Condannati gli assassini di Sarchiè. “Sos italia Libera” risarcita come parte civile

I soldi verranno donati ai figli dei caduti delle Forze dell'Ordine

14 gennaio 2016
Guarda anche: ItaliaVarese
IMG-20160114-WA0020-577x1024-1

Sono stati condannati all’ergastolo i due imputati per l’omicidio di Pietro Sarchiè, il commerciante di pesce di San Benedetto del Tronto ucciso il 18 giugno 2014.

Sarchiè morì perché i due assassini avrebbero voluto assicurarsi più spazio nel mercato della vendita porta a porta di pesce fresco. 

Il Tribunale ha condannato gli autori del delitto, Giuseppe e Salvatore Farina, padre e figlio, al massimo della pena.

Il corpo della vittima fu trovato diversi giorni dopo, il 5 luglio, in un campo, chiuso in un sacco nascosto sotto un materasso, tra detriti di materiale edile.

Oltre al risarcimento alla famiglia, per la prima volta in Italia un’associazione antiracket e antiusura è stata ammessa, dal Tribunale di Macerata, come parte civile. Ed ha ottenuto un risarcimento come parte lesa.

L’associazione è “Sos Italia Libera”, fondata e presieduta dal commerciante Paolo Bocedi, ed ha sede a Varese.

Il vicepresidente nazionale e presidente lombardo è Andrea Badoglio, mentre come presidenti onorari ci sono Vittorio Sgarbi e Tina Montinaro, vedova del caposcorta del giudice Giovanni Falcone.

A rappresentare durante il processo l’associazione l’avvocato Gianpaolo Cicconi.

“Si tratta di una storia sconvolgente di inaudita crudeltà – ha detto Bocedi – siamo soddisfatti della sentenza. Importantissimo il fatto che per la prima volta in Italia un’associazione come la nostra sia stata ammessa come parte civile. Il nostro impegno quotidiano è quello di sostenere chi si trova in difficoltà”.

IMG-20160114-WA0019

L’associazione si batte soprattutto contro l’usura. “Bisogna far passare un messaggio, che ancora oggi molti commercianti non vogliono sentire. Quello di denunciare e non rivolgersi agli usurai. Ci sono persone insospettabili in Lombardia, che prestano denaro a usura, non chiedono gli interessi, ma aumentano poi la cifra per ogni giorno di ritardo. E se non paghi ti uccidono la famiglia. Una di queste siamo riusciti ad assicurarla alla giustizia”.

Bocedi racconterà prossimamente questa vicenda alla tramissione Piazza Pulita.

I soldi del risarcimento ottenuti come parte civile per il processo Sarchiè andranno ai figli dei caduti delle Forza dell’Ordine.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti