Gay Pride, il patricinio del Comune è quasi impossibile

Sindaco e assessori non si sbilanciano, ma propendono per il ''no''. Il vicesindaco Morello attacca: ''E' una deriva sociale''

09 febbraio 2016
Guarda anche: Varese
FB_IMG_1455043390469

Il Coordinamento Varese Pride ha annunciato che chiederà, per la manifestazione dell’orgoglio gay prevista il 18 giugno, il patrocinio a Comune e Provincia.

La richiesta non è ancora arrivata sul tavolo degli amministratori di Palazzo Estense. Ma i primi segnali sono decisamente poco incoraggianti per gli organizzatori del Pride.

Il sindaco Attilio Fontana si limita a dire come “ogni richiesta che arriva viene analizzata sulla base delle caratteristiche per le quali il Comune concede il patrocinio. Ovvero se si tratta essenzialmente di un’iniziativa di interesse pubblico e di coinvolgere la gente”.
Detto questo ribadisce quello che aveva già dichiarato in altre occasioni: “Fermo restando che i diritti della persona vanno sempre tutelati, sono favorevole al riconoscimento delle coppie di fatto. Ma sono sempre stato dell’idea che la sessualità non vada sbandierata in pubblico e faccia parte della vita intima di una persona”.

Mentre il vicesindaco Mauro Morello attacca la manifestazione. “Si spaccia per progresso sociale quella che è una deriva sociale – dice Morello – che poi può arrivaere fino alla degenerazione. In ogni famiglia prima vengono i figli. Prima delle regole viene la famiglia, prima della famiglia, nella famiglia, vengono i figli. Non è difficile. Dopo vengono tutti i capricci”.

Una risposta negativa arriva anche da altri due assessori, ovvero Riccardo Santinon (Forza Italia) e Carlo Piatti (Lega Nord). Piatti si limita a dire che “ne discuteremo e vedremo, anche se adesso propendo più per il no”.

Mentre Santinon sottolinea come “io sono favorevole al riconoscimento dei diritti degli omosessuali, ma una manifestazione come il Gay Pride non mi sembra abbia i requisiti per ottenere il patrocinio del Comune”.

Patrocinio che però venne dato ad un convegno che parlava della cosiddetta “teoria gender”. Santinon replica dicendo che “se venisse proposta una conferenza divulgativa, dove entrambe le parti possano parlare e confrontarsi, il patrocinio non sarebbe assolutamente negato. Alle conferenze divulgative, tra l’altro, il Comune è tenuto a concederlo quasi sempre”.

Tag:

Leggi anche:

  • Andrea Piccolo vince la 41° Piccola Tre Valli Varesine

    Sono stati 129 i ragazzi categoria Allievi che hanno partecipato alla 41° edizione della Piccola Tre Valli Varesine, tradizionale gara valevole come 2° prova del Giro della Provincia e 3° Trofeo Veneto Banca. A tagliare per primo il traguardo, dopo 60 chilometri di gara, Andrea Piccolo del
  • Pallanuoto – La BPM Sport Management espugna Torino con una grande prestazione

    La terzultima giornata della regular season del Campionato di A1 non riserva sorprese per la BPM Sport Management. Il sette di Gu Baldineti batte in trasferta il Torino ’81 per 19-9 (3-2, 5-3, 7-0, 4-4) e grazie ad un’ottima prestazione continua la preparazione alla Final Six, in programma tra
  • Progetto Binda 2017, quando il ciclismo è passione

    Il “Progetto Binda 2017” prende ufficialmente il via martedì 25 aprile con la Piccola Tre Valli Varesine, giunta alla sua 41° edizione. La tradizionale gara – valevole come 2° prova del Giro della Provincia categoria Allievi e come 3° Trofeo Veneto Banca – si disputerà a Induno
  • La Pro Loco fa il “giro del mondo” con Paola Gianotti

    Emozionante serata nella Sala consiliare del Castello Visconteo per il “Mese della Cultura” organizzato dalla Pro Loco Fagnano Olona guidata da Armida Macchi e Paolo Bossi. Guest star del momento è stata la famosa ciclista Paola Gianotti, contattata tramite il Gruppo Sportivo