Castellanza: una serata per conoscere le TagesMutter

Martedì sera l'evento per capire cosa significa prendersi cura dei bambini di altri presso casa propria

10 ottobre 2016
Guarda anche: Busto Arsizio
bambini

“Una scelta di vita”, quella di diventare TagesMutter. Questo è stato per Federica Tosello, 31 anni, mamma di Greta, una delle entusiaste professioniste che hanno deciso di dare una svolta alla propria vita aprendo le porte di casa per accogliere e accudire bambini di altri: Federica è una Tagesmutter o madre di giorno.
“Non mi bastava “fare” un lavoro, volevo “vivere” il mio lavoro. Ho scelto di diventare Tagesmutter ed intraprendere questo percorso lavorativo perché stare con i bambini mi rende felice e perché cercavo una professione che mi permettesse di sentirmi realizzata, impegnata e al tempo stesso di dedicarmi alla mia famiglia, ciò che più mi sta a cuore.

Infatti parlare di Tagesmutter (termine tedesco che significa “madre di giorno”) è parlare di una persona, adeguatamente formata, che offre educazione e cura a bambini di altri presso il proprio domicilio. Si tratta di una professione che nasce nei paesi del Nord Europa e da circa una quindicina d’anni è diffusa anche in Italia.
“Nel 2015, dopo aver superato la selezione con l’Associazione Nazionale Domus – continua Federica – ho frequentato il corso di formazione di 200 ore, sostenuto e superato gli esami orale e scritto, svolto 50 ore di tirocinio e poi… ho aperto le porte di casa ai bambini (massimo 5 in compresenza) e alle loro famiglie. Ho accolto i primi piccoli ospiti con Greta, la mia bambina di 3 anni che è parte attiva del progetto, poiché è cresciuta per parecchi mesi insieme ai bimbi che accolgo prima di iniziare la scuola materna e ancora adesso passa alcune ore insieme a loro dal momento in cui andiamo a prenderla all’asilo”.

Sono circa una trentina le Tagesmutter formate – ad oggi – dalla Coop. Energicamente di Castellanza, punto di riferimento del servizio nel Varesotto, Alto Milanese e Comasco. “Dopo il percorso formativo – spiega la coordinatrice del servizio Ada Benigna – le Tages diventano operative e pronte ad accogliere gli utenti garantendo un servizio qualificato e flessibile andando incontro alle specifiche necessità delle famiglie nel rispetto dei tempi del bambino. La Cooperativa si occupa di tutti gli aspetti previdenziali e assicurativi, inquadrando professionalmente la “mamma di giorno””.

L’appuntamento per conoscere questo servizio è fissato per martedì 11 ottobre p.v. alle ore 21:00 a Castellanza presso il Centro Civico di piazza Soldini, 8. Ada e le sue Tages vi aspettano per presentarsi e illustrare il servizio e rispondere ad ogni dubbio in merito a questo innovativo progetto.
Per informazioni: Ada Benigna – cell. 345-2608590 – tagesmutter@energica-mente.net
Energicamente Soc. Coop. Sociale – via De Amicis, 5 – 21053 Castellanza (VA) – 0331-1710846

Tag:

Leggi anche:

  • Draghi Valle Olona: a settembre una nuova avventura per il Minibasket

    Partirà a Settembre una nuova avventura per il Minibasket grazie alla collaborazione tra Polisportiva Sportpiu, Scuola Basket Castellanza e A.S.D. Draghi Gorlazy di Gorla Maggiore: la Scuola Minibasket Draghi Valle Olona, il primo centro sovraterritoriale della zona! Il Progetto concretizza
  • Riqualificazione del campo da rugby di Giubiano, accordo firmato

    Questa mattina a Roma è stata firmata la convenzione tra il Coni e i 32 Enti locali che hanno presentato, e sono stati selezionati, nell’ambito del bando “Fondo Sport e Periferie”, dedicato alla riqualificazione degli impianti sportivi italiani. Tra i comuni presenti a Roma c’era anche
  • Un percorso mondiale per la 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine

    La 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine, in programma a Varese sabato 30 settembre (crono) e domenica 1° ottobre (gran e medio fondo) sarà una gara da non perdere. Entrata da quest’anno nel circuito UCI GRAN FONDO WORLD SERIES la Gran Fondo Tre Valli Varesine 2017 sarà una prova
  • Sanità: illustrato il modello di inclusione dell’Associazione Special Olympics

    Promuovere sempre di più lo sport come mezzo di inclusione sociale per i disabili intellettivi anche gravi e valutare anche la possibilità di individuare un riferimento regionale per la formazione di allenatori e istruttori dello sport unificato (l’attività motoria e sportiva fatta