Liuc: festa dei laureati per guardare al futuro

All'Università di Castellanza la celebrazione dei 548 nuovi dottori in Economia, Ingegneria e Giurisprudenza

25 giugno 2016
Guarda anche: Busto Arsizio
laureati

Festa grande alla LIUC – Università Cattaneo per la celebrazione di 548 laureati (364 in Economia, 117 in Ingegneria, 67 in Giurisprudenza) che hanno conseguito il titolo tra luglio 2015 ed aprile 2016, accolti nel parco secolare dell’Università dal Rettore Federico Visconti, dal Presidente della LIUC Michele Graglia, dai Direttori delle Scuole di Diritto (Professore Alberto Malatesta), Ingegneria industriale (Professore Carlo Noè) ed Economia e management (Professore Rodolfo Helg), dai docenti, dalle autorità del territorio e dalle loro famiglie.

 

E’ Il giorno del futuro – Laureati in festa spronati dall’Università stessa a guardare al domani, alle occasioni da non perdere, alle opportunità che una laurea in LIUC sa offrire, con l’obiettivo di cercare ciascuno la propria strada senza scorciatoie, alibi e paure.

Il Rettore Federico Visconti si è rivolto ai giovani dottori con quattro suggerimenti preziosi: “Guardate avanti; Cercate la vostra strada; Non smettete mai di imparare; Siate determinati. Quattro consigli, correlati a frasi di particolare significato, per fare meritatamente festa dopo anni di fatiche ma, nello stesso tempo, tendere al domani, a quello che sarà. “Indietro non si torna, il passato serve soprattutto per imparare, lo sguardo e la tensione devono essere rivolti al futuro”.

 

“Simbolicamente, la giornata di oggi rappresenta per molti tra voi un punto di non ritorno, quello che catapulta in un contesto ben diverso dall’Università, in quel mondo del lavoro che da qualche anno a questa parte si presenta denso più di ostacoli che di opportunità per larga parte dei giovani italiani ed europei – ha ricordato il Rettore Visconti – Per i laureati LIUC, indicatori alla mano, le opportunità tendono a superare gli ostacoli. Ma, né l’Ateneo, né voi, possono permettersi il lusso di mollare la presa. L’Università continuerà sulla strada tracciata nei suoi primi 25 anni di attività, consolidando i punti di forza e avviando un nuovo ciclo di sviluppo”.

 

Gli ultimi quindici anni di evoluzione tecnologica “hanno provocato cambiamenti epocali e la crisi profonda iniziata nel 2008 ha messo in dubbio molte certezze, molti scenari che sembravano definitivamente consolidati – ha evidenziato il Presidente della LIUC Michele Graglia – Mutamenti di tale portata non sono facilmente gestibili in una Istituzione che ha il compito di “formare” le future generazioni. Si rischia quotidianamente di essere in ritardo, di vanificare gli sforzi di anni. C’è solo uno stimolo che, in qualche modo, può mettere al riparo da tale pericolo e che deve essere tipico dei “venticinquenni”: non adagiarsi sulle consuetudini, sulle certezze del passato, sulla banale accettazione di ciò che fino a ieri ha funzionato. Questo è quello che ogni giorno, in questa Università, cerchiamo di fare. Questo è l’approccio dell’imprenditore alla vita”.

E ancora, rivolto ai laureati: “Non abbiate timore e osate, buttate il cuore oltre l’ostacolo e le difficoltà: la determinazione, l’impegno, il desiderio di continuare ad imparare e migliorare vi consentiranno di superare le avversità e diventare, giorno per giorno, protagonisti del vostro futuro”.

 

 

 

La LIUC “luogo del fare”, dove gli insegnamenti teorici trovano da 25 anni un riscontro nell’operare quotidiano, ha inoltre celebrato i suoi migliori laureati:  Giulia La Porta (laurea triennale in Economia aziendale), Chiara Zanchetta e Michele Sabatelli (laurea magistrale in Economia aziendale e management), Marika Fardo (Giurisprudenza), Nicola Torre (laurea triennale Ingegneria gestionale), Gianluca Merola (laurea magistrale Ingegneria gestionale per la produzione industriale).

 

Da sottolineare la dignità di stampa per la tesi di laurea in Giurisprudenza di Serena Dazza.

 

A tenere a battesimo Il giorno del futuro – Laureati in festa sono stati 3 Alumni con esperienze professionali significative e stimolanti: Paolo Macchi (Attorney at law, Associate di DP Legal), Mariaelena Bressan (Heat treatment & finishing Coordinator di Tenaris Dalmine) e Claudio Berretti (Direttore Generale di Tamburi Investment Partners). Tre testimonianze importanti per esortare i laureati a cercare la propria vocazione, come hanno fatto gli Alumni intervenuti a “Il giorno del futuro” e i laureati LIUC le cui storie di impresa sono state raccolte nel libro “Start Up!”

 

Sempre spettacolare ed emozionante, la sfilata dei laureati sul palco e il lancio del tocco.

 

In chiusura di serata, lo spettacolo emozionale di visual art ha ricordato i primi 25 anni della LIUC, già rivolta al futuro.

Tag:

Leggi anche:

  • Pallanuoto – La BPM Sport Management espugna Torino con una grande prestazione

    La terzultima giornata della regular season del Campionato di A1 non riserva sorprese per la BPM Sport Management. Il sette di Gu Baldineti batte in trasferta il Torino ’81 per 19-9 (3-2, 5-3, 7-0, 4-4) e grazie ad un’ottima prestazione continua la preparazione alla Final Six, in programma tra
  • Progetto Binda 2017, quando il ciclismo è passione

    Il “Progetto Binda 2017” prende ufficialmente il via martedì 25 aprile con la Piccola Tre Valli Varesine, giunta alla sua 41° edizione. La tradizionale gara – valevole come 2° prova del Giro della Provincia categoria Allievi e come 3° Trofeo Veneto Banca – si disputerà a Induno
  • La Pro Loco fa il “giro del mondo” con Paola Gianotti

    Emozionante serata nella Sala consiliare del Castello Visconteo per il “Mese della Cultura” organizzato dalla Pro Loco Fagnano Olona guidata da Armida Macchi e Paolo Bossi. Guest star del momento è stata la famosa ciclista Paola Gianotti, contattata tramite il Gruppo Sportivo
  • Pallanuoto, 24ª giornata: la BPM Sport Management nella tana del Torino ‘81

    Torna il campionato di Serie A1. Ad un mese dalle Final Six di Torino, la BPM Sport Management domani sarà proprio nel capoluogo piemontese per sfidare il sette di coach Aversa. Una sfida in cui i Mastini sono i favoriti sulla carta, ma che non dovranno assolutamente sottovalutare in quanto il