Liceo Crespi di Busto premiato tra i migliori in Italia

Alla premiazioni erano presenti L'assessore Regionale Valentina Aprea e il presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni

14 novembre 2017
Guarda anche: AperturaBusto Arsizio

Oggi premiamo il Liceo Classico ‘Crespi’ di Busto Arsizio, che e’ risultato il primo liceo classico entro un raggio di 30 Km da Milano nella classifica delle performance che i suoi ex alunni hanno avuto nei tre anni di studi universitari in base alla classifica annuale della Fondazione Agnelli Eduscopio 2017″. Lo ha detto l’assessore regionale all’Istruzione, Formazione e Lavoro Valentina Aprea che, insieme al presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, ha consegnato a una rappresentanza di studenti del Liceo Crespi una serie di premi speciali.

Alla cerimonia erano presenti anche gli assessori regionali al Reddito di autonomia, Inclusione sociale e Post Expo Francesca Brianza, all’Economia, Crescita e Semplificazione Massimo Garavaglia, Diana Bracco, presidente della Fondazione Bracco, Marcella Fusco, dirigente dell’Ufficio scolastico regionale per la Lombardia con delega alla ‘Promozione della cultura
scientifica e tecnologica’, la dirigente scolastica del Liceo Crespi Cristina Boracchi, Maria Xanthoudaki, direttore Education & Crei (Centro di ricerca per l’educazione informale) del Museo nazionale della scienza e della tecnologia ‘Leonardo da Vinci’.

“Mi fa piacere sottolineare che il Liceo Crespi – ha aggiunto l’assessore Aprea – si sia anche aggiudicato, nell’ambito della stessa classifica elaborata da Eduskopio, il quarto posto con il proprio indirizzo di Liceo Linguistico e pratichi da ben undici anni l’alternanza scuola-lavoro, con un’attenzione particolare all’orientamento e allo sviluppo delle attitudini e delle capacita’ dei singoli studenti, tale da permettere la costruzione di competenze alte proprio grazie all’intreccio fecondo fra istruzione formale ed esperienza ‘on the job'”. Agli studenti sono stati assegnati premi speciali: due laboratori virtuali con l’utilizzo delle voting machine usate per il referendum sull’autonomia della Lombardia e opportunamente riformattate; un corso di Tinkering – considerato negli ambienti educativi a livello internazionale un approccio di frontiera per l’educazione alle Stem (Science, Technology, Engineering and Mathematics, initaliano Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica); due esperienze di  alternanza scuola-lavoro con Fondazione Bracco e CusMiBio, Centro Universita’ degli Studi di Milano – Scuola per la diffusione delle Bioscienze, per una settimana da ricercatrice riservata alle studentesse.

Tag:

Leggi anche:

  • Parchi pubblici Busto Arsizio: la chiusura è assegnata all’Istituto La Patria

    Atti vandalici, uso improprio nelle ore notturne, presenze non autorizzate all’interno degli spazi del parco, bivacchi, sono solo alcuni dei problemi che una pubblica amministrazione deve affrontare quotidianamente per gestire il patrimonio verde delle città. I parchi sono indispensabili per
  • Vieni in centro il giovedì sera! ultimo appuntamento

    Vieni in centro il giovedì sera, il tradizionale appuntamento organizzato, nell’ambito di Busto Estate, dall’Amministrazione con la collaborazione del Comitato Commercianti Centro Cittadino, Distretto del Commercio, Ascom e associazioni del territorio, si conclude giovedì 13 settembre. In
  • Busto Arsizio dalla parte dei commercianti di Via Lonate

    Volgono al termine i lavori di rifacimento di via Lonate: entro il mese di ottobre una delle più importanti arterie viabilistiche bustocche sarà completamente rinnovata e ampliata con piste pedonali e ciclabili e nuovi spazi di sosta. I lavori, che hanno preso il via nel mese di gennaio, hanno
  • Cosentino sicurezza ospedali “Soddisfatto delle decisioni del Comitato Ordine Pubblico”

    In merito alle decisioni assunte questa mattina durante la riunione del comitato di ordine pubblica sicurezza, convocato dal Prefetto di Varese, interviene il consigliere regionale del Gruppo Fontana, Giacomo Cosentino, il quale ha portato martedì nell’aula del Pirellone il problema della