Il sindaco che vieta i botti. E si fa un selfie con l’amico a quattro zampe

Riccardo Fasoli, primo cittadino di Mandello del Lario, ha lanciato il suo appello contro petardi e fuochi su Facebook

29 dicembre 2015
Guarda anche: Lombardia
IMG-20151229-WA0000

A volte non basta lanciare un semplice appello, per sensibilizzare le persone su un tema. Occorre raggiungerle in maniera più diretta e “colpirle”. 

Così il sindaco di Mandello del Lario Riccardo Fasoli non si è limitato a dire ai suoi concittadini di non utilizzare i botti di Capodanno. Ma si è fatto un bel selfie con il suo amico a quattro, reggendo appunto il cartello con la scritta “No ai botti”, pubblicando su Facebook. Insomma, un modo originale per lanciare una messaggio importante, che forse otterrà maggiore attenzione.

Nella giornata di ieri il sindaco ha quindi emanato un’ordinanza che vieta l’utilizzo dei botti sul territorio comunale.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti