La memoria come antidoto all’orrore della guerra

La generazione della guerra sta scomparendo. La cultura può tramandare la memoria

25 aprile 2016
Guarda anche: Cultura Musica SpettacoloEditoriale
FB_IMG_1461581945577

Molti fatti in queste ultime settimane mi hanno fatto riflettere su cosa sia la memoria, la necessità di conservare il ricordo di fatti che hanno segnato in maniera dolorosa e decisiva la nostra storia nazionale. Anche fatti personali. 

La generazione della guerra se ne sta andando. Le persone nate tra gli anni ’20 e l’inizio degli anni ’30, l’ultima generazione in vita che ha vissuto i fatti della seconda guerra mondiale, dell’armistizio, dell’Italia divisa in due in una lotta fratricida tra partigiani e repubblichini, sta giungendo per età anagrafica alla fine delle sua esistenza.

Fa parte della vita, per quanto ci rattristi dover salutare persone a noi care. Ma non è un problema legato solo agli affetti personali.

Stiamo perdendo i protagonisti e i testimoni che hanno vissuto sulla propria pelle gli orrori della guerra.

E questo rende necessario colmare la lacuna, soprattutto per le nuove generazioni, che lascerà la scomparsa dei testimoni diretti di questa triste pagina di storia. Perché la memoria, oltre a farci capire noi stessi e il nostro popolo, serve innanzitutto ad evitare che si commettano gli stessi errori del passato.

La memoria serve a costruire il futuro, e la memoria delle atrocità della guerra serve ad evitare che si creino le stesse condizioni sociali e politiche che possano riportarci a sprofondare in un abisso come quello che i nostri predecessori hanno vissuto.

Il teatro, le arti, la cultura devono riuscire a trattenere questa memoria e a tramandarla. Un uomo non è libero senza cultura. E un uomo che non è libero di pensare in modo critico, può tornare a commettere degli errori.

Marco Tavazzi

Nel video un passaggio del “Comandante Claudio”, regia di Michele Todisco, con Clarissa Pari e Andrea Minidio

Tag:

Leggi anche:

  • A cavallo tra le rocce lunari, e su astronavi fai da te

    Quante ne sono state dette sulla terra e sulla luna, sabato 18 ottobre a Busto Arsizio se ne vedranno delle belle sull’argomento. Appuntamento dalle 10 alle 16 al maneggio La Bastide in via Samarate, 150. Si farà una gimkana a cavallo tra modelli di rocce lunari, si costruirà un’astronave
  • Conferimento Ufficiale del Titolo Comune Europeo dello Sport 2019 alla Città di Sesto Calende

    Un lunedì pieno di emozioni ed entusiasmo è stato lo scorso 30 ottobre presso la sala d’onore del CONI a Roma per Simone PINTORI (Consigliere Comunale Delegato allo Sport) Danila DE CANDIDO (Consigliere Comunale Delegato ai Bandi) Andrea SCANDOLA (Rappresentante della Pro Sesto) Daniele
  • Cinque mastini della Pallanuoto Banco BPM Sport Management convocati in Nazionale

    Saranno ben cinque gli atleti della Pallanuoto Banco BPM Sport Management che dal 29 ottobre all’1 novembre 2017 si ritroveranno al Centro Federale di Ostia per il raduno collegiale della Nazionale Italiana. Il Commissario Tecnico Alessandro Campagna radunerà gli azzurri per quattro giorni di
  • Definiti gli accoppiamenti dei quarti di finale di Len Euro Cup

    Sorteggiati oggi gli accoppiamenti dei quarti di finale di Len Euro Cup, con la Pallanuoto Banco BPM Sport Management che ha conosciuto il nome della sua avversaria: la Stella Rossa Belgrado. La formazione guidata da mister Marco Baldineti dunque sfiderà la compagine serba (vincitrice