Da Casablanca a Gallarate. Dove si dava allo spaccio di droga

Un cittadino marocchino di 33 anni è stato fermato con 320 grammi di hashish e tre grammi di coca

27 ottobre 2015
Guarda anche: Gallarate
Poliziafoto

Alle 15.00 circa della scorsa domenica 25 ottobre gli agenti della Squadra Volante del Commissariato di P.S. di Gallarate hanno arrestato un cittadino marocchino di trentatrè anni, originario di Casablanca ed irregolare in Italia, per detenzione di stupefacenti a scopo di spaccio.

E’ stato notato da una Volante impegnata nel consueto pattugliamento cittadino mentre, nei pressi di un bar delle immediate vicinanze della stazione ferroviaria, confabulava in modo sospetto con due giovani, verosimilmente potenziali acquirenti di droga; forse sentendosi osservato ha pensato bene di sedersi ai tavoli del bar per consumare una bibita ostentando spensieratezza e tranquillità, ma finendo in questo modo per attirare ancora di più l’attenzione degli agenti, visto anche che il bar in questione è già stato al centro di diversi episodi delittuosi ed è noto perché vi orbitano, tra ignari clienti, anche soggetti già noti alle Forze dell’Ordine. 

Sottoposto ad un primo controllo è risultato privo di permesso di soggiorno, ma soprattutto, una volta condotto in Commissariato per una normale procedura di espulsione, è stato perquisito e sorpreso in possesso di una notevole quantità di droga: circa trecentoventi grammi di hashish, una ventina dei quali già frammentati e confezionati per lo spaccio e gli altri in “tavolette” integre da circa cento grammi l’una, oltre a cinque dosi di cocaina, ugualmente confezionate, per complessivi tre grammi circa.

La droga era nascosta in varie tasche di jeans e felpa, mentre le “tavolette” erano direttamente infilate negli indumenti intimi.

L’uomo aveva con sé anche quasi settecento euro in contanti, verosimile provento di una fortunata attività di spaccio evidentemente già in corso.

Dichiarato in arresto, subito dopo gli adempimenti di rito è stato condotto in carcere a Busto Arsizio a disposizione della competente Procura della Repubblica.

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare