Interreg “Governa TI-VA”, si cerca un Program manager

Palazzo Estense lancia la selezione. Obiettivo una migliore cooperazione tra Italia e Svizzera nella governance territoriale

04 Novembre 2019
Guarda anche: LavoroVarese Città

Un manager capace di gestire il programma di Cooperazione Interreg “Governa TI-VA”, per il quale il Comune di Varese e gli altri soggetti coinvolti si sono aggiudicati un finanziamento; un professionista che porterà in una nuova dimensione i rapporti tra Italia e Svizzera per quanto riguarda la governance del territorio. Palazzo Estense ha pubblicato sul proprio sito internet il bando per la selezione di una nuova figura, cui spetterà la pianificazione operativa e il monitoraggio delle fasi di realizzazione del progetto. Le domande andranno presentate entro le ore 17.00 di lunedì 18 novembre.

Governa TI-VA” interesserà nel triennio 2019/2022 Varesotto e Canton Ticino, aree geografiche fortemente interconnesse per storia, cultura ed economia. Obiettivo è quello di ottenere un’accresciuta capacità delle amministrazioni comunali di attuare programmi e azioni condivise, mettendo in comune buone pratiche e basi di conoscenza e sviluppando programmazioni congiunte.

Cinque i soggetti coinvolti: Comune di Varese, capofila italiano; l’Università della Svizzera Italiana come capofila svizzero; Anci Lombardia; Associazione PPP; Sezione enti locali Canton Ticino. Base di partenza sono alcune criticità che il contesto attuale evidenzia, da una limitata conoscenza reciproca tra gli attori pubblici e privati dei due lati del confine a una preminenza di amministrazioni locali piccole e frammentate, passando per una non piena assimilazione di competenze di governance da parte dei decisori politici e del personale pubblico. Criticità che “Governa TI-VA” cercherà di ridurre consolidando il ruolo di regia degli enti locali nella programmazione di azioni sovracomunali e transnazionali.

A guidare buona parte di questo processo – che comprenderà tra l’altro incentivi per le politiche di mobilità efficaci e sostenibili e un nuovo sistema di raccolta dati per l’analisi del territorio – sarà proprio la figura del Program manager. Palazzo Estense, per questo professionista, offre un contratto di collaborazione autonoma fino al 18 luglio 2022. Suoi compiti, come già accennato, da un lato la pianificazione operativa dei Work Package in cui si articola il progetto, dall’altro il monitoraggio dello stato di avanzamento delle attività e della spesa, l’analisi degli scostamenti e delle possibili cause, la proposta di eventuali azioni correttive.

La presentazione delle candidature potrà essere effettuata di persona all’Ufficio Protocollo, mediante raccomandata con avviso di ricevimento o via posta elettronica certificata all’indirizzo protocollo@comune.varese.legalmail.it.

Per ogni altra informazione in merito ai requisiti necessari per i candidati, ai criteri di selezione e di valutazione, alle prestazioni richieste e al compenso è possibile consultare l’avviso integrale.

Tag:

Leggi anche:

  • Intercettato e fermato il conducente del veicolo dell’incidente in Via Sant’Imerio

    È stato intercettato e fermato il conducente del veicolo che questa mattina ha causato un incidente mortale in via Sant’Imerio a Varese. Gli agenti della Polizia Locale di Varese, grazie alle immagini delle telecamere posizionate in largo Flaiano, hanno potuto accertare la targa e il
  • Lo Chalet Martinelli riapre le porte per l’inverno

    Le porte che riaprono prima dell’arrivo del grande freddo, lo Chalet Martinelli che a partire da stasera torna casa per i senzatetto durante la stagione invernale. Un progetto portato avanti, come gli scorsi anni, dai Servizi sociali del Comune di Varese e dall’associazione Angeli
  • Passaggio generazionale: come gestirlo in impresa

    Il passaggio generazionale è molto spesso uno dei momenti più delicati nella vita delle imprese. Oggi poi, per ragioni anagrafiche degli imprenditori al comando, il tema riguarda un numero crescente di realtà operative sul mercato: «Basti pensare che, su 1 milione e 400mila imprenditori attivi
  • Scuole, al via la sostituzione delle caldaie

    Cambiare le caldaie per avere nuovi sistemi efficienti e garantire il massimo confort dei ragazzi nelle scuole. Un doppio intervento prima che arrivi il freddo quello che riguarderà le primarie “Ugo Foscolo” e “Luigi Sacco”, per sostituire impianti che non funzionano