Galantino, l’immigrazione e il politicamente corretto

''Come cattolico mi sento allontanato dalle dichiarazioni del segretario della Cei''

19 agosto 2015
Guarda anche: ItaliaLettere
Immigrazione

“Costruire condizioni concrete di pace, per quanto concerne i migranti e i rifugiati, significa impegnarsi seriamente a salvaguardare anzitutto il diritto a non emigrare, a vivere cioè in pace e dignità nella propria Patria. Grazie a un’oculata amministrazione locale e nazionale, a un più equo commercio e a una solidale cooperazione
internazionale, ogni Paese deve essere posto in grado di assicurare ai propri abitanti, oltre alla libertà di espressione e di movimento, la possibilità di soddisfare necessità fondamentali quali il cibo, la salute, il lavoro, l’alloggio, l’educazione, la cui frustrazione pone molta gente nella condizione di dover emigrare per forza.

Esiste certamente anche il diritto ad emigrare. Alla base di tale diritto, ricorda il Beato Giovanni XXIII nell’Enciclica Mater et magistra, c’è la destinazione universale dei beni di questo mondo. Spetta ovviamente ai Governi regolare i flussi migratori nel pieno rispetto della dignità delle persone e dei bisogni delle loro famiglie, tenendo conto delle esigenze delle società che accolgono gli immigrati”.

Così recitava una parte dell’intervento di Papa Giovanni Paolo II in occasione della 90esima Giornata mondiale del migrante e del  rifugiato, parole che stridono sia con le sterili polemiche esplose negli ultimi giorni in riferimento alle dichiarazione fatte dal Segretario generale della CEI, mons. Nunzio Galantino, sia con le dichiarazione stesse, dal sapore stucchevole e relativista.

Da cittadino e da cattolico non posso far altro che condividere ed apprezzare il pensiero di Giovanni Paolo II, pensiero che trascende da quell’appiattimento culturale e morale che è il “politically correct” (quello stesso “politically correct” che censura la Preghiera dell’Alpino, che fa togliere il crocifisso nelle scuole, che considera
squadrista chi difende la famiglia naturale…) e va ad analizzare un fenomeno sociale, quello dell’immigrazione, che negli ultimi anni ha influito sul contesto socio-politico del nostro Paese così come su quello dell’intera Europa. Se da sempre l’Italia è una delle mete principale per i flussi migratori provenienti dall’Africa è innegabile che, per cause
differenti, e non ultima l’instabilità delle zone nord-africane a seguito delle cosiddette “primavere arabe”, rivelatesi poi a tutti gli effetti primavere islamiche, il fenomeno migratorio che negli ultimi anni interessa le nostre coste è aumentato esponenzialmente (170.000 sbarchi e oltre 3000 morti nel 2014) fino a trasformarsi, complice il totale disinteressamento dell’Ue e l’inefficienza delle politiche nazionali, in una vera e propria emergenza. Emergenza che non può ridursi a semplificazioni, rispettabili certo, ma relativiste, come quelle fatte da mons. Galantino, semplificazioni che, come detto dall’ex Presidente del Senato Marcello Pera, tanto ricordano la teologia della liberazione.

Come cattolico mi sento allontanato dalle dichiarazioni del Segretario della Cei, dichiarazioni che vanno a dare un’interpretazione ideologica del cristianesimo, ribaltando il dovere all’accoglienza del prossimo in diritto alla pretesa, non credo neppure che l’attenzione verso il prossimo sia sinonimo di assistenzialismo ed incentivo alla
migrazione, con conseguente aumento dei “viaggi della speranza” e immancabili tragedie.
Vera attenzione sarebbe un interessamento nazionale e Comunitario atto allo sviluppo dei Paesi d’origine, così come la predisposizione di un piano d’accoglienza per i profughi (che rappresentano circa il 10% del totale dei migranti) per garantire loro dignità e integrazione parallelamente ad un azione, in collaborazione con i governi nord-africani, atta al blocco delle partenze e al disarmo degli scafisti.

Come cittadino di uno Stato moderno e laico, invece, invoco il dovere che la politica ha verso il Paese, ossia quello della responsabilità, immediata e futura, delle scelte attuate, scelte che non possono essere scisse dell’attuale situazione di crisi economica, contesto che ha portato ad un forte aumento della povertà assoluta e creato tensioni sociali che non devono essere minimamente sottovalutate com’è stato fatto sino ad ora. Le politiche nazionali devo quindi, come detto da Papa Wojtyla, “tener conto delle esigenze delle società che accolgono gli immigrati”, non
farlo sarebbe un pericoloso incentivo alla creazione di tensioni sociali e conseguenti derive estremistiche.

Giacomo Tamborini

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio