La memoria come antidoto all’orrore della guerra

La generazione della guerra sta scomparendo. La cultura può tramandare la memoria

25 aprile 2016
Guarda anche: Culture e SpettacoloEditoriale
FB_IMG_1461581945577

Molti fatti in queste ultime settimane mi hanno fatto riflettere su cosa sia la memoria, la necessità di conservare il ricordo di fatti che hanno segnato in maniera dolorosa e decisiva la nostra storia nazionale. Anche fatti personali. 

La generazione della guerra se ne sta andando. Le persone nate tra gli anni ’20 e l’inizio degli anni ’30, l’ultima generazione in vita che ha vissuto i fatti della seconda guerra mondiale, dell’armistizio, dell’Italia divisa in due in una lotta fratricida tra partigiani e repubblichini, sta giungendo per età anagrafica alla fine delle sua esistenza.

Fa parte della vita, per quanto ci rattristi dover salutare persone a noi care. Ma non è un problema legato solo agli affetti personali.

Stiamo perdendo i protagonisti e i testimoni che hanno vissuto sulla propria pelle gli orrori della guerra.

E questo rende necessario colmare la lacuna, soprattutto per le nuove generazioni, che lascerà la scomparsa dei testimoni diretti di questa triste pagina di storia. Perché la memoria, oltre a farci capire noi stessi e il nostro popolo, serve innanzitutto ad evitare che si commettano gli stessi errori del passato.

La memoria serve a costruire il futuro, e la memoria delle atrocità della guerra serve ad evitare che si creino le stesse condizioni sociali e politiche che possano riportarci a sprofondare in un abisso come quello che i nostri predecessori hanno vissuto.

Il teatro, le arti, la cultura devono riuscire a trattenere questa memoria e a tramandarla. Un uomo non è libero senza cultura. E un uomo che non è libero di pensare in modo critico, può tornare a commettere degli errori.

Marco Tavazzi

Nel video un passaggio del “Comandante Claudio”, regia di Michele Todisco, con Clarissa Pari e Andrea Minidio

Tag:

Leggi anche:

  • Andrea Piccolo vince la 41° Piccola Tre Valli Varesine

    Sono stati 129 i ragazzi categoria Allievi che hanno partecipato alla 41° edizione della Piccola Tre Valli Varesine, tradizionale gara valevole come 2° prova del Giro della Provincia e 3° Trofeo Veneto Banca. A tagliare per primo il traguardo, dopo 60 chilometri di gara, Andrea Piccolo del
  • Pallanuoto – La BPM Sport Management espugna Torino con una grande prestazione

    La terzultima giornata della regular season del Campionato di A1 non riserva sorprese per la BPM Sport Management. Il sette di Gu Baldineti batte in trasferta il Torino ’81 per 19-9 (3-2, 5-3, 7-0, 4-4) e grazie ad un’ottima prestazione continua la preparazione alla Final Six, in programma tra
  • Progetto Binda 2017, quando il ciclismo è passione

    Il “Progetto Binda 2017” prende ufficialmente il via martedì 25 aprile con la Piccola Tre Valli Varesine, giunta alla sua 41° edizione. La tradizionale gara – valevole come 2° prova del Giro della Provincia categoria Allievi e come 3° Trofeo Veneto Banca – si disputerà a Induno
  • La Pro Loco fa il “giro del mondo” con Paola Gianotti

    Emozionante serata nella Sala consiliare del Castello Visconteo per il “Mese della Cultura” organizzato dalla Pro Loco Fagnano Olona guidata da Armida Macchi e Paolo Bossi. Guest star del momento è stata la famosa ciclista Paola Gianotti, contattata tramite il Gruppo Sportivo