Chi votare a Varese? I candidati sindaci a confronto. Molti luoghi comuni, ma anche qualche idea

Al confronto di Bizzozero.net primeggia Galimberti, seguito da Marcello e Badoglio

18 marzo 2016
Guarda anche: Varese Città
FB_IMG_1458336975063

Il primo confronto pubblico al quale si siano seduti al tavolo quasi tutti i candidati sindaci di Varese. Davide Galimberti, Paolo Orrigoni, Andrea Badoglio, Stefano Malerba e Francesco Marcello (unico assente Alberto Steidl) si sono misurati venerdì sera al Circolo di Bizzozero.

Dalla vocazione della città ai temi legati alla particolarità di Varese, ovvero la policentricità dei rioni e delle castellanze. Una caratteristica fondamentale da tenere presente e da valorizzare per poter ridare sviluppo a Varese.

E a parte una certa dose di luoghi comuni, sui quali tutti sono scivolati, sono emerse posizioni e soluzioni interessanti legate ai quartieri. Luoghi comuni dovuti al fatto che parlare di valorizzazione dei quartieri, di vocazione di Varese, rilancio e sviluppo è sempre facile. Anzi, siamo ormai saturi e abituati ad ascoltare queste parole. Occorre tuttavia far capire come si possa tradurre questo in maniera concreta. Ed è qui che si vedono le differenze.

Il programma più articolato è senz’altro quello del candidato del centrosinistra Davide Galimberti. Punti precisi, come potenziare la sicurezza nei rioni attraverso presidi della Polizia Locale, rigenerare il tessuto sociale eliminando il degrado a partire da manutenzione e sicurezza e valorizzazione degli eventi culturali nei quartieri.

Molto preciso e concreto anche Francesco Marcello, candidato di Fronte nazionale per l’Italia e Riva Destra, che sottolinea come i quartieri non debbano diventare dei ghetti. Uno dei modi è anche quello di sostenere le attività commerciali, impendendo la desertificazione dei quartieri. E promuovere la conoscenza della storia dei quartieri tra i giovani.

Preparato anche Andrea Badoglio, candidato della Lista Varese Civica, che parte dalla valorizzazione della storia, della cultura e dei monumenti artistici dei rioni per dare nuova linfa alla città. Concentrando le manifestazioni più importanti proprio nei rioni.

Paolo Orrigoni, candidato del centrodestra, si concentra soprattutto sul migliorare i collegamenti tra i rioni, per puntare allo sviluppo della città. Dimostra determinazione e vigore, capacità di spendersi per la città. Ma deve ancora colmare il ritardo con cui è sceso in campo: non certo una sua colpa, ma degli scontri dentro il centrodestra.

Stefano Malerba, candidato della Lega Civica, esalta il ruolo dei quartieri come luogo di aggregazione e per sconfiggere la solitudine di anziani e giovani.

Tag:

Leggi anche:

  • A Varese nasce il primo campus diffuso nel quartiere di Bizzozero

    L’Università degli Studi dell’Insubria potenzia il suo rapporto con il quartiere di Bizzozero. È stata firmata, infatti, questa mattina la convenzione tra il Comune di Varese, l’Ateneo e la Cooperativa Circolobizzozero per la realizzazione del progetto di “Campus Diffuso”. In sostanza
  • Gruppo Consigliare Orrigoni “Amministrazione assente, vogliamo lavorare per la città”

    “Secondo voi, è normale che nei primi cinque mesi del 2018 il Consiglio Comunale di Varese, una città con 80mila abitanti, sia stato convocato solamente DUE volte?  Ci sarebbe da discutere delle mozioni sul piano sosta presentate dai nostri consiglieri comunali, delle questioni urgenti
  • Galimberti contro il contratto Lega/M5S

    Sabato 20 maggio alle 17.30 il sindaco di Varese, Davide Galimberti, è andato al gazebo della Lega per partecipare alla consultazione sul programma di governo di Lega e M5s. La scelta controcorrente è spiegata così dal sindaco Galimberti: “Le consultazioni con gli elettori al gazebo è dal
  • Fontana e Galimberti insieme su politiche sociali abitative e sport

    Condividere soluzioni comuni su tutta una serie di temi particolarmente importanti per l’amministrazione comunale di Varese. Questo l’obiettivo dell’incontro che si è svolto oggi a Palazzo Lombardia fra il presidente della Regione e il sindaco, Davide Galimberti. I TRE ACCORDI