Crimini informatici: i minori in pericolo. Ecco come difendersi

Settecento le denunce nel 2014, legate a internet, arrivate alla Polizia di Stato di Varese. Che propone una serie di consigli per evitare di finire nella ''rete'' di truffatori o, peggio, criminali sessuali

18 luglio 2015
Guarda anche: Busto ArsizioGallarateSaronnoTradateVarese
Polizia internet

Sono state circa 700 nel 2014 le denunce fatte alla Polizia di Stato di Varese per truffe e frodi informatiche con oltre 80 tra arrestati e deferiti in stato di libertà.

Un dato piuttosto approssimativo se si pensa che sarà capitato ad ognuno di noi di ricevere una mail sospetta o l’attacco di un virus che non abbiamo ritenuto valesse la pena denunciare.

I crimini informatici abbracciano un ampio ventaglio di attività. Attenzione quindi a messaggi allarmistici e minacce di chiusura dell’account, a promesse di denaro senza fatica con schemi di investimento a piramide e multilevel business. Offerte troppo belle per essere vere. Diffidate da finte vendite all’asta sul WEB, offerte di lavoro a casa con acquisto anticipato di materiale necessario all’esecuzione, messaggi provenienti da banche o altri enti con strani allegati o messaggi da presunte amiche con pessima grammatica e ortografia e soprattutto attenzione alle richieste di amicizia di affascinanti ed avvenenti ragazze, che promettono esperienze seducenti e inducono i ragazzi e gli uomini di ogni età ad abbassare il livello di guardia e concedendosi con immagini e video che vanno oltre il limite del buon senso: spesso dietro questi incontri virtuali è in agguato l’estorsore che minaccia di divulgare i video ottenuti del malcapitato in atteggiamento “Intimo” richiedendo un considerevole esborso di denaro.

Una considerazione particolare oggi, vogliamo darla agli utenti più giovani, sempre più affascinati dal web, che durante le vacanze estive, liberi da impegni scolastici e in un clima rilassato siedono davanti al computer o utilizzano i vari dispositivi mobili senza la dovuta vigilanza e attenzione. Parlare oggi di computer è ormai cosa del passato, giovani e giovanissimi hanno ormai conquistato la rete internet utilizzando senza limiti gli smartphone o tablet che spesso imprudentemente vengono lasciati senza controllo anche in mani poco esperte.

La loro curiosità unita all’ingenuità può metterli in condizione di rischio nel momento in cui vengono avvicinati on-line da soggetti con cattive intenzioni, ad esempio da pedofili. Sarebbe opportuno per questo motivo accompagnare i bambini nella navigazione e insegnate loro a raccontare sempre ai genitori le loro esperienze di navigazione.

Per questo è importante conoscere e ricordare alcune regole molto importanti

Per i più piccoli:

Non date mai informazioni come il vostro nome e cognome, indirizzo, nome della scuola o numero di telefono a persone conosciute su Internet;
Leggete le e-mail con i vostri genitori, controllando con loro ogni allegato al messaggio;
Dite subito ai vostri genitori o ai vostri insegnanti se leggete o vedete qualcosa su Internet che vi fa sentire a disagio o vi spaventa, per esempio fotografie di persone adulte o di bambini nudi;
Non mandate mai vostre foto e non fissate incontri con persone conosciute via Internet senza il permesso dei vostri genitori;
Ricordatevi che on line le persone possono non essere quello che dicono di essere. La bambina con cui credete di chattare potrebbe essere un uomo adulto!

Per i genitori:

· Controllate quello che fanno i vostri figli quando sono collegati e quali sono i loro interessi;

· Cercate di stare vicino ai vostri figli quando creano profili legati ad un nickname per usare programmi di chat;

· Non permettetegli di usare la carta di credito senza il vostro permesso;

· Controllate periodicamente il contenuto dell’hard disk del computer e dei dispositivi mobili che hanno accesso a internet, usati dai vostri figli, verificando la “cronologia” dei siti web;

· Insegnategli a non accettare mai di incontrarsi personalmente con chi hanno conosciuto in rete, spiegando loro che gli sconosciuti così incontrati possono essere pericolosi tanto quanto quelli in cui ci si imbatte per strada;

· Leggete le e-mail con i vostri figli, controllando ogni allegato al messaggio;

· Dite loro di non rispondere quando ricevono messaggi di tipo volgare, offensivo o pericoloso e, allo stesso tempo, invitateli a non usare un linguaggio scurrile o inappropriato e a comportarsi correttamente;

· Spiegate ai vostri figli che può essere pericoloso compilare moduli on line e dite loro di farlo solo dopo avervi consultato;

· Stabilite quanto tempo i vostri figli possono passare navigando su Internet;

· Esistono particolari software, facilmente reperibili su internet, che impediscono l’accesso a siti non desiderati (violenti o pornografici per esempio). I “filtri” possono essere attivati introducendo parole-chiave o un elenco predefinito di siti da evitare. E’ opportuno però verificare periodicamente che funzionino in modo corretto e tenere segreta la parola chiave.

E’ disponibile da pochi giorni, l’app del Commissariato Online, sugli store Apple e Play Store, oppure ci si può collegare al sito internet http://www.commissariatodips.it/. In questo modo si possono richiedere informazioni e inviare segnalazioni relative a comportamenti ed eventi di varia natura presumibilmente illegale, questo permetterà al Personale della Polizia Postale di verificare la reale illeceità dei fatti rappresentati.

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare