La Lega sfida il premier: “A Varese la Waterloo di Renzi”

Tre giorni di idee dal 25 al 27 settembre con Salvini, Chiesa, Allam, Oneto e Raffo

11 settembre 2015
Guarda anche: AperturaPoliticaVarese
Lega

Due bandiere sul balcone di Piazza del Podestà per l’11 Settembre: Catalonia e Stati Uniti per testimoniare la vicinanza della Lega varesina alla marcia indipendentista di Barcellona e tenere al contempo alta la guardia contro l’integralismo islamico.
Due temi, l’indipendenza e la resistenza al terrorismo, solo apparentemente lontani secondo il coordinatore cittadino dei giovani leghisti, Davide Quadri, secondo cui: “E’ sempre in gioco la sovranità dei popoli, sia nell’esercizio della loro autonomia, sia nel diritto a vivere la propria identità senza dover subire le violenze e le intimidazioni di chi vuole riportare l’Europa nel più buio medioevo.”
“Ed è solo l’inizio” – promette Marco Pinti, segretario del Carroccio varesino che annuncia per la fine del mese una “tre giorni” di incontri che culmineranno domenica 27 Settembre con la conferenza di Magdi Cristiano Allam proprio sul tema del pericolo islamista (ore 17.30 in Camera di Commercio), seguita dal comizio in piazza Montegrappa di Matteo Salvini (ore 19.00).
“Da settimana prossima – annuncia il segretario – saranno peraltro disponibili nella nostra sede le copie in anteprima dell’ultimo libro di Magdi Allam, in cui si delinea chiaramente il pericolo dell’estremismo islamico in Italia, Varese compresa.”
Continua Pinti: “Siamo preoccupati del comportamento della comunità mussulmana varesina, segnalata anche in una relazione dei servizi di sicurezza, non solo per le dichiarazioni di simpatia all’ISIS da parte di uno dei suoi portavoce che ha paragonato la lotta del califfato alla resistenza dei partigiani italiani, ma anche per una serie di episodi inquietanti, uno su tutti l’incendio della pizzeria Gabri a Biumo, sui quali ancora non è stata fatta chiarezza.”
“Su tutto questo chiederemo un parere a Magdi Allam” – conclude Pinti ricordando che il giornalista – “è da anni costretto a una vita blindata nella civilissima Italia proprio per le sue denunce contro gli integralisti islamici.”
La rassegna leghista varesina aprirà le danze venerdì 25 Settembre (18.30) con lo scrittore Gilberto Oneto che nella sede della Lega Varesina racconterà i “fratricidi d’Italia”, smascherando le finzioni che tengono artificialmente lo stivale.
Sabato 26 al Caffè Socrate di piazza Montegrappa (17.30), saranno invece allo stesso tavolo due dei più prestigiosi analisti internazionali sulla scena : Giulietto Chiesa e Mauro della Porta Raffo che si confronteranno con il pubblico sui rischi del collasso del sistema occidentale.
“Sarà un festival delle idee – conclude Pinti – al termine del quale presenteremo il nostro manifesto programmatico , l’inizio della marcia verso il voto di primavera che farà di Varese la Waterloo di Renzi e del suo governo”.

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare