Designer Italiani a Dubai 2020

La regione Lombardia ha aperto un bando per potare la creatività e le idee progettuali di giovani design e architetti alla manifestazione di Expo negli Emirati Arabi

05 giugno 2018
Guarda anche: Mondo

Si cercano idee progettuali proposte da team composti da giovani designer e imprese per la grande manifestazione di Expo Dubai 2020. Il bando fa parte delle azioni previste dall’iniziativa Design Competition in Expo Dubai 2020 promossa da Regione Lombardia e Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi in collaborazione con il Politecnico di Milano, e si rivolge a giovani designer che intendono realizzare, con l’endorsement di imprese lombarde, prototipi di idee progettuali che saranno presentati in occasione dell’evento Expo Dubai 2020.

Informazioni utili

Obiettivo del bando è l’individuazione di idee progettuali presentate da giovani designer insieme alle imprese interessate a realizzarne il prototipo, sul tema “Connecting spaces”, declinate in:

  • Innovative crafting: inteso come oggetti di design per connettere gli spazi che richiamano la tradizione italiana dell’artigianato interpretato in maniera innovativa;
  • Digital Connecting spaces: inteso come spazi connessi attraverso il digitale, IoT, nuove tecnologie di domotica applicate al design e information design;
  • Design for human connection: inteso come strutture temporanee per connettere le persone (esempio: per il ristoro, per la preghiera, per i bambini, per stare in un microclima controllato).

Per tutte le idee progettuali si richiede di collegarsi alle tematiche di Expo Dubai 2020 Sustainability, Mobility e Opportunity e di porre l’accento sull’innovazione di prodotto e di processo.

Tali tematiche sono coerenti altresì con il tema scelto da Padiglione Italia a Expo Dubai 2020, Creatività, Connessione e Conoscenza, che intende sottolineare la capacità del sapere italiano di creare innovazione attraverso la competenza e la bellezza, combinando arte e scienza, tradizione e tecnologia, creatività e bellezza, quale base di dialogo a livello globale.

Requisiti per partecipare

Possono presentare domanda di partecipazione team composti da giovani designer e imprese che abbiano i seguenti requisiti alla data di pubblicazione del presente bando:

Giovani designer (singoli o in gruppo):

a) età inferiore a 35 anni;
b) titolo di studio nell’ambito del design, architettura e ingegneria (almeno uno tra questi):

  • diploma in corsi di durata quinquennale o in corsi professionalizzanti post-diploma di durata almeno biennale;
  • laurea triennale o magistrale o dottorato di ricerca;
  • iscritti agli ultimi due anni della laurea magistrale;

c) residenti in Lombardia o frequentanti/aver frequentato e completato corsi di studio presso istituti o università lombarde. Nel caso di partecipazione in gruppo, almeno la metà o la maggioranza dei componenti deve essere in possesso di tale requisito;

d) che non abbiano partecipato a più di una edizione di DECÒ/Design Competition.

Nel caso di gruppi, tutti i componenti devono avere i requisiti di cui alle lettere a), b), d).

E’ prevista una premialità per i progetti che coinvolgano anche studenti o giovani designer di nazionalità emiratina che rispettino i requisiti di cui alle lettere a) e b).

Imprese lombarde

Piccole, medie e grandi imprese, con codice di attività manifatturiero ATECO 2007, lettera C, che:

  • abbiano sede legale e/o operativa in Lombardia o che si impegnino ad averla entro e non oltre l’erogazione del contributo;
  • abbiano un sito web aziendale;
  • non abbiano partecipato a più di tre edizioni di DECÒ/Design Competition senza aver commercializzato un’idea progettuale;
  • risultino attive e in regola con il pagamento del Diritto Camerale;
  • non si trovino al momento della presentazione della domanda di partecipazione al bando in stato di liquidazione o scioglimento e non
  • siano sottoposte a procedure concorsuali;
  • abbiano legali rappresentanti, amministratori (con o senza poteri di rappresentanza), soci e/o altri soggetti tra quelli elencati nell’art. 85 del D. Lgs. 159/2011 (Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia) per i quali non sussistano cause di divieto, di decadenza, di sospensione previste dall’art. 67 D. Lgs. 159/2011.

Come partecipare

Le domande di partecipazione devono essere presentate a Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi dal 22 maggio 2018 ore 10:00 al 22 gennaio 2019 ore 12:00, accedendo allo sportello virtuale dall’indirizzo web www.deco.regione.lombardia.it

La domanda deve essere presentata dall’impresa per conto di un gruppo di lavoro composto dall’impresa stessa e da giovani designer (singoli o in team).

La domanda di partecipazione, generata automaticamente, contiene i campi per la raccolta dei dati dell’impresa e le autodichiarazioni.

 

Informazioni utili, bando completo ed elenco documenti sono reperibili al sito www.regione.lombardia.it

Tag:

Leggi anche:

  • Violi (M5S) “Maroni. Reato grave, danno ai lombardi”

    “È assurdo che Maroni si dica deluso dopo la condanna in primo grado a un anno per aver fatto ottenere un contratto a una sua collaboratrice in una società controllata dalla Regione Lombardia. A essere delusi e danneggiati sono i lombardi. Le pressioni per le assunzioni nelle società
  • Varese, 500mila euro per la sicurezza del territorio

    “Un contributo importante per mettere in sicurezza il nostro territorio. Da Regione Lombardia 500 mila euro per interventi di manutenzione straordinaria per i nostri fiumi e torrenti della Provincia di Varese”. Lo ha dichiarato il Vicepresidente del Consiglio Regionale della Lombardia Francesca
  • Processo Maroni, condannato ad un anno di carcere

     L’esponente leghista, già segretario federale, è stato condannato a un anno e a 450 euro di multa. L’ex ministro è stato condannato per un solo capo di imputazione con pena sospesa e all’interdizione dai pubblici uffici. Maroni è risultato colpevole del reato di turbata libertà del
  • M5S Lombardia: no al business sul mercato del lavoro

    “E’ un progetto di legge affrettato che darà risultati molto approssimativi. Poteva essere l’occasione per rilanciare seriamente i centri per l’impiego, l’offerta di servizi ai disoccupati e limitare il business dei privati nel mercato del lavoro. La DID e il patto di