Gay Pride Varese, Boschini: “La nostra è una festa per sentirsi una grande famiglia, dove ognuno è accettato al 100%”

Il portavoce del Coordinamento Varese Pride Giovanni Boschini interviene dopo le dichiarazioni della giunta e invita al dialogo

10 febbraio 2016
Guarda anche: Varese Città
Boschini

Premesso che condanniamo fermamente ogni forma di violenza, minaccia o cyberbullismo, in quanto siamo liberi di manifestare e non facciamo del male a nessuno, inviterei chi critica a riflettere sulle proprie parole.
In primis perché l’evento deve ancora avvenire e, tirerò a indovinare, ma probabilmente chi si scaglia così tanto contro il pride non ha mai partecipato a un evento di questo tipo.
Dire che non bisogna sbandierare la propria sessualità, come ha detto recentemente il sindaco, è superficiale e sbagliato.

Noi ne facciamo un questione di orgoglio intesa come fierezza di essere ciò che si vuole e non di certo di supremazia: conosco personalmente gay e lesbiche, anche a Varese e provincia, giovanissimi e meno giovani, che sono letteralmente emarginati o addirittura sbattuti fuori di casa dalla stessa famiglia, perché, magari dopo un lungo percorso di accettazione, hanno rivelato alla propria famiglia il proprio orientamento sessuale e non con poca fatica e sofferenza. Addirittura ci sono persone che si nascondono fino ai 40 o 50 anni e che non potendo dirlo alla propria madre o alla propria sorella per evitare ripercussioni arrivano addirittura a “fingere” di essere eterosessuali o ad avere una famiglia di copertura.

Qua nessuno vuole sbandierare nulla: semplicemente il nostro è un corteo, una festa, dove ognuno può sentirsi parte di una grande famiglia, accettato al cento per cento. Un evento dove nessuno viene giudicato o tanto meno escluso. Al di là dei colori e dell’allegria, è una grande festa di importante rilevanza sociale, dove anche chi è emarginato dalla stessa famiglia può uscire di casa e divertirsi allegramente, magari facendo anche conoscenza con qualcuno. Le finalità dell’evento sono descritte nella richiesta di patrocinio:
chiedo alle istituzioni locali di valutare il tutto con oggettività, senza lanciarsi in scontri ideologici o affermazioni feroci e soprattutto con la capacità di saper ascoltare anche una parte della popolazione che esiste in tante famiglie, anche dalle nostre parti.

A chi dice che la richiesta di patrocinio non sarebbe idonea per il comune dico che lo stesso patrocinio è stato dato a Milano, Pavia e molte altre città italiane. È una consuetudine sia in Italia che all’estero. Il significato del Pride va ben oltre il concetto distorto della “baracconata” descritto dai nostri detrattori: i pride rivendicano semplicemente il fatto che i gay, le lesbiche, i bisessuali e i transessuali debbano avere una propria dignità. Il significato di questo evento è profondo e deriva dai Moti di Stonewall, dalle repressioni della polizia americana nei confronti degli omosessuali negli anni ’60. Il nostro corteo è per chiedere un’inclusione sociale maggiore e gli stessi diritti dei cittadini eterosessuali.
Chi crede che la situazione sia rosea sotto il punto di vista dell’inclusione sbaglia, forse in buona fede: la situazione è critica anche da noi. Per fare esempi tangibili, più di una volta ho sentito insulti rivolti verso di me mentre ero per mano con il mio compagno e più di una volta ho sentito adolescenti dare del “gay” al proprio amico come se fosse un’offesa, una denigrazione.

Rimango a completa disposizione per dialogare in maniera costruttiva sull’evento

Giovanni Boschini
Coordinamento Varese Pride

Tag:

Leggi anche:

  • Varese Pride, migliaia di spettatori tra musica e polemiche

    Un successo la terza edizione del Varese Pride, la parata dell’orgoglio LGBTI+ realizzata da Arcigay Varese con il patrocinio di diversi enti (tra cui il Comune di Varese che ha collaborato alla realizzazione). Il corteo ha visto la presenza di diversi carri e associazioni: sul palco della
  • Galimberti contro i Volantini per il no al Varese Pride

    “Si tratta di un gravissimo e vergognoso atto di intolleranza che abbiamo provveduto a segnalare immediatamente alle Forze dell’ordine – così il sindaco Galimberti -. Varese è una città democratica dove chiunque può esprimere le proprie idee e manifestarle, soprattutto quando
  • Varese Pride, sabato 16 giugno strade chiuse e deviazioni

    Il Comune di Varese informa che domani, sabato 16 giugno, in occasione del Varese Pride ci saranno alcune interruzioni temporanee della circolazione. In particolare via Sacco sarà chiusa al traffico dalle 16.30 alle 18.00 circa. Le interruzioni poi seguiranno il percorso del corteo e le strade
  • Bandiere arcobaleno e torre civica illuminata: a Varese la terza edizione del Pride

        Presentata presso Palazzo Estense la terza edizione del Varese Pride. Sono intervenuti Giovanni Boschini (Presidente di Arcigay Varese), Dino De Simone e Rossella di Maggio (assessori del Comune di Varese) e Enzo LaForgia, capogruppo della lista progetto concittadino presso il consiglio