Giorno della Memoria: i Giovani Padani riflettono con Edith Besozzi e Demetrio Serraglia

Il gruppo guidato da Davide Quadri invita i varesini stasera in piazza del Podestà

27 gennaio 2016
Guarda anche: Varese
Giornatadellamemoria

Tra le tante iniziative dedicate a celebrare lo storico arrivo dell’armata rossa ad Auschwitz  c’è anche quella organizzata dai Giovani Padani di Varese, che si troveranno alle 21,00 del 27/01 nella storica sezione “lumbard” di piazza del Podestà a Varese per analizzare il significato del Giorno della Memoria nel 2016 e la storia del Ventennio nel Varesotto.
I relatori della serata organizzata dal coordinatore bosino dei Giovani Padani, Davide Quadri, saranno lo storico Demetrio Serraglia, la scrittrice Ariel Shimona Edith Besozzi e il segretario leghista Marco Pinti. 

“L’iniziativa è aperta a tutta la cittadinanza e specialmente ai giovani varesini.” Propone così l’evento Davide Quadri , secondo cui “questa serata vuole essere un momento di confronto e riflessione sulle ideologie totalitarie che hanno contraddistinto il XX secolo, soffermandoci specificatamente sulle radici della Shoah. Crediamo sia molto utile in un 2016 macchiato da persecuzioni religiose in ogni parte del pianeta, da Parigi alla Nigeria, dalla Siria ai paesi del Golfo Persico affrontare questo tema. L’incontro è calzante sopratutto dinnanzi all’ignavia dei governanti italiani ed europei che per qualche dollaro fanno da simpatici comprimari ai regimi più sanguinari del mondo, basti vedere i viaggi ed i ricevimenti medio-orentali di Renzi.”
Frasi che fanno  eco a quanto espresso dal segretario padano Matteo Salvini: “Renzi accoglie con tutti gli onori il presidente dell’Iran, lo stesso “signore” che vorrebbe cancellare Israele dalla faccia della terra.”
E magari domani Renzi farà il burattino alla Giornata della Memoria, per ricordare lo sterminio degli Ebrei…
Renzi IPOCRITA, e anche complice!
P.s. Per la visita degli Iraniani, ieri sono state “coperte” da pannelli bianchi alcune statue di nudi dei Musei Capitolini, per rispetto…
Roba da matti.”

Tag:

Leggi anche: