Ciclocittà scrive a Galimberti: “Ecco le nostre idee per la mobilità ciclabile”

La messa in sicurezza della pista di viale Belforte tra le proposte di Fiab

20 luglio 2016
Guarda anche: Varese
Bicicletta

Caro Sindaco Davide Galimberti,
ben arrivato alla guida della nostra città!

Noi di FIAB Varese Ciclocittà abbiamo letto con attenzione il suo programma e, durante la campagna elettorale, abbiamo avuto occasione di renderla partecipe delle nostre idee in merito alla mobilità urbana, in particolare quella pedonale e ciclistica, anche con alcuni rilievi critici. Qui può leggere il nostro manifesto.
Abbiamo intenzione di essere vigili e collaborativi affinché, nel corso del Suo mandato, le azioni della Giunta siano guidate dall’obiettivo di  promuovere in modo sistematico la mobilità sostenibile e in particolare quella pedonale e ciclistica con competenza e coerenza, fissando obiettivi precisi e misurabili.
Ecco le nostre prime dieci proposte che la nostra associazione vorrebbe discutere con Lei appena possibile.

  1. La realizzazione dell’autosilo di via Staurenghi deve essere strettamente connessa a:
    • eliminazione/riduzione della sosta su strada, destinando gli spazi liberati nelle vie limitrofe a pedoni, biciclette, arredo urbano,
    • favorire lo scambio auto-bici con una postazione bike sharing,
    • facilitazione dell’accesso a piedi e in bici alla struttura: completamento, messa in sicurezza e abbellimento di marciapiedi e di percorsi pedonali, doppio senso del transito bici nelle strade circostanti,
    • parcheggio custodito o comunque sicuro anche per le biciclette di residenti o per i lavoratori della zona.
La nuova struttura prevista, insomma, non dovrà aumentare l’offerta di parcheggio auto, ma contribuire a disincentivare l’uso dell’automobile e aiutare le modalità “alternative” di spostamento.

2) I percorsi ciclo-pedonali di viale Belforte vanno resi sicuri e continui, tenendo presente che tra gli utenti della bici si devono distinguere i ciclisti veloci (adulti ed esperti) e i ciclisti lenti (bambini, anziani, timorosi del traffico).

  • Lato destro in direzione centro:
    • eliminazione di ostacoli che riducono il calibro utile del marciapiede e l’accesso agli attraversamenti ciclopedonali trasversali;
    • continuità del percorso nell’attraversamento delle strade trasversali e della rotonda;
    • connessioni segnalate con area mercato-stazioni e con Biumo Inferiore-centro città.
  • Lato sinistro in direzione castello di Belforte:
    • difesa del percorso ciclo-pedonale mediante l’installazione di paletti/archetti dissuasori della sosta;
    • sanzioni sistematiche all’occupazione abusiva del percorso da parte di veicoli parcheggiati.
In più viale Belforte, per le funzioni degli edifici che lo circondano, ma anche per la conformazione geometrica, può essere una strada meritevole di limmitazione di velocità ai 30 km/h.

L’ipotesi di spostamento del percorso ciclo-pedonale sulla viabilità limitrofa, secondo noi,  è priva di senso: negli spostamenti urbani il percorso di ciclisti e pedoni è determinato dal più efficiente collegamento verso destinazione. Quindi il viale è strategico.

3) La pista ciclabile di viale Aguggiari dovrà prolungarsi fino alla zona scuole – impianti sportivi di via Manin, come già previsto dal piano comunale della mobilità ciclistica.

4) Facilitazione del collegamento tra la città e la pista ciclabile del lago(soprattutto in salita) attraverso:

  • individuazione di un percorso consigliato su viabilità minore in zona Schiranna-Bobbiate-Casbeno-Stazioni
  • Servizio di Bus+Bici di risalita
  • postazione bike-sharing elettrico alla Schiranna in presenza di finanziamento regionale con bando dedicato, ad attuazione del progetto già presentato dal comune per lo specifico bando regionale già in corso.

5) Istituzione di “zona 30” all’interno dell’anello di scorrimento interno della città e in altre strade periferiche, per consentire ovunque possibile il transito delle biciclette nei due sensi anche dove il traffico motorizzato resta limitato ad un senso solo.

6) Completamento di ordinanze e segnaletica per la circolazione delle bicinei due sensi in aree pedonali, a traffico limitato e in corsie bus, attraverso il simbolo indicato nel codice della strada su cartelli e pavimentazione.

7) Favorire l’intermodalità bici+treno e bici +bus realizzando attrezzature di parcheggio sicuro contro il furto presso le stazioni di Varese

8) Sviluppo di percorsi ciclabili periurbani di connessione, integrazione, completamento con itinerari ciclistici di livello provinciale e regionale: ciclabile dell’Olona e collegamento Iper-Folla di Malnate con V.le Valganna-Induno O.

9) Rilancio e diffusione delle iniziative di promozione del pedibus e del bicibus presso le scuole con assunzione dei provvedimenti conseguenti.

10) Rimodulazione delle tariffe di sosta negli stalli a raso in città, sempre nell’ottica della necessità di disincentivare l’utilizzo dell’auto in centro.

Cogliamo anche l’occasione, Sindaco, per invitarla a pedalare con noi durante la Settimana Europea della Mobilità, il prossimo settembre: come ha fatto Giuseppe Sala a Milano, infatti, l’unico modo per rendersi conto dei problemi e dei pericoli che deve affrontare ogni giorno chi decide di spostarsi in bicicletta o a piedi è quello di muoversi con questi cittadini.
L’aspettiamo… in sella!

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti