“Chi ha paura del buio?”, Ville Ponti su Italia1

Al timone del programma c’è Daniele Bossari

04 Dicembre 2018
Guarda anche: Cinema e TvEventiVarese Città

Intelligenza artificiale, realtà virtuale, veicoli a guida autonoma. Smartphone dotati di reti neurali. Arti bionici, droni. Criptomoneta. Sonde spaziali che si spingono sempre più lontano nella galassia. Viviamo in un presente che ha già superato la fantascienza. Ma quanto ne sappiamo realmente? e quali sono le conseguenze di questo inarrestabile sviluppo tecnologico?

 “Chi ha paura del buio?” è un programma divulgativo che cercherà di rispondere a queste e altre domande, guidando lo spettatore nel mondo delle nuove scoperte scientifiche, astronomiche e delle nuove tecnologie, spaziando dalla climatologia ai terremoti, dal global warming alle estinzioni di massa, con un occhio alla storia perché, per capire dove stiamo andando, occorre sapere da dove veniamo.

Un format innovativo, non solo a livello di contenuti ma anche di linguaggio, che sarà diretto, veloce, comprensibile, informale. Un programma che cercherà di spiegare la realtà in cui viviamo, che unirà tutte le tecnologie esistenti e concettuali in un flusso televisivo che vuole informare e, nel contempo, intrattenere. Un format rivolto a tutti, perché tutti, anche inconsapevolmente, utilizzano la tecnologia e nessuno può rimanere indifferente alla trasformazione che stiamo vivendo e a quello che ci riserva il futuro.

Nel palinsesto 2018 di Italia 1 prende il via da dicembre – con quattro appuntamenti in seconda serata – “Chi ha paura del buio?”, produzione inedita Quadrio dedicata a scienza e nuove tecnologie. Al timone del programma, Daniele Bossari, personaggio trasversale in grado di spiegare, rendere semplici e fruibili anche gli argomenti più complicati. Una guida affidabile che orienterà gli spettatori ad un giusto approccio con le novità.
Il programma si avvale del supporto scientifico di Matteo Miluzio, dottore in Astronomia e scienziato per la missione EUCLID dell’ESA, Filippo Bonaventura, Astrofisico e Lorenzo Colombo, Astrofisico e dottorando in Astronomia. Tre eccezionali divulgatori, vere e proprie star del web.

La splendida Villa Andrea Ponti di Varese sarà lo studio da cui verranno lanciate le rubriche e i servizi, il salotto dove Daniele accoglierà gli ospiti. La scelta di un edificio ottocentesco è un omaggio alla scena finale del film 2001 Odissea nello Spazio: un luogo ideale dove passato, presente e futuro si incontrano.

“Chi ha paura del Buio?” è presente sui social network per dare informazioni, anticipazioni, approfondimenti, video e materiale di backstage. “Chi ha paura del buio?” è un programma Quadrio in collaborazione con Rti, Publitalia Branded Entertainment e Fastweb,  presentato da Daniele Bossari, scritto da Cristina Meda e Daniele Bossari, con la regia di Arcadio Cavalli.

Tag:

Leggi anche:

  • Villa Toeplitz, girini e rane traslocano. National Geographic a Varese

    Sono già 280 mila i girini messi in sicurezza dai volontari della LIPU che insieme al Comune di Varese, armati di retini e secchi, stanno spostando temporaneamente girini e rane che fanno parte della ricca biodiversità del Parco di Villa Toeplitz. La prossima settima infatti inizieranno i lavori
  • Giornata del sapere educativo, il Comune mette i giovani al centro

    È in corso a Palazzo Estense la settima edizione della Giornata del sapere educativo, iniziativa giunta alla sua settimana edizione e che quest’anno ha scelto come slogan “Sperare, sapere, costruire”. Poco fa, inaugurando i lavori, l’intervento del sindaco Davide Galimberti
  • Travolta da un treno, muore una donna a Legnano

    Tragedia questa mattina poco dopo le 9 all’altezza della stazione di Legnano. Una donna è stata travolta da un treno e, nonostante i soccorsi, per lei non c’è stato nulla da fare. Ancora da accertare se si è trattato di un incidente oppure di un gesto volontario. Inevitabili i
  • Ingegneri dei boschi: alla scoperta dei picchi all’Università dell’Insubria

    I picchi costituiscono una famiglia di uccelli ben presente nell’immaginario collettivo. Nota a tutti è la loro peculiare abitudine di scavare fori all’interno dei tronchi degli alberi, grazie a poderosi e rapidissimi colpi di becco, sia per cercare larve di insetti (che costituiscono una