Geniez vince la 97° Tre Valli Varesine

Il francese Alexandre Geniez (AG2R La Mondiale) vince la 97a Tre Valli Varesine davanti a Thibaut Pinot e Vincenzo Nibali.

04 ottobre 2017
Guarda anche: SportVarese Città

La Tre Valli Varesine delle grandi stelle parla francese: sul gradino più alto del podio sale, a sorpresa, Alexandre Geniez (AG2R La Mondiale), che rimonta il connazionale Thibaut Pinot (La Francaise des Jeux) e Vincenzo Nibali (Bahrain Merida), con Diego Ulissi (UEA Emirates), ultimo componente del quartetto che si gioca il successo sul traguardo di via Sacco, incapace nel frenetico finale di far valere il suo spunto sulla carta più veloce.

Geniez, alla sua terza partecipazione alla Tre Valli Varesine, non è esattamente un corridore vincente: 29 anni, i suoi più importanti successi (dieci in tutto in carriera) sono due tappe alla Vuelta, nel 2013 e nel 2016, mentre quest’anno i suoi successi sono stati due frazioni di due corse “minori” francesi, il Tour La Provence e il Tour de l’Ain; al suo attivo anche il 9° posto al Giro d’Italia del 2015.

Emozionante il finale di gara, con il gruppo tornato compatto sull’ultima ascesa del Montello, a 8 chilometri dal traguardo. All’inizio dell’ultima ascesa che da Bobbiate porta al traguardo Vincenzo Nibali ha attaccato con veemenza, trascinando alla propria ruota solo Thibaut Pinot; Ai 300 metri sono però rientrati Alexandre Geniez e Diego Ulissi e nella volata Geniez ha fatto valere il suo spunto, “bruciando” sul traguardo Pinot che aveva cominciato lo sprint, e Nibali.

La prima parte della gara è stata movimentata da una fuga di sei corridori che hanno preso il largo dopo una decina di chilometri e hanno avuto un vantaggio massimo vicino al 9 minuti. Tonelli (Bardiani CSF), Carlini (D’Amico Utensilnord), Bernardinetti (Amore & Vita), Rubio Hernandez (Caja Rural), Turek (Israel) e Nych (Gazprom Ruzvelo) i protagonisti di giornata, con Nielsen (Orica Scott) a lungo a pendolare tra i battistrada e il gruppo inseguitore.

All’inizio del circuito cittadino da ripetere per nove volte, lo svantaggio del gruppo si era già ridotto (6’59”) ed è poi andato progressivamente scemando, sino al ricongiungimento avvenuto all’inizio del settimo giro sotto la spinta delle grandi squadre (Barhain Merida, Team Sky e Sunweb le più attive, Tonelli, Rubio Hernandez e Turek gli ultimi della fuga iniziale ad arrendersi, raggiunti dapprima da Latour, Halilaj e Verona).

Il nuovo sestetto ha comunque resistito per diversi chilometri, dapprima perdendo Tonelli e poi “acquistando” Masnada e Poljanski, protagonisti di un ottimo spunto che ha consentito loro di rientrare sulla testa della corsa.

Al penultimo giro ci ha provato Verona salendo da Bobbiate ma a questo punto sono stati Bahrain Merida e Team Sky a prendere in mano la situazione, con Gasparotto, Visconti ed Elisonda in grado di accelerare e di favorire il recupero del gruppo a metà dell’ultima tornata.

Il cedimento di Colbrelli all’ultimo passaggio sulla salita del Montello ha consegnato a Vincenzo Nibali i gradi di punta principale della sua squadra per il finale di gara e infatti il messinese ha cercato il successo, trovando però la coppia francese a sbarrargli il passo.

«E’ il giorno più importante della mia carriera – ha detto in conferenza stampa il vincitore Alexandre Geniez – anche se in passato ho avuto belle soddisfazioni e vinto gare di una carta importanza. Ma questa è una vittoria che può davvero cambiare una carriera. No, non mi aspettavo di essere protagonista nella finale, credo che se non avessero attaccato Nibali e Pinot non mi sarei mosso. Ma a volte per vincere bisogna saper aspettare.»

Renzo Oldani, presidente della Società Ciclistica Alfredo Binda, esprime la sua soddisfazione per la gara e per la partecipazione di pubblico: «Sono stati tre giorni di grande sport e mi riferisco anche ai due giorni della Gran Fondo. Ringrazio tutti, in particolare i corridori che sono stati interpreti di una corsa magnifica. Grande gesto atletico quello di Geniez, che prima è rientrato su Nibali e Pinot e poi li ha infilati sul traguardo. Grazie a tutto lo staff della S.C. Binda e grazie a tutti i nostri volontari che hanno dato il massimo per organizzare in modo magistrale i nostri due eventi internazionali come la Gran Fondo Tre Valli Varesine e la 97° Tre Valli Varesine.»

Ora il grande ciclismo prosegue con la Milano-Torino di giovedì e con il Giro di Lombardia da Bergamo a Como di sabato.

A rendere possibile l’organizzazione di questo grande evento, l’appuntamento sportivo più importante di tutto il varesotto, contribuiscono in maniera significativa, facendo squadra, Istituzioni pubbliche come, in primis,

Tag:

Leggi anche:

  • La Pallanuoto Banco BPM Sport Management sfida il CN Marsiglia

    È tutto pronto per la partita d’andata della semifinale di Len Euro Cup che domani alle ore 20.00 vedrà la Pallanuoto Banco BPM Sport Management ospite nella vasca dei francesi del CN Marsiglia. Non sarà una sfida facile per il sette di mister Marco Baldineti che andrà ad affrontare la
  • Due italiani sul podio della Coppa del Mondo di parapendio

    Il pilota Nicola Donini si è classificato secondo alla finale mondiale disputata a Roldanillo in Colombia e vinta dallo svizzero Michael Siegel. Il successo italiano è consolidato dal terzo posto di Joachim Oberhauser di Termeno (Bolzano). Eccellenti le prestazioni di Donini, ventiduenne di
  • Il Canottaggio mondiale ritorna a Varese con la Coppa del Mondo 2020

    Il Direttore Esecutivo della FISA Matt Smith ha informato il Presidente Federale Giuseppe Abbagnale che il Consiglio FISA, la Federazione Internazionale del canottaggio, riunitosi a Londra lo scorso week-end, ha assegnato a Varese la 2^ Coppa del Mondo in programma dal 1° al 3 Maggio 2020. Sempre
  • Pallanuoto Banco BPM Sport Management in trasferta contro la Rari Nantes Savona

    Tornerà in acqua sabato 20 gennaio alle ore 18.00 la Pallanuoto Banco BPM Sport Management che chiuderà il girone d’andata del campionato di serie A1 maschile con la sfida sul campo della Rari Nantes Savona. Una partita da prendere con le dovute cautele, perché dall’altra parte la formazione