Conad-Auchan, migliaia di lavoratori a rischio

30 Ottobre 2019
Guarda anche: LavoroLombardia

Giornata di sciopero, mercoledì 30 ottobre, per i lavoratori dell’Auchan in occasione dell’incontro che si sta tenendo a Roma al Ministero dello sviluppo economico dove sindacati e nuova proprietà si confrontano sulle modalità di passaggio di punti vendita e lavoratori alla Conad.

Da ottobre e fino a febbraio 2020 andrà avanti il trasferimento per 110 punti vendita e 5.700 dipendenti.

Le conseguenze di tutto questo in Lombardia hanno numeri imponenti. Complessivamente nel passaggio di consegne sono coinvolte 5mila persone (esclusi i numeri dell’indotto). Di questi 1.860 sono già stati riassorbiti nei negozi riconvertiti con il nuovo marchio, per gli altri il futuro non è compromesso (per il momento nessuno ha pronunciato la parola “licenziamenti”) ma è incerto.

Tag:

Leggi anche:

  • Passaggio generazionale: come gestirlo in impresa

    Il passaggio generazionale è molto spesso uno dei momenti più delicati nella vita delle imprese. Oggi poi, per ragioni anagrafiche degli imprenditori al comando, il tema riguarda un numero crescente di realtà operative sul mercato: «Basti pensare che, su 1 milione e 400mila imprenditori attivi
  • Lavorare 4 giorni a settimana funziona: il primo test di Microsoft a Tokyo rileva il 40% in più di produttività

    Più produttività, minori spese e maggiore felicità dei dipendenti. E’ questo l’esito dell’iniziativa “Work Life Choice Challenge”, dove l’azienda di Microsoft di Redmond ha deciso di provare una settimana di lavoro ridotta per i suoi 2.300 dipendenti della sede di
  • Interreg “Governa TI-VA”, si cerca un Program manager

    Un manager capace di gestire il programma di Cooperazione Interreg “Governa TI-VA”, per il quale il Comune di Varese e gli altri soggetti coinvolti si sono aggiudicati un finanziamento; un professionista che porterà in una nuova dimensione i rapporti tra Italia e Svizzera per quanto
  • Otto nuovi docenti in cattedra all’Insubria

    Otto nuovi docenti sono in arrivo a novembre alla Scuola di Medicina dell’Università dell’Insubria: l’ateneo investe, grazie all’aumento delle risorse a disposizione per acquisire personale. Diventano professori associati: Luca Cabrini per Anestesia e