L’Italia tra i 10 paesi al mondo che esportano più armi

Non esce dalla classifica ma sale di posizione entrando tra i primi 10 paesi al mondo per la vendita di armi da guerra nel mondo

31 marzo 2018
Guarda anche: Italia

Lo Stockholm international peace research institute (SIPRI) ha raccolto i dati, confermando che il fenomeno è consolidato: nel quadrienno 2013/2017  l’export di armi verso i Paesi esteri è cresciuto del 13%. L’Italia è in posizione numero nove: il 2,5% dell’export mondiale che rappresenta nel periodo 2013-2017 una crescita del 13% rispetto ai cinque anni precedenti.

I cinque maggiori esportatori sono Stati Uniti, Russia, Francia, Germania e Cina, che insieme hanno rappresentato il 74% di tutte le esportazioni di armi. “Il crescente flusso di armi suscita preoccupazioni sull’impatto che potrebbero avere sulla pace e la sicurezza internazionali” dice l’Ambasciatore Jan Eliasson, Presidente del Consiglio di amministrazione della SIPRI “Ciò sottolinea la necessità di migliorare e attuare meccanismi internazionali come il trattato sul commercio delle armi”.

Nella classifica viene evidenziato che le esportazioni di armi da parte della Russia, invece, sono diminuite del 7,1 per cento tra il 2008-12 e il 2013-17. La Francia ha aumentato le esportazioni di armi del 27% tra i due periodi ed è stato il terzo maggiore esportatore di armi nel 2013-17. Le esportazioni di armi da parte della Germania, il quarto maggiore esportatore nel 2013-17, sono diminuite del 14% tra il 2008-12 e il 2013-17.

Tag:

Leggi anche:

  • Amazon, 1700 nuove assunzioni entro il 2019

    Amazon creerà 1.700 posti di lavoro a tempo indeterminato in Italia entro la fine dell’anno. E’ quanto annuncia la società in una nota, sottolineando che “le nuove opportunità di lavoro sono destinate a persone con ogni tipo di esperienza, istruzione e livelli di competenza,
  • Saldi estivi 2018 pronti al via

    I saldi estivi 2018 iniziano il 7 luglio, eccetto per le stagioni di Sicilia e Trentino dove gli sconti sono già iniziati. In molte Regioni ai negozianti è stato vietato di abbassare i prezzi di cartellino nei 30 giorni precedenti l’avvio ufficiale dei saldi. Chi trasgredisce rischia multe
  • Saronno, Indelicato “Se le cose di sinistra le fa la destra”

      C’è qualcosa di peggio, per la Sinistra italiana, che perdere le elezioni politiche, perdere le comunali, essere sconfitta nelle sue roccaforti, frantumarsi al suo interno, non sapere che strada prendere. Questo qualcosa  che si è abbattuto sulle disperse truppe e gli smarriti capitani
  • Blocco ristorni, Cosentino: “Tempestivo il lavoro della Giunta e dell’assessore Sertori, avanti in questa direzione”

    “Credo che si stia andando nella direzione giusta – afferma il consigliere Giacomo Cosentino, della lista Fontana Presidente – ieri in commissione rapporti con la Svizzera, l’assessore Massimo Sertori ci ha abbastanza tranquillizzato in merito alla problematica