Lombardia, forze politiche in campo per la democrazia partecipativa

Ieri al Pirellone discusse diverse proposte per aumentare la partecipazione dei cittadini ai processi decisionali della Regione Lombardia

28 febbraio 2017
Guarda anche: Lombardia

“Le nostre proposte per ampliare e favorire la partecipazione dei cittadini ai processi decisionali di Regione Lombardia hanno trovato una grande convergenza tra le forze politiche presenti in Consiglio regionale, ora occorre partire con la discussione del progetto e arrivare all’approvazione di una legge prima dell’estate.” E’ quanto ha dichiarato il vicepresidente del Consiglio regionale della Lombardia Fabrizio Cecchetti (Lega Nord) durante il convegno “Cittadino Protagonista: democrazia partecipativa in Lombardia”, da lui promosso, che si è tenuto ieri al Pirellone. L’incontro ha visto la forte condivisione delle maggiori forze politiche presenti in Consiglio regionale sul progetto di legge presentato da Cecchetti che chiede di facilitare le procedure per la presentazione di proposte di iniziativa popolare garantendo tempi certi per la discussione in commissione, eliminare alcuni ostacoli che rendono attualmente difficoltoso l’approdo di proposte popolare all’esame del Consiglio regionale e infine di istituire il Portale regionale online per la partecipazione popolare.

“Ho già scritto al presidente della commissione Affari istituzionali Carlo Malvezzi – spiega Cecchetti – per chiedere di mettere in calendario la trattazione del progetto di legge alla prossima seduta di commissione. Con l’istituzione di un portale online per la partecipazione i lombardi potranno sottoscrivere proposte di legge e referendum, interagire con l’amministrazione ed esprimersi su tematiche regionali utilizzando petizioni, suggerimenti, forum e sondaggi certificati. In questo modo il cittadino sarà parte integrante dei processi decisionali dell’amministrazione lombarda e i politici regionali potranno sondare l’umore della popolazione e recepire proposte e suggerimenti in tempo reale, migliorando la qualità delle leggi e degli atti amministrativi. La Lombardia conclude Cecchetti – deve essere innovativa e apripista anche in questo campo a livello nazionale ed europeo: da qui deve partire un vero e proprio laboratorio di partecipazione, in cui i cittadini siano coinvolti in tutto e per tutto nella vita e nelle decisioni della Regione. Facciamo presto”

Tag:

Leggi anche:

  • Violi (M5S) “Maroni. Reato grave, danno ai lombardi”

    “È assurdo che Maroni si dica deluso dopo la condanna in primo grado a un anno per aver fatto ottenere un contratto a una sua collaboratrice in una società controllata dalla Regione Lombardia. A essere delusi e danneggiati sono i lombardi. Le pressioni per le assunzioni nelle società
  • Varese, 500mila euro per la sicurezza del territorio

    “Un contributo importante per mettere in sicurezza il nostro territorio. Da Regione Lombardia 500 mila euro per interventi di manutenzione straordinaria per i nostri fiumi e torrenti della Provincia di Varese”. Lo ha dichiarato il Vicepresidente del Consiglio Regionale della Lombardia Francesca
  • Processo Maroni, condannato ad un anno di carcere

     L’esponente leghista, già segretario federale, è stato condannato a un anno e a 450 euro di multa. L’ex ministro è stato condannato per un solo capo di imputazione con pena sospesa e all’interdizione dai pubblici uffici. Maroni è risultato colpevole del reato di turbata libertà del
  • M5S Lombardia: no al business sul mercato del lavoro

    “E’ un progetto di legge affrettato che darà risultati molto approssimativi. Poteva essere l’occasione per rilanciare seriamente i centri per l’impiego, l’offerta di servizi ai disoccupati e limitare il business dei privati nel mercato del lavoro. La DID e il patto di