Corsa virtuale per solidarietà domenica 26 aprile, “Roccolo in the House”

Le tre performance più divertenti andranno a costituire il podio

20 Aprile 2020
Guarda anche: Sport

Sport, solidarietà e soprattutto tanta inventiva. Si svolge domenica 26 aprile la prima edizione della Roccolo in the House: una corsa virtuale che, più che una prova sportiva, è la volontà di dare un segnale di impegno civico e di approfittare del tempo a casa per divertirsi. L’Atletica PAR Canegrate, già protagonista di manifestazioni podistiche quali la Roccolo Run e il Roccolo Cross Country, con il supporto della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate propone un nuovo appuntamento: una competizione che diventa sfida a dare sfogo all’inventiva per sostenere quanti in questo momento hanno più bisogno. Il nome dice già molto: Roccolo in the House. «Dobbiamo stare a casa; perché non approfittarne?», spiega Umberto Scordamaglia del direttivo dell’Atletica PAR Canegrate. «Come associazione siamo sempre stati convinti che il nostro impegno non dovesse fermarsi all’ambito sportivo, ma avere un fine sociale. In un momento particolarmente complesso come quello di oggi vogliamo essere d’aiuto a quanti hanno maggiormente bisogno e lo facciamo restando nel nostro campo, con una prova sportiva».
L’idea è quella di scegliersi una prova “atletica” da poter svolgere in casa, dare sfogo all’inventiva per portarla negli anni Ottanta e documentarla postando foto o video sui principali social network con #roccolointhehouse. Le tre performance più divertenti andranno a costituire il podio. Per iscriversi è necessario fare una donazione al Fondo di Mutuo Soccorso del Comune di Canegrate; si tratta di un fondo che l’amministrazione ha attivato per sostenere in una prima fase le famiglie più in difficoltà e nella seconda dare un contributo per far ripartire l’economia locale al fianco delle attività commerciali. Con la conferma del bonifico si riceverà un pettorale da personalizzare con il proprio nome o una frase di incoraggiamento. Domenica 26 basterà “gareggiare” (l’orario è libero) nella prova scelta: dalla corsa tra cucina e bagno alla corsa sul tapis-roulant, la camminata sul terrazzo oppure burpees, piegamenti o altre attività motorie. «È un modo diverso di fare sport», osserva il vice sindaco di Canegrate, Matteo Modica. «È anche una proposta nuova fatta da persone che sanno mettere lo sport al servizio degli altri, contribuendo a sostenere la nostra comunità».
Del resto, l’Atletica PAR Canegrate è pronta a fare la propria parte: «Per ogni partecipante che indosserà una maglia delle passate edizioni della Roccolo Run, l’associazione verserà 2 euro sul Fondo. Inoltre, il controvalore dei premi destinati ai primi tre classificati andrà sul conto comunale», prosegue Scordamaglia.
Come nelle prove podistiche, accanto all’Atletica Par Canegrate si è schierata la Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate. «È da iniziative come queste che possiamo toccare con mano il valore della mutualità che è il cuore del Credito Cooperativo», afferma il presidente della Bcc Roberto Scazzosi. «È il mettersi insieme per sostenersi reciprocamente e, dal contributo di tutti, poter aiutare quanti sono nel bisogno e guardare con fiducia al domani. L’invito è quindi a partecipare».

Come partecipare alla Roccolo in the House: fare un’offerta libera al Fondo di Mutuo Soccorso del Comune di Canegrate [IBAN: IT-15-I-05034-32710-000000014225 e causale “Erogazione liberale Roccolo in the House”]. Mandare la conferma del bonifico su uno dei canali dell’Atletica PAR Canegrate: FacebookInstagram oppure una mail a parcanegrate@gmail.com. Domenica 26 aprile, fare attività sportiva in casa dando sfogo alla propria fantasia con qualcosa che ricordi gli Anni 80. Da ultimo, posta foto o video della performance con #roccolointhehouse.
Info: https://www.atleticapar.it/roccolo-in-the-house/

Tag:

Leggi anche:

  • Via al progetto “Una spesa per ricominciare”

    “Dare una mano colora la vita”. E’ questo lo slogan della Società di San Vincenzo de Paoli, e in questo periodo di emergenza dovuta al Covit-19 “dare una mano” concreta alle famiglie in difficoltà viene richiesto a tutti. Per far fronte a questa missione, la società ha deciso di
  • Spese a domicilio, a Varese aiutate più di 900 famiglie

    Varese chiama, i volontari rispondono. Sono oltre 900 le famiglie che, nell’ultimo mese, hanno richiesto uno dei servizi di spesa a domicilio attivati in città e resi possibili da quanti, in questi giorni di emergenza, stanno mettendo a disposizione il loro tempo per aiutare gli altri. Sono,
  • Il coordinamento feste in prima linea contro il covid

    In questi giorni di emergenza, alcune associazioni non sono rimaste con le mani in mano e hanno “riconvertito” le loro attività adattandole alle esigenze del momento di crisi, con un occhio di riguardo alle necessità dei più fragili. Tra queste, come sottolinea il sindaco Emanuele Antonelli,
  • Un cuore sul Cervino: il messaggio di speranza proiettato sulla montagna

    Un cuore sul Cervino: fino al 19 aprile prossimo, tutte le sere dal tramonto alle 23, un fascio di luce orientato sulla cima della montagna trasmetterà messaggi di speranza al mondo colpito dal coronavirus. Sarà visibile ogni sera fino al 19 aprile, anche da casa grazie alle