La galleria “Punto sull’arte” inaugura due mostre

Da segnare in agenda la data di sabato 19 novembre, doppia inaugurazione di mostre a Varese

14 novembre 2016
Guarda anche: Cultura Musica SpettacoloVarese Città
confronti_mostra

La galleria PUNTO SULL’ARTE compie cinque anni. E li festeggia SABATO 19 NOVEMBRE dalle ore 18 alle 21 inaugurando a esattamente cinque anni dal suo primo vernissage – era il 19 novembre 2011 – una mostra che racconta la sua storia. Non solo una collettiva che raccolga gli artisti che in questo periodo sono cresciuti insieme alla galleria e che la galleria promuove e sostiene, ma anche una vera e propria dichiarazione d’intenti da parte di una realtà che in un panorama complesso e variegato come quello dell’arte attuale ha sposato un’espressività dalle radici profondamente legate alla tradizione, un discorso pittorico (o scultoreo) decisamente contemporaneo e attuale ma che ama confrontarsi con l’arte del passato e con un concetto di bellezza riconoscibile (e riconosciuto). Raccogliendo il meglio dell’arte giovane italiana, ma con un occhio attento anche all’estero (Spagna, Sudamerica, Svezia, Stati Uniti), la galleria fa il punto sul proprio percorso ripercorrendolo per temi: dal PAESAGGIO, sia quello delle campagne che quello metropolitano (con Luca Gastaldo, Jernej Forbici, Andrea Mariconti, Arcangelo Ciaurro, Marika Vicari, Daniele Cestari, Matthias Brandes, Matteo Massagrande e Michele De Lucchi) alla FIGURA, dipinta ma anche tridimensionale, resa con la definizione della grande arte antica o in vibrazioni suggestive ai limiti dell’astratto (ecco Claudia Giraudo, Federico Infante, Ilaria del Monte, Liliana Cecchin, Pietro Scampini, Dolores Previtali, Nicola Biondani, Matteo Pugliese e Alex Pinna). Dalla simbologia intrigante del MONDO ANIMALE (Massimo Caccia, Gabriele Buratti, Johannes Nielsen, Matthias Verginer, Mario Branca e Alice Zanin) ai mille volti della NATURA MORTA (Ottorino de Lucchi, Paolo Quaresima, Maria Teresa Gonzalez Ramirez, Alberto Bortoluzzi, Alberto Magnani e Annalù). Fino a una lettura particolarissima dell’ASTRATTO (Tomàs Martínez Suñol, Paola Ravasio, Antonio Pizzolante, Jill Höjeberg e Marica Fasoli).
Artisti: ANNALÙ, BIONDANI, BRANCA, BRANDES, BORTOLUZZI, BURATTI, CACCIA, CECCHIN, CESTARI, CIAURRO, DEL MONTE, DE LUCCHI, FASOLI, FORBICI, GASTALDO, GIRAUDO, GONZALEZ RAMIREZ, HÖJEBERG, INFANTE, MAGNANI, MARICONTI, MASSAGRANDE, NIELSEN, PINNA, PIZZOLANTE, PREVITALI, PUGLIESE, QUARESIMA, RAVASIO, SCAMPINI, SUÑOL, VERGINER, VICARI, ZANIN.

Sabato 19 NOVEMBRE dalle 18 alle 21 s’inaugura, sempre presso la Galleria PUNTO SULL’ARTE a Varese (Casbeno), anche la mostra CONFRONTI. Dialogo sulla Natura Morta.
Due sguardi diversi e paralleli sulla natura morta da parte di due artisti che hanno condiviso un pezzo di strada (EMANUELE DASCANIO è stato per un certo periodo a bottega da GIANLUCA CORONA) e che in questa mostra si dividono lo spazio affidandosi uno, Corona, al colore dell’olio e l’altro, Dascanio, al gioco chiaroscurale della matita e del carboncino.
Nei lavori di Corona la frutta, i fiori, gli ortaggi sono raccontati ad altissima definizione in atmosfere rarefatte, indefinibili, senza tempo, allineati quasi in un omaggio alle teorie di bottiglie di un grandissimo maestro come Morandi. La sensazione di una personalizzazione dell’oggetto è tangibile nella sottintesa espressività, in una sorta di emotività che l’artista riesce ad attribuire alla natura inanimata anche solo attraverso l’inquadratura, o scegliendo frutti e ortaggi dalle forme inconsuete, o, ancora, focalizzando sull’imperfezione, magari sul segno lasciato dal becco di un uccello. Una suggestione al ritratto che in Dascanio si fa ancora più pressante nella decisione di affondare l’oggetto in uno spazio nero e indefinibile e poi di farlo emergere come se fosse solo sostanziato di luce. Il cocco spaccato che ci mostra impudico il suo cuore polposo – così come il limone che galleggia nell’aria – ci appare come al centro di un palcoscenico, inondato dalla luce di un riflettore, e così sembra parlarci, declamare, quasi; mentre la luce attraversa le foglie scolpendone pori e nervature oppure si fa scultura astratta in un semplice groviglio di cellophane.

Tag:

Leggi anche:

  • Cabine D’arte, mostra conclusiva del progetto decorativo di Varese

    La mostra è il punto conclusivo del progetto inerente la decorazione artistica delle CABINE SEMAFORICHE nato grazie alla collaborazione con il Comune di Varese e l’Associazione Wg Art e avente per tema: “Varese, tra giardini, laghi e monti”. Le cabine semaforiche, da elementi anonimi
  • Fino al 5 maggio chiusa la Galleria San Bernardino

    Anas comunica che, per consentire i lavori di manutenzione e pulizia della galleria ‘San Bernardino’, sarà istituita la chiusura al traffico della strada statale 344 “di Porto Ceresio” tra il km 2,900 e il km 4,100, nel territorio comunale di Induno Olona, in provincia di Varese. La
  • Street Art Contest: vota la cabina più bella

    Negli ultimi mesi 26 cabine semaforiche dislocate nella città di Varese sono state decorate da altrettanti Artisti provenienti da tutta Italia che hanno così contribuito a ridisegnare l’estetica della città come galleria diffusa open air. Il progetto è nato dalla collaborazione tra la
  • “Punto sull’Arte” torna a dipingere le cabine telefoniche

    Sabato 7 aprile sarà l’ultima giornata a disposizione dei nostri artisti per la realizzazione dei loro progetti che andranno a rivalorizzare altre 19 cabine semaforiche. Gli artisti che parteciperanno a quest’ultima giornata sono: Fausto Bianchi, Alessio Bolognesi, Kler, Enrico Colombo,