Gay Pride, il patricinio del Comune è quasi impossibile

Sindaco e assessori non si sbilanciano, ma propendono per il ''no''. Il vicesindaco Morello attacca: ''E' una deriva sociale''

09 febbraio 2016
Guarda anche: Varese
FB_IMG_1455043390469

Il Coordinamento Varese Pride ha annunciato che chiederà, per la manifestazione dell’orgoglio gay prevista il 18 giugno, il patrocinio a Comune e Provincia.

La richiesta non è ancora arrivata sul tavolo degli amministratori di Palazzo Estense. Ma i primi segnali sono decisamente poco incoraggianti per gli organizzatori del Pride.

Il sindaco Attilio Fontana si limita a dire come “ogni richiesta che arriva viene analizzata sulla base delle caratteristiche per le quali il Comune concede il patrocinio. Ovvero se si tratta essenzialmente di un’iniziativa di interesse pubblico e di coinvolgere la gente”.
Detto questo ribadisce quello che aveva già dichiarato in altre occasioni: “Fermo restando che i diritti della persona vanno sempre tutelati, sono favorevole al riconoscimento delle coppie di fatto. Ma sono sempre stato dell’idea che la sessualità non vada sbandierata in pubblico e faccia parte della vita intima di una persona”.

Mentre il vicesindaco Mauro Morello attacca la manifestazione. “Si spaccia per progresso sociale quella che è una deriva sociale – dice Morello – che poi può arrivaere fino alla degenerazione. In ogni famiglia prima vengono i figli. Prima delle regole viene la famiglia, prima della famiglia, nella famiglia, vengono i figli. Non è difficile. Dopo vengono tutti i capricci”.

Una risposta negativa arriva anche da altri due assessori, ovvero Riccardo Santinon (Forza Italia) e Carlo Piatti (Lega Nord). Piatti si limita a dire che “ne discuteremo e vedremo, anche se adesso propendo più per il no”.

Mentre Santinon sottolinea come “io sono favorevole al riconoscimento dei diritti degli omosessuali, ma una manifestazione come il Gay Pride non mi sembra abbia i requisiti per ottenere il patrocinio del Comune”.

Patrocinio che però venne dato ad un convegno che parlava della cosiddetta “teoria gender”. Santinon replica dicendo che “se venisse proposta una conferenza divulgativa, dove entrambe le parti possano parlare e confrontarsi, il patrocinio non sarebbe assolutamente negato. Alle conferenze divulgative, tra l’altro, il Comune è tenuto a concederlo quasi sempre”.

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare