Dopo il caso Cocoricò, “giro di vite” nei locali serali anche a Varese

Controlli nel weekend da parte della Forze dell'Ordine nei locali della provincia, da Varese a Busto Arsizio: 2.700 persone identificate e 1.500 veicoli controllati

17 agosto 2015
Guarda anche: Busto ArsizioVarese Città
Poliziafoto

Durante lo scorso weekend sono stati effettuati dei servizi coordinati di controllo straordinario del territorio, predisposti dalla Questura di Varese, e realizzati mediante l’azione coordinata del personale della Questura, della Polizia Stradale di Varese, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e della Polizia Locale.

L’attività sorge a seguito della nota Ministeriale, avente come oggetto l’intensificazione dei servizi di prevenzione generale e di controllo del territorio nei riguardi dei locali pubblici e di intrattenimento, finalizzati a promuovere specifiche e costanti attività di controllo in ordine al fenomeno dell’abuso di alcool e dello spaccio di sostanze stupefacenti, in considerazione anche agli ultimi fatti di cronaca nazionale che hanno visto coinvolti i luoghi di aggregazione giovanile.

I controlli, in particolare, hanno riguardato quattro locali tra Varese, Busto Arsizio e l’intero circondario della “Movida Varesina”.
Nel corso del fine settimana sono state identificate più di 2700 persone, controllati oltre 1500 veicoli, contestate 116 contravvenzioni al C.d.S., ritirati 31 documenti tra patenti e carte di circolazione e sequestrata una modica quantità di sostanza stupefacente. Le sanzioni pecuniarie contestate agli esercizi pubblici ammontano a circa 6,000 euro.
I predetti servizi seguono a precedenti controlli condotti presso svariati locali della provincia di Varese, che nelle ultime due settimane hanno fatto emergere violazioni in materia di licenze e autorizzazioni che hanno comportato l’elevazione di sanzioni amministrative per un totale di circa 9,000 euro.

Tag:

Leggi anche: