Condannati gli assassini di Sarchiè. “Sos italia Libera” risarcita come parte civile

I soldi verranno donati ai figli dei caduti delle Forze dell'Ordine

14 gennaio 2016
Guarda anche: ItaliaVarese Città
IMG-20160114-WA0020-577x1024-1

Sono stati condannati all’ergastolo i due imputati per l’omicidio di Pietro Sarchiè, il commerciante di pesce di San Benedetto del Tronto ucciso il 18 giugno 2014.

Sarchiè morì perché i due assassini avrebbero voluto assicurarsi più spazio nel mercato della vendita porta a porta di pesce fresco. 

Il Tribunale ha condannato gli autori del delitto, Giuseppe e Salvatore Farina, padre e figlio, al massimo della pena.

Il corpo della vittima fu trovato diversi giorni dopo, il 5 luglio, in un campo, chiuso in un sacco nascosto sotto un materasso, tra detriti di materiale edile.

Oltre al risarcimento alla famiglia, per la prima volta in Italia un’associazione antiracket e antiusura è stata ammessa, dal Tribunale di Macerata, come parte civile. Ed ha ottenuto un risarcimento come parte lesa.

L’associazione è “Sos Italia Libera”, fondata e presieduta dal commerciante Paolo Bocedi, ed ha sede a Varese.

Il vicepresidente nazionale e presidente lombardo è Andrea Badoglio, mentre come presidenti onorari ci sono Vittorio Sgarbi e Tina Montinaro, vedova del caposcorta del giudice Giovanni Falcone.

A rappresentare durante il processo l’associazione l’avvocato Gianpaolo Cicconi.

“Si tratta di una storia sconvolgente di inaudita crudeltà – ha detto Bocedi – siamo soddisfatti della sentenza. Importantissimo il fatto che per la prima volta in Italia un’associazione come la nostra sia stata ammessa come parte civile. Il nostro impegno quotidiano è quello di sostenere chi si trova in difficoltà”.

IMG-20160114-WA0019

L’associazione si batte soprattutto contro l’usura. “Bisogna far passare un messaggio, che ancora oggi molti commercianti non vogliono sentire. Quello di denunciare e non rivolgersi agli usurai. Ci sono persone insospettabili in Lombardia, che prestano denaro a usura, non chiedono gli interessi, ma aumentano poi la cifra per ogni giorno di ritardo. E se non paghi ti uccidono la famiglia. Una di queste siamo riusciti ad assicurarla alla giustizia”.

Bocedi racconterà prossimamente questa vicenda alla tramissione Piazza Pulita.

I soldi del risarcimento ottenuti come parte civile per il processo Sarchiè andranno ai figli dei caduti delle Forza dell’Ordine.

Tag:

Leggi anche:

  • Varese: venerdì la cremazione di Andrea Badoglio

    Gli accertamenti condotti dalla Magistratura hanno identificato in una patologia cardiaca, forse congenita, la causa dell’improvviso decesso che è dunque assolutamente naturale, come si sospettava sin dalle prime ore. Intanto, l’associazione Sos Italia Libera di cui Badoglio era
  • Ciao Bado, ci mancherai

      Ha saputo regalare ai varesini la parte migliore di sé, quella legata alle sue battaglie politiche. Ma anche la sua curiosità, con le attività culturali de La Varese Nascosta. Non passava inosservato, con la sua statura imponente e con la sua simpatia contagiosa. In tanti lo conoscevano,
  • Varese: è morto l’ex candidato sindaco Andrea Badoglio

    46 anni, volto noto in città per l’incessante impegno nell’associazionismo (in particolare in quello antiracket e antiusura), era stato protagonista dell’ultima campagna elettorale candidandosi a sindaco con la lista Varese Civica: in passato si era distinto anche per
  • Sacro Monte, Badoglio (Varese Civica): “Definire al più presto i posti auto per i residenti”

    Dopo un lungo e faticoso lavoro siamo riusciti ad ottenere per il Sacro Monte – attraverso riunioni, richieste, solleciti e miei numerosi personali incontri con assessori, Sindaco, Monsignor Villa e tanto altro – che i residenti del Borgo avessero 40 posti auto a loro assegnati, nonché