De Simone: “Varese deve far crescere il capitale sociale”

Prossimo appuntamento col candidato alle primarie del centrosinistra domani al Globe Cafè, dove si parlerà di innovazione

06 ottobre 2015
Guarda anche: PoliticaVarese Città
desimone

«Se al cinema, grazie a Paolo Virzì, Varese è stata la città grigia e chiusa del “Capitale Umano”, nella realtà deve lavorare per accrescere il capitale sociale di tutti i cittadini».
È questa la conclusione di Dino De Simone, candidato alle primarie del centrosinistra, dopo la serata sul tema del welfare e dei servizi sociali organizzata mercoledì scorso nella sala riunioni della scuola Righi.
Una riunione dedicata soprattutto agli “addetti ai lavori”, come il sociologo Lorenzo Fronte, che ha spiegato che per “capitale sociale” si intende «tutto quell’insieme di reti di relazioni tra individui e tra organizzazioni che hanno un carattere cooperativo e che possono essere finalizzate a facilitare il raggiungimento di scopi specifici, aiutando a contenere la nuova emergenza dei servizi sociali oggi: le persone vulnerabili». Perché negli ultimi anni le criticità dei servizi sociali sono cambiate: ci si deve sempre occupare di chi è in emergenza (famiglie indigenti, ad esempio), ma è diventato necessario creare una rete di protezione per tutta una fascia di persone che vivono al limite. «L’esempio più classico è una famiglia con un padre ultracinquantenne che perde il lavoro. Viene meno lo stipendio principale, non può arrivare ancora la pensione, e
trovare un altro impiego diventa un’impresa disperata» spiega Fronte. Ecco che la differenza, in questo caso, la fa il capitale sociale, quella rete di relazioni che possono aiutare a sopravvivere».
«I servizi sociali varesini, finora, hanno ragionato senza prendere in considerazione queste nuove problematiche – spiega De Simone – non solo: nella logica di spending review che tutti i comuni hanno dovuto adottare, troppo spesso, anche a Varese, sono stati i servizi sociali a subire tagli. Con una domanda di servizi che, invece, aumenta».
Qui sta, secondo De Simone, la sfida per la nuova amministrazione di Varese: «In questo quadro, il Comune deve giocare un nuovo ruolo: oltre ad essere gestore dei servizi sociali, deve farsi promotore, animatore, garante e sostenitore di proposte della cittadinanza sia attraverso gli strumenti della partecipazione sociale. Quindi si deve partire valorizzando le esperienze di cittadinanza attiva sul territorio, poi progettare luoghi della città che diventino produttori di capitale sociale. Spazi condivisi per l’attività lavorativa, attività di sostegno per le famiglie, supporti per la conciliazione dei tempi, aiuti per le situazioni di povertà estrema: creare relazioni tra le persone etra le realtà, anche aziendali, che hanno interesse a far crescere il territorio».

Le iniziative tematiche del mercoledì sera di Dino De Simone continuano:
mercoledì 7, domani sera, alle 18
sarà la volta del Globe Cafè,
dove si parlerà di
innovazione, nuove tecnologie e nuove mentalità
per far crescere Varese.

Tag:

Leggi anche:

  • Ban the bomb: Varese aderisce ad “Italia ripensaci”

    Venerdì 16 marzo, alle 21, nel Salone Estense, l’appuntamento è con una serie di esperti sul tema: Marco Tamborini del Forum della Pace Angelo Baracca, professore di Fisica all’Università di Firenze Mario Agostinelli, ricercatore chimico-fisico per l’Enea presso il CCR di
  • #10×9=Varese Martedì 20 febbraio con Dino De Simone

    Martedì 20 febbraio, alle 20.45, in Sala Matrimoni al primo piano di Palazzo Estense, i Concittadini presentano l’ottavo incontro del ciclo “10×9=Varese”. Questa volta il “bersaglio” delle dieci domande pensate insieme ai varesini sarà Dino De Simone,
  • Presentate questa mattina le novità e i risparmi per la tariffa sui rifiuti

    Una riduzione media del 6% sulla Tari per le utenze non domestiche e dell’1% per quelle domestiche. Per la bolletta sui rifiuti di attività produttive e commerciali quindi, se si aggiunge il 3% di riduzione già introdotto, parliamo di una diminuzione media di quasi il 10%. Sono queste le
  • A Varese scattano le misure temporanee antismog

    “Lo smog non ha confini e tutti dobbiamo impegnarci in favore della salute dei cittadini. I dati ci dicono che la qualità dell’aria di Varese non è paragonabile a quella del resto della Pianura Padana ma negli ultimi giorni i livelli di smog si sono alzati anche nella nostra città