Greta e Vanessa, Clerici: “Pagando il riscatto, l’Italia si è resa complice dei terroristi dell’Isis”

L'ex assessore, criticato aspramente quando si scagliò contro le due volontarie, oggi tira le somme su quello che rimane un caso ancora poco chiaro e con molti punti troppo oscuri

31 marzo 2016
Guarda anche: MondoVarese Città
Clericinuovo

Stefano Clerici, ex assessore a Varese, venne aspramente criticato quando si scagliò contro le due volontarie, Grate e Vanessa, rapite nel 2014 in Siria. Da più parti chiesero le sue dimissioni. Oggi, tuttavia, con l’avanzata dell’Isis, e i legami tra i ribelli siriani e lo Stato islamico, l’esponente di Fratelli d’Italia-Varese Cresce torna a dire la sua. E lo fa analizzando bene la situazione a freddo, ora che le simpatie dell’Occidente per i ribelli siriani sono venute meno.

“Con il senno di poi è evidente – dichiara Clerici – che le due ragazze nella migliore delle ipotesi fossero finite in un giro più grande di loro. Nella peggiore delle ipotesi invece c’era qualcosa di più. Il dubbio forte è che ci fosse qualche contatto tra gli ambienti terroristici e le due ragazze. Basti pensare ai selfie fatti con i famosi cartelloni, recanti scritte in arabo fatte da terzi, che non erano agnellini. Uno può pensare che fosse un caso, oppure che le due ragazze sapessero bene con chi si stavano schierando”.

E dopo questa precisazione, Clerici entra sulla questione del pagamento del riscatto.

“La cosa evidente è che qualcuno si è arricchito. Quel qualcuno sono i terroristi e i tagliagole che l’Occidente finge di combattere, ma in realtà finanzia con i meccanismi perversi dei riscatti. Il nostro Stato, pagando un riscatto, si è reso complice di un’operazione terroristica. Nessuno mi toglie dalla testa che le due stragi in Francia o quella in Belgio possano essere state finanziate anche con quegli 11 milioni di euro che l’Italia ha sganciato per riavere le due ragazze. Ora, i Paesi seri non tirano fuori una lira, piuttosto muovono l’intelligence e cercano di salvare le vite dei propri connazionali senza dare soldi ai gruppi di terroristi.  Il nostro non è un Paese serio, ma, nella migliore delle ipotesi, uno Stato di peracottari. Nella peggiore delle ipotesi, è stato complice. Per cui ha fatto bene chi ha presentato la denuncia per alto tradimento“.

E Clerici va giù anche più pesante: “Del resto, il governo Renzi compie atti di altro tradimento ogni giorno. Lo fa regalando 35 euro al giorno per gli immigrati, soldi che vanno alle cooperative gestite da associazioni pseudoumanitarie. Lasciando i nostri vecchi in mezzo alla strada. Sfrattando chi non può pagarsi il mutuo, non aiutando gli italiani in difficoltà.

E tornando al terrorismo: “E’ molto evidente che questi soldi siano stati utilizzati per finanziare i terroristi.

L’unico che sta lottando contro i terroristi dell’Isis è Assad, aiutato fortunatamente dalla Russia di Putin. Oggi è chiaro come i cosiddetti ribelli democratici della Siria siano in realtà tagliagole estremisti, legati direttamente all’Isis. E le due ragazze, spero inconsapevolmente e ingenuamente, si erano schierate con questi ultimi. All’ingenuità purtroppo ci credo fino a un certo punto. Ma fa ben sperare il fatto che, dopo il loro rientro, abbiano taciuto e non siano più apparse pubblicamente. Forse si tratta di un segnale positivo”.

Tag:

Leggi anche:

  • La Pallanuoto Banco BPM Sport Management sfida il CN Marsiglia

    È tutto pronto per la partita d’andata della semifinale di Len Euro Cup che domani alle ore 20.00 vedrà la Pallanuoto Banco BPM Sport Management ospite nella vasca dei francesi del CN Marsiglia. Non sarà una sfida facile per il sette di mister Marco Baldineti che andrà ad affrontare la
  • Due italiani sul podio della Coppa del Mondo di parapendio

    Il pilota Nicola Donini si è classificato secondo alla finale mondiale disputata a Roldanillo in Colombia e vinta dallo svizzero Michael Siegel. Il successo italiano è consolidato dal terzo posto di Joachim Oberhauser di Termeno (Bolzano). Eccellenti le prestazioni di Donini, ventiduenne di
  • Il Canottaggio mondiale ritorna a Varese con la Coppa del Mondo 2020

    Il Direttore Esecutivo della FISA Matt Smith ha informato il Presidente Federale Giuseppe Abbagnale che il Consiglio FISA, la Federazione Internazionale del canottaggio, riunitosi a Londra lo scorso week-end, ha assegnato a Varese la 2^ Coppa del Mondo in programma dal 1° al 3 Maggio 2020. Sempre
  • Pallanuoto Banco BPM Sport Management in trasferta contro la Rari Nantes Savona

    Tornerà in acqua sabato 20 gennaio alle ore 18.00 la Pallanuoto Banco BPM Sport Management che chiuderà il girone d’andata del campionato di serie A1 maschile con la sfida sul campo della Rari Nantes Savona. Una partita da prendere con le dovute cautele, perché dall’altra parte la formazione