Condannati gli assassini di Sarchiè. “Sos italia Libera” risarcita come parte civile

I soldi verranno donati ai figli dei caduti delle Forze dell'Ordine

14 gennaio 2016
Guarda anche: ItaliaVarese
IMG-20160114-WA0020-577x1024-1

Sono stati condannati all’ergastolo i due imputati per l’omicidio di Pietro Sarchiè, il commerciante di pesce di San Benedetto del Tronto ucciso il 18 giugno 2014.

Sarchiè morì perché i due assassini avrebbero voluto assicurarsi più spazio nel mercato della vendita porta a porta di pesce fresco. 

Il Tribunale ha condannato gli autori del delitto, Giuseppe e Salvatore Farina, padre e figlio, al massimo della pena.

Il corpo della vittima fu trovato diversi giorni dopo, il 5 luglio, in un campo, chiuso in un sacco nascosto sotto un materasso, tra detriti di materiale edile.

Oltre al risarcimento alla famiglia, per la prima volta in Italia un’associazione antiracket e antiusura è stata ammessa, dal Tribunale di Macerata, come parte civile. Ed ha ottenuto un risarcimento come parte lesa.

L’associazione è “Sos Italia Libera”, fondata e presieduta dal commerciante Paolo Bocedi, ed ha sede a Varese.

Il vicepresidente nazionale e presidente lombardo è Andrea Badoglio, mentre come presidenti onorari ci sono Vittorio Sgarbi e Tina Montinaro, vedova del caposcorta del giudice Giovanni Falcone.

A rappresentare durante il processo l’associazione l’avvocato Gianpaolo Cicconi.

“Si tratta di una storia sconvolgente di inaudita crudeltà – ha detto Bocedi – siamo soddisfatti della sentenza. Importantissimo il fatto che per la prima volta in Italia un’associazione come la nostra sia stata ammessa come parte civile. Il nostro impegno quotidiano è quello di sostenere chi si trova in difficoltà”.

IMG-20160114-WA0019

L’associazione si batte soprattutto contro l’usura. “Bisogna far passare un messaggio, che ancora oggi molti commercianti non vogliono sentire. Quello di denunciare e non rivolgersi agli usurai. Ci sono persone insospettabili in Lombardia, che prestano denaro a usura, non chiedono gli interessi, ma aumentano poi la cifra per ogni giorno di ritardo. E se non paghi ti uccidono la famiglia. Una di queste siamo riusciti ad assicurarla alla giustizia”.

Bocedi racconterà prossimamente questa vicenda alla tramissione Piazza Pulita.

I soldi del risarcimento ottenuti come parte civile per il processo Sarchiè andranno ai figli dei caduti delle Forza dell’Ordine.

Tag:

Leggi anche:

  • Domenica 26 marzo a Legnano si corre la Run for Parkinson

    Una corsa che non è solamente appuntamento sportivo, ma testimonianza. Si corre domenica 26 dicembre a Legnano la Run for Parkinson, manifestazione organizzata da AsPI (Associazione Parkinson Insubria) Legnano con il patrocinio del Comune e il sostegno, tra gli altri, della Bcc di Busto Garolfo e
  • Piscina comunale Fausto Fabiano, chiusura il 22 e 23 marzo

    Il Comune di Varese informa che la piscina comunale Fausto Fabiano di via Copelli sarà chiusa il 22 e il 23 marzo 2017 per lavori di ammodernamento degli impianti. In particolare la struttura verrà dotata di una nuova caldaia per la produzione dell’acqua calda, più efficiente e con una
  • Volley – UYBA ma che combini? Rimontata e sconfitta a Monza

    A due giornate dalla conclusione della regular season, la UYBA perde 3-2 (22-25, 16-25, 25-17, 25-21, 17-15) al PalaIper di Monza contro il Saugella Team Monza e porta a casa soltanto un punto, scivolando addirittura all’ottavo posto in classifica (30 punti) dietro anche a Bolzano (31), oggi
  • La BPM Sport Management vince e convince: battuto il CC Napoli 12-7

    Tre punti per ripartire. Alle Piscine Manara di Busto Arsizio la BPM Sport Management batte 12-7 il Circolo Canottieri Napoli e con i 46 punti in classifica consolida la terza posizione. Protagonisti Luongo e Gallo rispettivamente con 4 e 3 gol.     Nella prima frazione inizia nel migliore dei