I Beni confiscati alla criminalità organizzata andranno alla città

La Giunta approva una delibera per acquisire immobili da destinare ad usi sociali

08 Novembre 2018
Guarda anche: Comune di VareseVarese Città

Due beni confiscati a Varese alla criminalità organizzata stanno per diventare di proprietà del Comune di Varese che intende destinarli ad un utilizzo a scopo sociale. La Giunta guidata dal sindaco Davide Galimberti ha infatti approvato una delibera in cui si manifesta l’interesse all’acquisizione dal Demanio pubblico dello Stato dei beni confiscati e al trasferimento degli immobili, a titolo gratuito, al patrimonio indisponibile del Comune, precisando che le finalità di utilizzo dei beni saranno quelle di portare avanti progetti legati al sociale. Gli immobili in questione si trovano in via Monte Golico e in via Tonale.

Tag:

Leggi anche:

  • Sicurezza nelle scuole: Conclusi i lavori alla San Giovanni Bosco

    Sicurezza, efficienza e maggiore confort: in sostanza una scuola più bella. Si sono conclusi i lavori alla Primaria San Giovanni Bosco dove in questi mesi sono stati sostituiti tutti gli infissi dell’edificio. L’altro intervento ha invece riguardato la palestra con la messa in
  • Strade, nuovo marciapiede in via Astico

    Un nuovo tratto di marciapiede in via Astico, dal civico 34 fino a via Lanfranconi. Opera che sarà completata anche da un nuovo impianto di illuminazione e alla quale si aggiungeranno, questa volta in via Ticino, altri due interventi: da un lato il sistema di irregimentazione delle acque bianche,
  • Stadio e Varesello, l’interesse arriva dall’Australia

    “Sarebbe utile approfondire gli aspetti inerenti allo stadio ‘Ossola’ e al centro sportivo ‘Varesello’, in aggiunta a eventuali altre strutture con destinazioni sportiva (con riferimento alle Olimpiadi Invernali 2026), alberghiera e di alloggio per studenti”. È
  • Strade, in via Bainsizza un guasto rallenta i lavori

    “Una perdita d’acqua dalle tubature sotterranee. Spesso succede quando i tubi sono vecchi o installati a una profondità non adeguata; basta anche solo una di queste due cause e, al passaggio dei mezzi per le asfaltature, le strutture cedono”. Così i tecnici comunali spiegano il