Imbrattamenti e degrado a Busto Arsizio: segnalalo via mail

L'amministrazione e il Distretto del Commercio hanno messo insieme una task force contro a difesa del decoro urbano. I cittadini invitati a segnalare aree di degrado attraverso un indirizzo di posta elettronica

24 agosto 2015
Guarda anche: Busto Arsizio
Graffiti 3

Riparte una serie di azioni coordinate dall’Amministrazione comunale e dal Distretto Urbano del Commercio tese a garantire decoro, pulizia e prevenzione, non solo nelle aree centrali, ma potenzialmente allargate a tutte le priorità segnalate dai diversi settori dell’amministrazione pubblica.

In particolare, la task force che coinvolge il manager del distretto, i collaboratori del Sindaco e i garanti delle manutenzioni di Agesp attività strumentali sta focalizzando la sua attenzione sugli interventi di decoro delle facciate e di pulizia e disinfestazione delle aree dismesse e cantierali, in uno con la progettazione di un minimo di servizio teso a garantire servizi igienici e pubblici nelle zone più critiche della città. 

Tale progetto di task force, come ormai dovrebbe essere noto, si propone anche di ampliare le offerte di lavoro, pur parziale, all’interno delle inclusioni sociali e della dignità che ogni attività lavorativa è in grado di restituire e di offrire, soprattutto a chi in una fase transitoria si trovi a convivere con il degrado ed il vuoto.

Come noto, tale sforzo è reso possibile, oltre che dal quotidiano impegno del distretto e dei numerosi volontari, soprattutto dal Fondo famiglia lavoro che, via via negli anni, è andato costituendosi e alimentandosi, non solo attraverso il contributo dell’amministrazione (all’inizio il 100%), oggi circa il 35%, ma soprattutto attraverso la capacità di auto produrre servizi, opportunità e possibilità.

Tenuto conto dell’esperienza positiva e sperimentale che durante l’anno in corso e nel precedente ha consentito di mettere in campo ben più di 50000 ore di voucher e, soprattutto, fatto tesoro di alcune criticità, segnalazioni e difficoltà incontrate, l’amministrazione ha deciso di allargare l’opportunità di avvalersi delle prestazioni e dei servizi oggi al centro dei primi progetti, anche a privati e proprietari che intendano segnalare e concordare interventi di decoro, pulizia ed altro, con prioritaria attenzione ai graffiti.

Ciò consentirà, nella tutela del patrimonio privato e pubblico, di contribuire alla diffusione di una cultura del rispetto e dell’educazione, utile almeno quanto la repressione e la sanzione, ma soprattutto permetterà, attraverso un atteggiamento responsabile, di far vivere, nel rispetto delle proprietà private, i beni e gli interessi pubblici che ne possono scaturire e di partecipare attivamente a quella cultura del dono e della condivisione che ci può far sentire comunità attiva.

Per favorire tutto ciò, da oggi ci si può rivolgere direttamente all’amministrazione, utilizzando la mail: bustoordinata@comune.bustoarsizio.va.it.

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio