Il dramma delle foibe all’Università dell’Insubria

Domani mattina si ricorda l'esodo giuliano-dalmata nell'aula magna di via Ravasi

05 febbraio 2016
Guarda anche: Varese Città
Foiba_di_Vines_-_recupero_cadaveri

Il dramma dell’esodo istriano, fiumano e dalmata e gli eccidi delle foibe saranno ricordati sabato 6 febbraio 2016 dal Comitato Provinciale di Varese della Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, con una cerimonia organizzata nell’Aula Magna dell’Università degli Studi dell’Insubria, di via Ravasi 2, a Varese. Il prossimo 10 febbraio, infatti, ricorre il Giorno del Ricordo delle Foibe e dell’esodo degli italiani dalla Venezia Giulia e dalla Dalmazia, che il Trattato di pace del 1947 assegnò alla Jugoslavia di Tito. Con il Trattato di Parigi i territori italiani si trovarono improvvisamente sotto una nuova bandiera, ma già da tempo erano iniziate violenze e soprusi che portarono alla morte di migliaia di civili e all’esodo di 350.000 italiani, dispersi poi in Italia e nei cinque continenti. Gli esuli abbandonarono tutto: case, terre, pascoli, industrie, attività commerciali e marittime. Ricominciare da zero fu difficile e doloroso, e la loro vicenda fu coperta da un velo di silenzio che per 60 anni ha tenuto l’opinione pubblica allo scuro di quel dramma.

L’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia nasce al termine della seconda Guerra Mondiale per assistere gli italiani fuggiti dalle proprie terre di Istria e Dalmazia sotto la barbarie della pulizia etnica jugoslava.

La cerimonia – organizzata annualmente a Varese – rinnova un sentimento e un clima di autentica vicinanza e solidarietà tra le Istituzioni della democrazia e le rappresentanze dei famigliari delle vittime di orribili stragi come quelle compiute nelle foibe, insieme alle rappresentanze delle popolazioni italiane costrette all’esodo dalle Terre istriane, fiumane, dalmate.

Il programma prevede, dopo i saluti del Presidente, Dottor Pier Maria Morresi, l’intervento del Professor Antonio Maria Orecchia: “Tra cronaca e storia – le foibe, l’esodo, le vicende del confine orientale d’Italia” e con la proiezione del video originale “Pola Addio”. A seguire sarà donato all’Università dell’Insubria il “Codice Diplomatico Istriano di Pietro Kandler” presentato dal curatore Dottor Argeo Benco. Quindi saranno consegnati attestati di benemerenza a studenti di scuole della Provincia di Varese che hanno partecipato al bando regionale dedicato al Giorno del Ricordo. In chiusura della cerimonia saranno intonati i Canti della tradizione dal Coro ANA Monterosa di Busto Arsizio.

Ingresso libero.

Tag:

Leggi anche:

  • Il giovane portiere azzurro Gianmarco Nicosia è un giocatore della Pallanuoto BPM Sport Management

    L’ex tesserato della Roma Vis Nova arriva alla corte del Presidente Sergio Tosi a conferma dell’opera di ringiovanimento della squadra e di un progetto tecnico rivolto al presente e che guarda con ambizioni al futuro. Da domenica Gianmarco Nicosia sarà dunque a Busto Arsizio per fare la
  • Eolo Campo dei Fiori Trail, sabato 23 settembre a Gavirate

    L’evento organizzato dalla 100% Animatrail  è in programma per tutta la giornata di sabato 23 settembre. Con il sostegno di Varese Sport Commission e Atletica Gavirate, a tutti i partecipanti verrà offerta la possibilità di scegliere tra una delle cinque gare proposte, tre agonistiche, una
  • Giro del Lago di Varese, domenica 24 settembre

    Domenica 24 settembre, con il patrocinio del Comune di Varese, Africa&Sport, Sestero Onlus e Veloclub Sommese, la Gam Whirlpool e Polha Varese hanno organizzato un doppio appuntamento sportivo: Il giro del lago di Varese e Tre ruote intorno al lavoro. Un doppio appuntamento sportivo, una gara
  • Tra borghi e vigneti sulla Via dei Terrazzamenti

    La Via dei Terrazzamenti è un percorso suggestivo che si sviluppa per 70 chilometri da Morbegno a Tirano attraverso borghi, boschi e vigne che si trovano sul versante retico della Valtellina. Durante la nostra gita ne percorreremo un tratto tra i più caratteristici di circa 15 chilometri da