Caserme, da Regione 3,6 mln di euro per realizzare e ammodernare stazioni carabinieri

“La sicurezza pubblica e la legalità sono temi molto sensibili – ha sottolineato Sertori – ai quali stiamo dedicando impegno e risorse importanti.”

30 Luglio 2019
Guarda anche: Lombardia

È stato approvato dal Consiglio regionale lombardo un emendamento che stanzia 3,6 milioni di euro per l’avvio e la realizzazione degli interventi previsti nell’ambito di Accordi di programma per la riqualificazione di caserme esistenti o per la realizzazione di nuovi presidi in Lombardia.

TRE ANNUALITÀ – Le risorse sono ripartite in tre annualità: 1,5 milioni nel 2019, 1,4 milioni nel 2020 e 700.000 euro nel 2021. Le risorse stanziate serviranno a finanziare, tra gli altri, i lavori nelle caserme di Robbio e di Mede, in provincia di Pavia.

SERTORI: SODDISFATTO POSIZIONE CONSIGLIO REGIONALE – “Sono soddisfatto del fatto che, in maniera unanime, il Consiglio regionale si sia espresso positivamente su questo emendamento – ha spiegato l’assessore regionale agli Enti locali, Montagna, Piccoli Comuni e Programmazione negoziata Massimo Sertori -, che ha come obiettivo di finanziare un vero e proprio programma di interventi identificati come prioritari per realizzare sul territorio lombardo nuove sedi per l’accasermamento dei reparti dell’Arma”.

ACCORDI DI PROGRAMMA E REALIZZAZIONI – Attraverso lo strumento della Programmazione Negoziata, a partire dal 2018, Regione Lombardia è impegnata a sostenere interventi di elevato interesse regionale e territoriale e ha già finanziato le caserme di Clusone (BG), Stezzano (BG) e Cantù (CO), mentre sono in corso di approvazione gli Accordi di programma relativi ai presidi di Lodi Vecchio e di San Giovanni in Croce (CR), accordi ai quali Regione ha aderito lo scorso giugno.

SICUREZZA E LEGALITÀ PRIORITARIE – “La sicurezza pubblica e la legalità sono temi molto sensibili – ha sottolineato Sertori – ai quali stiamo dedicando impegno e risorse importanti. Significativo infatti è che la Giunta Fontana continui nella pianificazione di iniziative infrastrutturali che mirino a rendere più agevole il compito di chi lavora per la nostra incolumità”.

SERVIZI ESSENZIALI – “L’obiettivo infatti – ha concluso – è quello di fornire maggiori servizi e una maggiore accessibilità a questi presidi, essenziali a garantire la sicurezza dei nostri cittadini e a mettere in campo azioni di prevenzione e di contrasto alla criminalità urbana”.

DE CORATO: SICUREZZA URBANA ANCHE CON NUOVE CASERME – “Abbiamo investito somme significative – ha affermato l’assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Riccardo De Corato -, cofinanziando la ristrutturazione e la costruzione di nuove caserme in Lombardia. Siamo particolarmente attenti a questo delicato tema. Vogliamo aumentare, anche attraverso questo tipo di interventi, la sicurezza urbana sui territori e contrastare la criminalità. La presenza dei Carabinieri è un segno tangibile e concreto di un presidio dello Stato”.

Leggi anche:

  • Lavorare in Comune, concorso per assistenti sociali

    Tre nuovi assistenti sociali entro la fine dell’anno, altri due da aggiungere nel 2020. Il Comune di Varese ha pubblicato oggi il bando di un nuovo concorso pubblico, finalizzato all’assunzione di cinque professionisti nell’Area V – Servizi alla persona. Sarà possibile
  • Protocollo lombardo per lo sviluppo sostenibile: anche l’Insubria tra i firmatari

    È stato firmato questa mattina a Milano, a Palazzo Pirelli, il Protocollo lombardo per lo sviluppo sostenibile che coinvolge 53 istituzioni coordinate da Regione Lombardia. Al tavolo, presieduto dal governatore Attilio Fontana e dall’assessore all’Ambiente Raffaele Cattaneo, anche
  • A fuoco un’azienda tessile di Bisuschio

      Oggi, mercoledì 18 settembre, alle ore 13:00, i vigili del fuoco della sede di Varese, sono intervenuti nel comune di Bisuschio (Va), in via Repubblica per un incendio presso un’azienda. Per cause ancora in fase di accertamento un macchinario all’interno di una ditta che
  • Arriva la prima farmacia drive-in della Lombardia

    Il primo ‘farmadrive’ comunale in Italia, una farmacia concepita come un drive-in fast food dove acquistare il farmaco o il prodotto richiesto senza scendere dall’auto, 24 ore al giorno e 365 giorni l’anno, sarà inaugurata sabato prossimo a Corbetta, in provincia di