Guasti e ritardi. Per i pendolari Trenord sempre più disagi

I disagi che subiscono gli utenti del servizio ferroviario sono ormai quotidiani. Sui social network monta la protesta

04 giugno 2015
Guarda anche: Busto ArsizioGallarateItaliaMilanoVarese

Chi pensava che in vista di Expo il servizio ferroviario lombardo avrebbe avuto meno disagi, dovrà ricredersi. Sui social network sono quotidiane le “denunce” di disservizi da parte dei pendolari. 

Oggi, giovedì 4 giugno, un guasto ad un treno ha costretto i pendolari a scendere a Garbagnate per cambiare convoglio. Mentre sono continue le segnalazioni di ritardi anche sopra i 10 minuti su tragitti che non raggiungono la mezz’ora di durata prevista. Insomma, una situazione tutt’altro che accettabile.

Leggi anche:

  • Giro d’Italia numero 100: vince l’olandese Dumoulin

    Con la cronometro Monza-Milano (29.3 km) si è chiuso il Giro d’Italia numero 100. A vincere la celeberrima corsa in rosa targata 2017 è stato Tom Dumoulin, l’olandese della Sunweb che ha stupito un po’ tutti e che si è laureato il nuovo re in rosa. Quintana, Nibali e Pinot si classificano
  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad