Catalogo interiore del contemporaneo in mostra al Castello di Masnago

Nell'esposizione anche gli scatti del varesino Giacomo Vanetti

10 marzo 2016
Guarda anche: Varese
mostra

Questa mattina al Castello di Masnago è stata presentata la mostra Catalogo Interiore del Contemporaneo, con l’assessore alla Cultura Simone Longhini, la curatrice Daniela Gordi, il conservatore del Museo Daniele Cassinelli, l’artista Giacomo Vanetti e la referente del progetto VareseMusei Jessica F.Silvani.
“Abbiamo indicato il 2016 come l’anno della fotografia per la cultura varesina – ha detto l’assessore -: in sala Veratti c’è un’esposizione in tal senso dedicata a Franco Pontiggia, ecco qui al Castello una mostra di grande qualità, che esplora il mondo della fotografia, dall’analogico al digitale, dalla videoarte alle installazioni, attraverso un attento lavoro di ricerca. Grazie ai curatori, e grazie ai 16 artisti…più uno…di Varese!Sono in programma anche eventi che sono parte integrante della mostra”.

L’inaugurazione sarà sabato alle ore 17.30

CATALOGO INTERIORE DEL CONTEMPORANEO
Il corpo e il luogo

a cura di Daniela Giordi

Museo civico d’arte moderna e contemporanea del Castello di Masnago
Via Cola di Rienzo 42 – VARESE
Inaugurazione sabato 12 marzo ore 17,30 – fino 8 maggio 2016

Inaugura sabato 12 marzo 2016 alle ore 17,30, presso le sale del Museo civico d’arte moderna e contemporanea del Castello di Masnago, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del comune di Varese e ABF-Atelier per i Beni Fotografici, la mostra CATALOGO INTERIORE DEL CONTEMPORANEO. Il corpo e il luogo, volta a indagare, attraverso l’opera di 17 artisti, la figura umana in riferimento all’indagine del “sé” e la rappresentazione degli spazi finalizzata alla restituzione dell’essenza e dell’anima dei luoghi. La mostra è un percorso fra fotografia analogica, fotografia digitale, ibridi analogico-digitali, foto-collage, installazioni, video-arte, oggetti d’arte. Il percorso è stato studiato in funzione dei locali espositivi, situati al primo piano del Castello di Masnago.

AUTORI IN MOSTRA

Domenico Borrelli; Franco Borrelli; Fulvio Bortolozzo; Claudio Cravero; Giorgio Cutini; Dora Damiano; Beba Dandini; Olivier Durrande; Gianni Fioccardi; Silvia Fubini; Pierluigi Manzone; Paolo Minioni;
Enrico Peyrot; Nicolò Quirico; Paola Risoli; Giacomo Vanetti; Natale Zoppis.

Gli artisti con il proprio lavoro trascrivono il presente in riferimento alle questioni ascrivibili al significato di esistenza, traducendo per noi il rapporto che intessiamo con la fisicità, con gli oggetti che ci circondano o dietro ai quali ci nascondiamo, con gli ambienti e il paesaggio che abitiamo e condividiamo. La rappresentazione della figura e dei luoghi sono due fra i temi iconografici maggiormente affrontati in arte, delle origini al contemporaneo.

Gli autori selezionati per Catalogo Interiore del Contemporaneo. Il corpo e Il luogo si contraddistinguono per il rapporto consapevole da essi instaurato con la tecnica del mezzo e con la materia dell’immagine. Tutti lavorano in maniera sistematica e organica al tema con approccio autoriale, talvolta concettuale, con impegno pluriennale e multidisciplinare, abbracciando le modalità dell’arte contemporanea, proponendo un prodotto concluso, dalla progettazione all’oggetto espositivo, nato con l’intento di entrare nel mercato dell’arte e del collezionismo.

Il format espositivo Catalogo Interiore del Contemporaneo, ideato e curato da Daniela Giordi, è legato a un più ampio progetto di analisi visiva e critica del presente, giunto al suo secondo appuntamento, il primo dei quali, sotto la dicitura Fotografia statica e in movimento è stato presentato nel 2013 a Torino al Museo Regionale di Scienze Naturali, con successo di critica e di pubblico. Con Il Corpo e il Luogo, procedendo sulla linea originaria e progettuale, si persegue la ricerca afferente i seguenti temi: il corpo fisico e lo spazio che il corpo vive e anima; allo stato attuale è in lavorazione il terzo appuntamento dedicato all’Identità (culturale, di genere, di luogo).

Il Castello di Masnago ospita dunque una mostra che vuole avvicinare pubblico e ricerca artistica contemporanea di qualità. Tra gli artisti in mostra nomi nazionali e internazionali, e un fotografo varesino, Giacomo Vanetti.

Giacomo Vanetti gioca in casa e presenta, con Il Corpo e il Luogo Project, la propria ricerca visiva, condotta con particolare attenzione al mezzo tecnico e ai materiali costitutivi. La ripetuta presenza delle sue opere lungo il percorso espositivo rappresenta la messa in dialogo nel linguaggio dell’arte tra Varese e altri luoghi, percorsi, vissuti. Fotografie, video, installazioni sono accostate per far scaturire nell’osservatore, di volta in volta, un gioco di specchi, rimandi, analogie formali, concettuali ed espressive.
L’artista sembra voler restare in contatto solo con la traccia permanente delle cose, e volercela mostrare, evanescente ma persistente allo scorrere del tempo. Il corpus di immagini e oggetti di “Memorie della fabbrica trovata” sono elementi tesi a trattenere dalla fugacità della sequenza e svelano la nostra memoria della fabbrica, qualcosa di molto più prossimo al sé, a noi stessi, che non ai cadenti resti della fabbrica in questione, la ex Ceramica di Laveno.

Ma c’è di più. D’accordo con l’Assessorato alla cultura CATALOGO INTERIORE DEL CONTEMPORANEO. Il Corpo e il Luogo prova a travalicare i confini del museo, creando un continuum con la città e la quotidianità. E così opere d’arte su carta blue back occuperanno gli spazi affissione della città, al Liceo Artistico Frattini sarà esposta un’opera connessa alla mostra e Claudio Cravero cercherà in città soggetti da ritrarre per il proprio progetto. E lungo i due mesi di mostra il Castello di Masnago propone una serie di appuntamenti collaterali, come l’incontro con Enrico Peyrot sul tema dell’architettare fotograficamente in ambienti antropici alpini, organizzato con la collaborazione dell’Ordine Architetti PPC di Varese. O, ancora, i laboratori d’artista in camera oscura tenuti da Giacomo Vanetti, proposti dalla didattica del Castello di Masnago.
Il clou sarà poi il finissage, con la performance video-acustica di NITON, un progetto di improvvisazione musicale elettronica nato dall’incontro delle esperienze di Luca Xelius Martegani (sintetizzatori analogici / regia del suono) e El Toxyque (oggetti elettroacustici autocostruiti ed elettronica) a cui si è poi aggiunto definitivamente il musicista e compositore ticinese Zeno Gabaglio (violoncello 5 corde elettrico).

L’Assessorato alla Cultura del Comune di Varese e ABF-Atelier per i Beni Fotografici ringraziano per la collaborazione: Ordine Architetti PPC Provincia di Varese, Liceo Artistico Statale Frattini, Varesenews, Vini Rossetti, SULL’ARTE, Andrea Ciotti e Jessica F. Silvani.

APPUNTAMENTI A CORREDO – FUORI DAL MUSEO

MARZO 2016
CATALOGO INTERIORE DEL CONTEMPORANEO. Nudi al muro di Claudio Cravero.

Nell’ambito della mostra è stata predisposta l’affissione pubblica, per due settimane negli spazi pubblicitari cittadini, di 70 manifesti relativi al progetto fotografico NUDI di Claudio Cravero, esposto anche al Castello di Masnago.
Primi piani a tutto campo. Le reazioni mimiche assunte nell’istante dello scatto da chi, offrendosi al sadismo fotografico, si spoglia davanti agli occhi del fotografo; aspetti psicologici indagati attraverso piccoli indizi nelle espressioni del viso, un click che scava e mette a nudo l’interiorità del soggetto ritratto. Una carrellata di personaggi di ogni età, sesso e razza che si confrontano con il proprio “io”, con la propria disinibizione di fronte all’obbiettivo. Ogni opera è composta da due ritratti in primo piano, in uno dei quali il modello fotografato ha posato indossando i suoi abiti, nell’altro ha posato nudo; non verrà mai rivelato quale dei due ritratti sarà quello della posa vestita o svestita, lasciando nel dubbio lo spettatore lo stesso soggetto ripreso.

Un’opera al Liceo Frattini.
Per due settimane un rimando a Catalogo Interiore del Contemporaneo sarà esposto presso l’ atrio della scuola varesina.

