Ecco dove i cittadini possono parlare con Davide Galimberti. FOTO

''Varese Riparte Davvero'' lo spazio dedicato all'ascolto dei cittadini

16 aprile 2016
Guarda anche: Varese
FB_IMG_1460813258098

Apre il centro di ascolto “Varese riparte davvero” all’interno del Chiostro di Sant’Antonino, in corso Matteotti 53, dove tutti i cittadini potranno ricevere informazioni e presentare problemi al candidato sindaco Davide Galimberti.

“Sarà uno luogo aperto a tutti i cittadini per confrontarci, scambiarci idee e proposte per far ripartire davvero la nostra città. Da oggi, oltre che nei quartieri, sarò spesso qui e comunque ci sarà sempre qualcuno della nostra coalizione a disposizione di chi vorrà passare a trovarci – ha detto Galimberti – riallacciare un confronto diretto con i cittadini è quanto ci chiedono a gran voce tutte le persone che stiamo incontrando nel tour dei quartieri che sto portando avanti da diverse settimane. Girando tra i varesini sto scoprendo una gran voglia di partecipazione e di far tornare grande la nostra città, iniziando proprio dai quartieri che sono la vera ricchezza di Varese. Le persone mi chiedono di tornare ad essere ascoltate ma chiedono anche azioni concrete che risolvano davvero i problemi di una città che in questi anni si è fermata. Azioni reali e concrete sulla sicurezza, migliorare la mobilità, riqualificazione delle aree degradate, più attenzione al sociale e ai quartieri, riportare lavoro e impresa in città, promuovere il turismo e la cultura, sono questi i temi che maggiormente ci sottopongono i varesini e sui quali dedicheremo una attenzione speciale dal primo giorno di amministrazione, riaprendo le porte di Palazzo Estense a tutti perché diventi davvero la casa dei varesini da dove far tornare a crescere la nostra città”.
La lista del Pd è quasi ultimata. Il lavoro dei “saggi” è concluso, settimana prossima passerà dal direttivo cittadino.
“Non sono candidati solo iscritti al partito – spiega il segretario cittadino Luca Paris – ma anche molti indipendenti, e rappresentanti delle professioni. Ci sono inoltre rappresentanti di tutti i quartieri della città”.
Capolista sarà il consigliere comunale uscente Andrea Civati. Inoltre verranno ricandidati tutti gli uscenti: Fabrizio Mirabelli, Luca Conte, Luisa Oprandi, Giampiero Infortuna, Emilio Corbetta e Giovanni Miedico. Lo stesso segretario Paris sarà candidato. E le due segretarie di circolo Francesca Ciappina e Rossella Dimaggio.
“La candidatura di Maroni a capolista della Lega è un atto di debolezza – commenta Paris – avere una persona rappreserntativa, che rischia di mettere sotto tutela il candidato sindaco della destra, dimostra tutta l’insicurezza del loro partito”.

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare