Ikea investe su Roma, Arese, Perugia: il colosso svedese continua a credere nell’Italia

Con un fatturato aumentato di quasi 2 miliardi dallo scorso anno, la società di arredamento svedese continua a vedere nell’Italia una grande fonte di guadagno

20 luglio 2017
Guarda anche: Italia

Prossima la tanto annunciata apertura ad Arese dove gli accordi sono già stati presi, un nuovo punto vendita a Roma (che sarà il terzo per la capitale italiana) e l’arrivo anche a Perugia: Ikea ha evidenziato un aumento degli introiti del 4,6% dal 2016 con un fatturato aumentato di 1,7miliardi di euro. Ikea Italia è il quindi mercato al mondo per il gruppo.

Dal 2006 ad oggi, dopo esattamente 11 anni, i prezzi si sono ridimensionati notevolmente permettendo all’azienda di affermarsi nel mondo dell’arredamento e diventato così il leader dei prodotti low cost per la casa; all’inizio una camera costata 1024€, oggi invece con 666€ il prodotto è già a casa.

L’azienda pensa positivo continuando, sia oggi che domani, ad investire sulla nostra penisola. In particolare il centro di Arese sarà un punto vendita molto importante, perché sarà possibile coprire la zona del Saronnese. La nuova apertura di Ikea Arese sarà anche un modo per offrire centinaia di posti di lavori (responsabili, impiegati, progettisti, cassieri, magazzinieri, repartisti e tante altre figure).

Tag:

Leggi anche:

  • Arese, Sordità e Russamento: visite gratuite di prevenzione

    La partecipazione è gratuita, previa prenotazione al numero 02 8345 6737 da lunedì a sabato dalle 12.00 alle 17.00 a partire dal 3 Febbraio (fino ad esaurimento posti). Le visite si svolgeranno presso Humanitas Medical Care, al primo piano Il Centro. “Sordità” sabato 17 e domenica 18
  • Attilio Fontana “Vogliamo le ZES”

    “Uno dei miei impegni da governatore sarà trattare con il prossimo Governo nazionale per la realizzazione delle Zone Economiche Speciali, peraltro già previste dal Governo per alcuni porti del Mezzogiorno, per cui noi lavoreremo per realizzare le Zone Economiche Speciali nelle aree di
  • Sanità in tilt, sciopero programmato per il 23 febbraio

    “Cambia la data, ma non le ragioni e le finalità del nostro sciopero – spiega Andrea Bottega, segretario nazionale NurSind – Il 26 febbraio, giorno da noi scelto per astenerci dal lavoro, infatti, risultava troppo ravvicinato a quello individuato dai camici bianchi. Abbiamo quindi deciso di
  • Via al Testamento Biologico

    In otto articoli si disciplina la normativa sulle cosiddette «dichiarazioni anticipate di trattamento», vale a dire la possibilità di indicare a quali terapie si vuole rinunciare e a quali condizioni nel caso in cui a un certo punto si sia impossibilitati a esprimere la propria