostra provincia. L’incontro si svolgerà nella sala Tramogge dei Molini Marzoli Massari, in via Molino
  • Violi “Con centro-destra e centro-sinistra Lombardia pattumiera d’Italia”

    “Il centro destra fa finta di difendere il nord ma ha trasformato la Lombardia nella pattumiera d’Italia. A dare man forte anche il centro-sinistra e lo Sblocca Italia che ha fatto piovere altre tonnellate di spazzatura sul nostro territorio. Regione Lombardia non ha fatto altro che tagliare