Condannati gli assassini di Sarchiè. “Sos italia Libera” risarcita come parte civile

I soldi verranno donati ai figli dei caduti delle Forze dell'Ordine

14 gennaio 2016
Guarda anche: ItaliaVarese
IMG-20160114-WA0020-577x1024-1

Sono stati condannati all’ergastolo i due imputati per l’omicidio di Pietro Sarchiè, il commerciante di pesce di San Benedetto del Tronto ucciso il 18 giugno 2014.

Sarchiè morì perché i due assassini avrebbero voluto assicurarsi più spazio nel mercato della vendita porta a porta di pesce fresco. 

Il Tribunale ha condannato gli autori del delitto, Giuseppe e Salvatore Farina, padre e figlio, al massimo della pena.

Il corpo della vittima fu trovato diversi giorni dopo, il 5 luglio, in un campo, chiuso in un sacco nascosto sotto un materasso, tra detriti di materiale edile.

Oltre al risarcimento alla famiglia, per la prima volta in Italia un’associazione antiracket e antiusura è stata ammessa, dal Tribunale di Macerata, come parte civile. Ed ha ottenuto un risarcimento come parte lesa.

L’associazione è “Sos Italia Libera”, fondata e presieduta dal commerciante Paolo Bocedi, ed ha sede a Varese.

Il vicepresidente nazionale e presidente lombardo è Andrea Badoglio, mentre come presidenti onorari ci sono Vittorio Sgarbi e Tina Montinaro, vedova del caposcorta del giudice Giovanni Falcone.

A rappresentare durante il processo l’associazione l’avvocato Gianpaolo Cicconi.

“Si tratta di una storia sconvolgente di inaudita crudeltà – ha detto Bocedi – siamo soddisfatti della sentenza. Importantissimo il fatto che per la prima volta in Italia un’associazione come la nostra sia stata ammessa come parte civile. Il nostro impegno quotidiano è quello di sostenere chi si trova in difficoltà”.

IMG-20160114-WA0019

L’associazione si batte soprattutto contro l’usura. “Bisogna far passare un messaggio, che ancora oggi molti commercianti non vogliono sentire. Quello di denunciare e non rivolgersi agli usurai. Ci sono persone insospettabili in Lombardia, che prestano denaro a usura, non chiedono gli interessi, ma aumentano poi la cifra per ogni giorno di ritardo. E se non paghi ti uccidono la famiglia. Una di queste siamo riusciti ad assicurarla alla giustizia”.

Bocedi racconterà prossimamente questa vicenda alla tramissione Piazza Pulita.

I soldi del risarcimento ottenuti come parte civile per il processo Sarchiè andranno ai figli dei caduti delle Forza dell’Ordine.

Tag:

Leggi anche:

  • Arcieri di Varese, per i 40 anni una festa sociale a Calcinate degli Orrigoni

    Era il 19 luglio del 1977 quando la società, affiliata alla Federazione Italiana Tiro Con l’Arco, apriva per la prima volta le porte ai giovani. La compagnia Arcieri di Varese, festeggia il suo 40esimo anno di età, 40esimo anno di promozione sportiva e sociale nel territorio, 40esimo anno di
  • Calcio Tim Cup – Il Varese pesca il Pisa

    La stagione del Varese parte dalla Toscana e parte da Pisa: saranno loro gli avversari dei biancorossi nel primo impegno ufficiale della stagione Domenica 30 luglio gli uomini di mister Iacolino se la vedranno con gli uomini di Carmine Gautieri ex tecnico proprio dei biancorossi. La sfida di Tim
  • Gite in Lombardia presenta “Al Poncione di Ganna”

    Gite in Lombardia organizza per il 14 agosto una giornata in mezzo alla natura, con metà il Monte Poncione di Ganna, una montagna delle Prealpi Varesine alta 993m slm. “Un sentiero all’ombra di antichi alberi, un’idea per scappare dalla calura delle nostre città certo, ma non solo.
  • Calcio – Il Varese si presenta ufficialmente e va in ritiro

    Oggi è il giorno del raduno, ieri sera si sono tenute le presentazioni ufficiali della nuova dirigenza biancorossa: è così che il Varese si appresta a vivere da protagonista la prossima stagione in serie D. Primo acquisto fra tutti mister Salvatore Iacolino, lo specialista di questa categoria: