Il dramma delle foibe all’Università dell’Insubria

Domani mattina si ricorda l'esodo giuliano-dalmata nell'aula magna di via Ravasi

05 febbraio 2016
Guarda anche: Varese
Foiba_di_Vines_-_recupero_cadaveri

Il dramma dell’esodo istriano, fiumano e dalmata e gli eccidi delle foibe saranno ricordati sabato 6 febbraio 2016 dal Comitato Provinciale di Varese della Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, con una cerimonia organizzata nell’Aula Magna dell’Università degli Studi dell’Insubria, di via Ravasi 2, a Varese. Il prossimo 10 febbraio, infatti, ricorre il Giorno del Ricordo delle Foibe e dell’esodo degli italiani dalla Venezia Giulia e dalla Dalmazia, che il Trattato di pace del 1947 assegnò alla Jugoslavia di Tito. Con il Trattato di Parigi i territori italiani si trovarono improvvisamente sotto una nuova bandiera, ma già da tempo erano iniziate violenze e soprusi che portarono alla morte di migliaia di civili e all’esodo di 350.000 italiani, dispersi poi in Italia e nei cinque continenti. Gli esuli abbandonarono tutto: case, terre, pascoli, industrie, attività commerciali e marittime. Ricominciare da zero fu difficile e doloroso, e la loro vicenda fu coperta da un velo di silenzio che per 60 anni ha tenuto l’opinione pubblica allo scuro di quel dramma.

L’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia nasce al termine della seconda Guerra Mondiale per assistere gli italiani fuggiti dalle proprie terre di Istria e Dalmazia sotto la barbarie della pulizia etnica jugoslava.

La cerimonia – organizzata annualmente a Varese – rinnova un sentimento e un clima di autentica vicinanza e solidarietà tra le Istituzioni della democrazia e le rappresentanze dei famigliari delle vittime di orribili stragi come quelle compiute nelle foibe, insieme alle rappresentanze delle popolazioni italiane costrette all’esodo dalle Terre istriane, fiumane, dalmate.

Il programma prevede, dopo i saluti del Presidente, Dottor Pier Maria Morresi, l’intervento del Professor Antonio Maria Orecchia: “Tra cronaca e storia – le foibe, l’esodo, le vicende del confine orientale d’Italia” e con la proiezione del video originale “Pola Addio”. A seguire sarà donato all’Università dell’Insubria il “Codice Diplomatico Istriano di Pietro Kandler” presentato dal curatore Dottor Argeo Benco. Quindi saranno consegnati attestati di benemerenza a studenti di scuole della Provincia di Varese che hanno partecipato al bando regionale dedicato al Giorno del Ricordo. In chiusura della cerimonia saranno intonati i Canti della tradizione dal Coro ANA Monterosa di Busto Arsizio.

Ingresso libero.

Tag:

Leggi anche:

  • Andrea Piccolo vince la 41° Piccola Tre Valli Varesine

    Sono stati 129 i ragazzi categoria Allievi che hanno partecipato alla 41° edizione della Piccola Tre Valli Varesine, tradizionale gara valevole come 2° prova del Giro della Provincia e 3° Trofeo Veneto Banca. A tagliare per primo il traguardo, dopo 60 chilometri di gara, Andrea Piccolo del
  • Pallanuoto – La BPM Sport Management espugna Torino con una grande prestazione

    La terzultima giornata della regular season del Campionato di A1 non riserva sorprese per la BPM Sport Management. Il sette di Gu Baldineti batte in trasferta il Torino ’81 per 19-9 (3-2, 5-3, 7-0, 4-4) e grazie ad un’ottima prestazione continua la preparazione alla Final Six, in programma tra
  • Progetto Binda 2017, quando il ciclismo è passione

    Il “Progetto Binda 2017” prende ufficialmente il via martedì 25 aprile con la Piccola Tre Valli Varesine, giunta alla sua 41° edizione. La tradizionale gara – valevole come 2° prova del Giro della Provincia categoria Allievi e come 3° Trofeo Veneto Banca – si disputerà a Induno
  • La Pro Loco fa il “giro del mondo” con Paola Gianotti

    Emozionante serata nella Sala consiliare del Castello Visconteo per il “Mese della Cultura” organizzato dalla Pro Loco Fagnano Olona guidata da Armida Macchi e Paolo Bossi. Guest star del momento è stata la famosa ciclista Paola Gianotti, contattata tramite il Gruppo Sportivo