APRILE 2016

Sabato 2 e domenica 3 aprile
Il 2 e il 3 aprile, il fotografo Claudio Cravero sarà disponibile a Varese per fotografare coloro i quali, volendo prendere parte al progetto, si offriranno per farsi ritrarre, contribuendo alla banca dati del progetto NUDI. Per prendere visione o contattare l’autore: http://www.claudiocravero.com/fotografie/nudi/index.html
Sui manifesti Nudi al Muro il link al sito del progetto tramite QR Code, per dare vita a un evento social, per prendere visione di tutti i ritratti del progetto e indicare, in apposito campo con menù a tendina, in quale immagine del dittico il soggetto rappresentato noi riteniamo sia è nudo o vestito.

APPUNTAMENTI A CORREDO – DENTRO AL MUSEO

MARZO

Venerdì 18 marzo, ore 18.30
ETILOGRAFIA: racconti semiseri di metempsicosi tra arte e vino. A cura di Eleonora Martinelli, sommelier, in collaborazione con Vini Rossetti. La mostra Catalogo interiore del contemporaneo vista con gli occhi di una sommelier.
Ingresso libero.

APRILE

Sabato 2 aprile, ore 15.30
CATALOGO INTERIORE DEL CONTEMPORANEO: il progetto, il percorso, gli autori. La materia dell’immagine fotografica in riferimento alla progettualità e alle serie autoriali in mostra A cura di Daniela Giordi, ABF – Atelier per i Beni Fotografici.
Ingresso libero.

Sabato 9 aprile, ore 14.30
INTERPRETAZIONI IN CAMERA OSCURA. Uso artistico del processo di stampa fotografica. A cura di Giacomo Vanetti, in collaborazione con SULL’ARTE.
Workshop a pagamento.

Mercoledì 20 aprile, ore 21.00
ARCHIFOTO. A cura di Enrico Peyrot, fotografo, in collaborazione con Ordine Architetti PPC Provincia di Varese. Incontro sul tema dell’evoluzione dell’architettare fotograficamente in ambienti antropici alpini.
Ingresso libero.

Venerdì 22, ore 18.00
INTERPRETAZIONI IN CAMERA OSCURA. Uso artistico del processo di stampa fotografica. A cura di Giacomo Vanetti, in collaborazione con SULL’ARTE.
Workshop a pagamento.

Venerdì 29, ore 21.00
FINISSAGE. Performance video-acustica di NITON e Giacomo Vanetti.
Nell’ambito della mostra CATALOGO INTERIORE DEL CONTEMPORANEO, il corpo e il luogo NITON sonorizzerà dal vivo il video “In punta di piedi” di Giacomo Vanetti (20 min.).
Nel corso della serata il video sarà lo spartito su cui si muoveranno i suoni di NITON, in una performance che sarà, per il pubblico, esperienza multisensoriale. Flusso musicale e flusso delle immagini saranno fortemente in simbiosi, amplificandosi a vicenda. Non musica scritta, quindi, ma un evento sonoro profondamente intimo e del tutto estemporaneo. Il pubblico, ed è la cifra stilistica di NITON, avrà la sensazione di essere posto al centro della corrispondenza tra immagini e musica ed essere, anziché spettatore, elemento di forte attrazione della scena.
A seguire NITON presenterà alcuni estratti di “TIRESIAS”, l’ultimo lavoro discografico pubblicato per l’etichetta svizzera “Pulver und Asche” ( http://nitonband.blogspot.it/ )

MAGGIO

Sabato 7 maggio, ore 18.00
INTERPRETAZIONI IN CAMERA OSCURA. Uso artistico del processo di stampa fotografica. A cura di Giacomo Vanetti, in collaborazione con SULL’ARTE.
Workshop a pagamento.

Orari mostra: 9.30-12.30 e 14-18 dal martedì alla domenica
Chiuso il lunedì (escluso lunedì dell’Angelo), S. Pasqua, 1 maggio

BIGLIETTI
Intero: € 4,00
Ridotto: € 2,00 fino ai 25 anni, gruppi (almeno 10 persone), militari, convenzioni, Family Card,
Gratuito: disabili, bambini fino ai 6 anni, insegnanti accompagnatori di scolaresche
Cumulativo per tutti i Musei Civici: € 5,00 (valido tutto l’anno)
Abbonamento Musei Lombardia

I workshop, a prenotazione obbligatoria, durano circa tre ore e hanno un costo di 25 euro cad. Tutti i materiali sono forniti. Per prenotazioni 0332-255473 didattica.masnago@comune.varese.it

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti