Donare il sangue: perché è importante farlo

Uscire di casa per andare a donare il sangue è tra gli spostamenti di necessità inclusi nelle ultime restrizioni decise dal governo per contrastare l’epidemia

16 Marzo 2020
Guarda anche: Attualità

C’è in atto un’altra emergenza, quella della raccolta sangue. Per effetto della paura di Covid-19, nella prima settimana di marzo le donazioni sono calate in media del dieci per cento in tutta Italia e il pericolo è che la situazione peggiori. Una riduzione prolungata delle donazioni “mette a rischio i 1800 pazienti che ogni giorno hanno bisogno di trasfusioni e se non lo facciamo potranno ingolfare gli ospedali per le complicanze della loro anemia” avverte Giancarlo Liumbruno, direttore del Centro nazionale sangue (Cns), che ribadisce la necessità di continuare a donare. Perché donare il sangue è sicuro, anche ai tempi del nuovo coronavirus, e non ha alcuna controindicazione: “I centri di raccolta sono attrezzati e organizzati per garantire tutte le misure di sicurezza per il Covid-19” sottolinea Liumbruno. Uscire di casa per andare a donare il sangue è tra gli spostamenti di necessità inclusi nelle ultime restrizioni decise dal governo per contrastare l’epidemia.

Il direttore del Cns ha risposto a queste domande chiarendo perché è possibile donare il sangue in sicurezza anche in questo periodo e quale iter devono seguire i volontari.

Il sangue donato può trasmettere il coronavirus?

No, non ci sono evidenze scientifiche che dimostrino la trasmissione trasfusionale di Covid-19. Inoltre, i virus appartenenti alla stessa famiglia come Sars e Mers non sono mai stati trasmessi con il sangue.

Cosa devo fare per donare il sangue?

Telefona al tuo servizio trasfusionale o alla tua associazione (Avis, Croce rossa, Fidas o Frares) e prendi un appuntamento. Questo servirà per evitare assembramenti e anche spostamenti inutili.

Chi può donare il sangue?

Chiunque sia in buona salute, maggiorenne fino a 70 anni, che pesi almeno 50 chili e che rispetti i criteri di sicurezza specifici del Covid.

Dove donare il sangue?

Attraverso il sistema di ricerca online GeoBlood è possibile conoscere la localizzazione dei punti di raccolta aperti più vicino al cittadino. Per effettuare la ricerca è sufficiente selezionare la propria regione, la provincia e il comune.

È davvero necessario donare il sangue?

Sì, oggi più che mai non dobbiamo dimenticarci anche degli altri malati che hanno bisogno di sangue anche in condizioni di emergenza.

Tag:

Leggi anche:

  • Google, donazione di oltre 800 milioni di dollari per l’emergenza Coronavirus

    Per aiutare ad affrontare la situazione venutasi a creare con la diffusione del Coronavirus, Google annuncia un nuovo contributo da oltre 800 milioni di dollari per supportare le piccole e medie imprese, le organizzazioni sanitarie e i governi. Il contributo include: 250 milioni di dollari
  • In Lombardia ricevuti 45milioni di euro di donazioni

    È disponibile un conto corrente dedicato a sostenere lo sforzo del personale sanitario della Lombardia impegnato in prima linea contro l’emergenza Coronavirus “Il tuo aiuto è importante per aiutarci a sconfiggere il coronavirus” questo il messaggio che si legge sul sito di Regione
  • Sciacallaggio online sul conto a favore della famiglia di Bruno Gulotta

    In attesa dei funerali del giovane Bruno Gulotta che ha perso la vita durante l’attentato sulla Rambla a Barcellona, arrivano tristi notizie. Il conto online aperto dai suoi colleghi di lavoro per raccogliere fondi a favore della sua famiglia sarebbe stato “vittima” di un tentativo
  • Avis Legnano e Gioielleria Sironi, “un anno insieme” per promuovere la cultura del dono

    La cultura del dono è contagiosa. Gioielleria Sironi e Avis Legnano legheranno i loro nomi per un anno, intrecciando due storie legnanesi attorno al tema del dono. Da una parte la sezione Cristina Rossi di Avis, gruppo che raccoglie quasi 15.000 persone, tra donatori attivi ed ex donatori, e che