Gocce 2016: giovedì in scena “Potevo essere io”

Arianna Scommegna sul palco del Teatro Nuovo

01 marzo 2016
Guarda anche: Culture e SpettacoloVarese
3037285_orig

Dopo il successo dello spettacolo di Marco Baliani e Maria Magletta  “Identità”, il cartellone di “Gocce 2016. Teatro contemporaneo tra
pensiero e memoria” proseguirà giovedì 3 marzo 2016, presso il Cinema  Teatro Nuovo di Varese con Arianna Scommegna, splendida attrice già  vincitrice del Premio UBU 2014 come miglior attrice, nello  spettacolo “Potevo essere io”, tratto dal bel romanzo di Renata  Ciaravino e con la supervisione registica di Serena Sinigaglia.
Uno spettacolo divertente, commovente, intenso, che parla un po’ di  tutti noi. 
3 marzo 2016, ore 21 – CINEMA TEATRO NUOVO
ARIANNA SCOMMEGNA
“Potevo essere io”

Di Renata Ciaravino
Con Arianna Scommegna
Video e Scelte Musicali di Elvio Longato
Luci di Carlo Compare
Supervisione Registica di Serena Sinigaglia
Assistente alla Regia e collaborazione alla riduzione del testo Elvio
Longato
Set di Maria Spazzi
Realizzazione Scene di Raffaella Colombo, Lidia De Rosa e Anna Masini
Produzione Dionisi Compagnia Teatrale/Kilowatt Festival/ Teatro
Dell’orologio di Roma
Con il sostegno di Aia Taumastica/Torre dell’acquedotto e Atir/Teatro Ringhiera

Spettacolo Vincitore Del Bando Nextwork 2013 – Teatro Dell’orologio Di  Roma/Kilowatt Festival
Spettacolo Vincitore Del Festival Della Valtellina 2014

Uno spettacolo dedicato ai bambini che siamo stati e che non smetteremo  mai di essere, uno spettacolo dedicato a chi è sopravvissuto
all’infanzia e della cui sacralità ha saputo ben poco.
I bambini coi genitori terroni che giocavano in cortile a lanciarsi  palloncini con dentro le lamette, le mamme che facevano le pulizie negli
ospedali, i piedi impigliati in scarpe da tennis con la punta tagliata  che diventavano sandali da tennis, per risparmiare. I ragazzi che al
parco si sputavano in faccia, dopo essersi tirati i capelli in una  piscina comunale, che facevano la tangenziale contromano per scommessa,
che facevano l’amore nei parcheggi vuoti dei supermercati. Quei bambini  e ragazzi poi sono cresciuti: ognuno a procedere alla cieca cercando di
salvarsi. Ma cosa ci fa salvare? E se uno si salva, veramente si è  salvato? Cosa ci fa andare da una parte o dall’altra? Quante volte
abbiamo detto: “Potevo essere io, e invece, poi, no.” “Potevo essere io”  è il racconto di una bambina e un bambino che diventano grandi partendo
dallo stesso cortile. Due partenze, stessi presupposti. Ma finali  diversi. E in mezzo la vita.
Chi racconta è quella bambina: che cerca di capire insieme allo  spettatore, cosa sono state queste due storie, perché e come, e se si
sono veramente differenziate, o sono state solo due modi di vivere lo  stesso sconcerto.
“Potevo essere io” racconta una storia ma non è uno spettacolo di  narrazione pura. Perché in scena ci sono anche quelle persone-personaggi
che hanno attraversato la vita dei due protagonisti: un allenatore di  kick boxing, una stella emergente del pop croato, un regista di film  porno, una merciaia di Casal di Principe, una cartomante del quartiere  di Niguarda… “Potevo essere io” racconta tutto questo cercando la
lievità, la commedia che irrompe nella tragedia. Un allestimento scarno,  le parole, pochi oggetti: il minimo indispensabile per una frontalità
assunta, senza mediazioni. Una sola concessione: affianco alle parole ci  saranno alcuni video, perché certe immagini evocano e insieme aiutano a
non mentire. Non proiezioni a tutto schermo però, ma un accompagnamento  intimo, su supporti leggeri. Il bambino che siamo stati è lì sgranato in
super 8, mentre guarda distese di finestre dal nono piano di un palazzo  senza balconi e una voce dice: “Girati, stiamo girando il filmino.  Sorridi!”.

Biglietti: Intero, 15 € – Ridotto, 12 € – Studenti, 10 €.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti