Cosentino (Forza Italia) contro la Libreria del Corso: “Vogliono farsi pubblicità gratis”

L'esponente di Orizzonte Ideale conferma la solidarietà a Brugnaro e contesta l'iniziativa della libreria di Varese

03 settembre 2015
Guarda anche: Varese
Cosentino

L’iniziativa della Libreria del Corso di Varese di esporre i volumi “messi all’indice” dal sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, con un cartello in cui spiegano le motivazioni, non è stata apprezzata da Giacomo Cosentino, consigliere comunale di Forza Italia ed esponente di Orizzonte Ideale. Cosentino aveva infatti, pochi giorni fa, proposto di mettere in pratica a Varese  la stessa politica di Brugnaro. 

“Sia io in qualità di consigliere comunale di Varese che l’associazione di cui faccio parte, Orizzonte Ideale,  avevamo espresso solidarietà, e tutt’ora la confermiamo, al sindaco di Venezia Brugnaro per gli attacchi da lui subiti a fronte della decisione di ritirare dalle scuole tutti i libri che potevano restringere fortemente la libertà di educazione dei bambini in tema di identità sessuale. Leggo oggi con stupore la presa di posizione della libreria del corso di Varese e credo che sia un modo per farsi pubblicità gratis: Brugnaro ha dichiarato di ritirare i libri per poterli valutare e infatti alcuni di essi, che non c’entrano con l’identità di genere, torneranno in alcune scuole e biblioteche. Che senso ha quindi la presa di posizione della libreria del corso?”.

“A Varese sto lavorando per formulare  ai miei colleghi dell’amministrazione comunale una proposta simile a quella di Brugnaro, il fine è solo quello di non confondere i bambini sulla propria identità sessuale. Ben vengano libri che insegnano il rispetto per le diversità ma guai, e ribadisco, guai, mettere in discussione l’ identità sessuale di mamma e papà: unica famiglia naturale. Quando i bambini diventeranno grandi saranno maturi per farsi una loro idea, nel frattempo ci vuole rispetto della natura. Tutto il reso è violenza.

Tag:

Leggi anche:

  • Giro d’Italia numero 100: vince l’olandese Dumoulin

    Con la cronometro Monza-Milano (29.3 km) si è chiuso il Giro d’Italia numero 100. A vincere la celeberrima corsa in rosa targata 2017 è stato Tom Dumoulin, l’olandese della Sunweb che ha stupito un po’ tutti e che si è laureato il nuovo re in rosa. Quintana, Nibali e Pinot si classificano
  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad