Condannati gli assassini di Sarchiè. “Sos italia Libera” risarcita come parte civile

I soldi verranno donati ai figli dei caduti delle Forze dell'Ordine

14 gennaio 2016
Guarda anche: ItaliaVarese
IMG-20160114-WA0020-577x1024-1

Sono stati condannati all’ergastolo i due imputati per l’omicidio di Pietro Sarchiè, il commerciante di pesce di San Benedetto del Tronto ucciso il 18 giugno 2014.

Sarchiè morì perché i due assassini avrebbero voluto assicurarsi più spazio nel mercato della vendita porta a porta di pesce fresco. 

Il Tribunale ha condannato gli autori del delitto, Giuseppe e Salvatore Farina, padre e figlio, al massimo della pena.

Il corpo della vittima fu trovato diversi giorni dopo, il 5 luglio, in un campo, chiuso in un sacco nascosto sotto un materasso, tra detriti di materiale edile.

Oltre al risarcimento alla famiglia, per la prima volta in Italia un’associazione antiracket e antiusura è stata ammessa, dal Tribunale di Macerata, come parte civile. Ed ha ottenuto un risarcimento come parte lesa.

L’associazione è “Sos Italia Libera”, fondata e presieduta dal commerciante Paolo Bocedi, ed ha sede a Varese.

Il vicepresidente nazionale e presidente lombardo è Andrea Badoglio, mentre come presidenti onorari ci sono Vittorio Sgarbi e Tina Montinaro, vedova del caposcorta del giudice Giovanni Falcone.

A rappresentare durante il processo l’associazione l’avvocato Gianpaolo Cicconi.

“Si tratta di una storia sconvolgente di inaudita crudeltà – ha detto Bocedi – siamo soddisfatti della sentenza. Importantissimo il fatto che per la prima volta in Italia un’associazione come la nostra sia stata ammessa come parte civile. Il nostro impegno quotidiano è quello di sostenere chi si trova in difficoltà”.

IMG-20160114-WA0019

L’associazione si batte soprattutto contro l’usura. “Bisogna far passare un messaggio, che ancora oggi molti commercianti non vogliono sentire. Quello di denunciare e non rivolgersi agli usurai. Ci sono persone insospettabili in Lombardia, che prestano denaro a usura, non chiedono gli interessi, ma aumentano poi la cifra per ogni giorno di ritardo. E se non paghi ti uccidono la famiglia. Una di queste siamo riusciti ad assicurarla alla giustizia”.

Bocedi racconterà prossimamente questa vicenda alla tramissione Piazza Pulita.

I soldi del risarcimento ottenuti come parte civile per il processo Sarchiè andranno ai figli dei caduti delle Forza dell’Ordine.

Tag:

Leggi anche:

  • La Sport Management pronta a gestire direttamente la sezione nuoto

    È pronta a nuotare da sola la Sport Management che al termine dell’attuale stagione agonistica chiuderà il progetto comune con il Team Nuoto Lombardia, per intraprendere un nuovo capitolo dell’avventura aziendale che vedrà la società del presidente Sergio Tosi sempre più protagonista
  • Pallanuoto – La BPM Sport Management si mette in mostra anche in nazionale

    Si toglie una bella soddisfazione il mastino della BPM Sport Management Stefano Luongo che vince la Coppa del Brasile. L’atleta, infatti, è in questi giorni in Sud America e recentemente ha issato al cielo, con il Botafogo, il trofeo più prestigioso della pallanuoto carioca, con Luongo che si
  • Presentazione della quinta edizione della gara podistica “Tra Ville e Giardini”

    Conferenza stampa Domani, mercoledì 14 giugno 2017, alle ore 12 in Sala Matrimoni del Comune di Varese Intervengono: Dino De Simone, assessore allo Sport del Comune di Varese Rinaldo Francesca, presidente Runner Varese Daniele Donati, presidente di Tincontro, associazione di volontariato ONLUS
  • Pokerissimo Italia al Liechtenstein, ma per la vetta non basta

    Tutto sommato è stato un bel 5 a 0 quello rifilato ieri sera dall’Italia del ct Ventura al Liechtenstein, ma a causa della differenza reti la nazionale azzurra continua a sostare in seconda posizione nella classifica del girone G. Davanti non può che esserci la Spagna, squadra che