Ecco lo spirito di chi lavora per il Varese Calcio. Aldo Cunati, da una vita al “Franco Ossola”. FOTO

La nuova società ha aperto le porte dello stadio, in occasione della visita di due eurodeputati, Comi e Salini, mostrando gli sforzi e la tenacia con cui far rinascere il Varese

13 novembre 2015
Guarda anche: SportVarese
FB_IMG_1447421710426

Aldo Cunati è un’istituzione al “Franco Ossola”. Da quattro anni è impiegato a tempo pieno (e nel mondo dello sport per tempo pieno si intende h24) nella gestione dello stadio. Ma già da prima, per quarant’anni, con la sua azienda di pullman ha sempre lavorato per il Varese Calcio.

“Il mio lavoro inizia di prima mattina, alle 7.30, e va avanti generalmente fino alle 19” ci racconta, mentre ci accompagna a visitare gli spogliatoi dove i nostri ragazzi si preparano prima di entrare in campo.

Per Aldo non è solo un lavoro, ma anche una passione. Come per tutti coloro nelle cui vene scorre lo spirito sportivo. Glielo si legge negli occhi, lo si capisce quando parla del suo lavoro.

Questo è lo spirito di chi, ognuno facendo la sua parte, sta facendo rinascere il Varese. Questo è lo spirito autentico che ci piace.

 

Leggi anche:

  • Sport varesino: i risultati di calcio, volley, basket

    Si è concluso un altro weekend sportivo, anzi per l’esattezza si chiuderà questa sera alle ore 20.30 con il posticipo di basket dell’Openjobmetis che in casa con Pistoia si gioca una partita delicatissima in virtù dell’obiettivo salvezza. Per il resto turni di campionati poco
  • Pallanuoto: vittoria convincente della BPM Sport Management contro la Roma Vis Nova

    Tre punti per dimenticare la delusione europea. La BPM Sport Management, nel turno infrasettimanale di Campionato (16ª giornata), giocato ieri pomeriggio, batte nella Piscina del Foro Italico la Roma Vis Nova per 20-9 (6-3, 3-2, 4-3, 7-1) e centra la sesta vittoria consecutiva. I Mastini
  • Volley – La UYBA vola ai quarti, ma che fatica!

    La UYBA torna da Minsk con la qualificazione ai quarti di finale di Coppa Cev in tasca. Il ko per 3-2 (25-22, 22-25, 25-21, 24-26, 15-10) rimediato nella gara di ritorno degli ottavi in casa del Minchanka Minsk, infatti, consente alle farfalle di strappare il pass per il turno successivo in virtù
  • BCC Cup, il basket con il cuore raccoglie 10.000 euro per la fondazione Il Ponte del Sorriso

    Il primo trofeo BCC Cup è andato alla solidarietà. La grande partecipazione di pubblico sugli spalti del PalaBorsani e l’agonismo messo in campo dalla Pallacanestro Openjobmetis Varese e dal Legnano Basket Knights hanno fatto vincere il grande cuore del basket e di tutti gli appassionati della