La memoria come antidoto all’orrore della guerra

La generazione della guerra sta scomparendo. La cultura può tramandare la memoria

25 aprile 2016
Guarda anche: Culture e SpettacoloEditoriale
FB_IMG_1461581945577

Molti fatti in queste ultime settimane mi hanno fatto riflettere su cosa sia la memoria, la necessità di conservare il ricordo di fatti che hanno segnato in maniera dolorosa e decisiva la nostra storia nazionale. Anche fatti personali. 

La generazione della guerra se ne sta andando. Le persone nate tra gli anni ’20 e l’inizio degli anni ’30, l’ultima generazione in vita che ha vissuto i fatti della seconda guerra mondiale, dell’armistizio, dell’Italia divisa in due in una lotta fratricida tra partigiani e repubblichini, sta giungendo per età anagrafica alla fine delle sua esistenza.

Fa parte della vita, per quanto ci rattristi dover salutare persone a noi care. Ma non è un problema legato solo agli affetti personali.

Stiamo perdendo i protagonisti e i testimoni che hanno vissuto sulla propria pelle gli orrori della guerra.

E questo rende necessario colmare la lacuna, soprattutto per le nuove generazioni, che lascerà la scomparsa dei testimoni diretti di questa triste pagina di storia. Perché la memoria, oltre a farci capire noi stessi e il nostro popolo, serve innanzitutto ad evitare che si commettano gli stessi errori del passato.

La memoria serve a costruire il futuro, e la memoria delle atrocità della guerra serve ad evitare che si creino le stesse condizioni sociali e politiche che possano riportarci a sprofondare in un abisso come quello che i nostri predecessori hanno vissuto.

Il teatro, le arti, la cultura devono riuscire a trattenere questa memoria e a tramandarla. Un uomo non è libero senza cultura. E un uomo che non è libero di pensare in modo critico, può tornare a commettere degli errori.

Marco Tavazzi

Nel video un passaggio del “Comandante Claudio”, regia di Michele Todisco, con Clarissa Pari e Andrea Minidio

Tag:

Leggi anche:

  • Pallanuoto: vittoria convincente della BPM Sport Management contro la Roma Vis Nova

    Tre punti per dimenticare la delusione europea. La BPM Sport Management, nel turno infrasettimanale di Campionato (16ª giornata), giocato ieri pomeriggio, batte nella Piscina del Foro Italico la Roma Vis Nova per 20-9 (6-3, 3-2, 4-3, 7-1) e centra la sesta vittoria consecutiva. I Mastini
  • Volley – La UYBA vola ai quarti, ma che fatica!

    La UYBA torna da Minsk con la qualificazione ai quarti di finale di Coppa Cev in tasca. Il ko per 3-2 (25-22, 22-25, 25-21, 24-26, 15-10) rimediato nella gara di ritorno degli ottavi in casa del Minchanka Minsk, infatti, consente alle farfalle di strappare il pass per il turno successivo in virtù
  • BCC Cup, il basket con il cuore raccoglie 10.000 euro per la fondazione Il Ponte del Sorriso

    Il primo trofeo BCC Cup è andato alla solidarietà. La grande partecipazione di pubblico sugli spalti del PalaBorsani e l’agonismo messo in campo dalla Pallacanestro Openjobmetis Varese e dal Legnano Basket Knights hanno fatto vincere il grande cuore del basket e di tutti gli appassionati della
  • Volley – UYBA in Bielorussia per la Coppa CEV

    Sono due le trasferte consecutive in calendario per la UYBA che poi, non essendosi qualificata per le Final Four di Coppa Italia (Firenze, 4/5 marzo), potrà tirare un po’ il fiato. Questa mattina le farfalle sono volate in Bielorussia, a Minsk, mentre domenica saranno di scena al Mandela Forum