Caccia al cinghiale: ecco le novità

Le nuove regole introducono la girata: meno di 20 cacciatori e un solo cane

29 ottobre 2015
Guarda anche: Varese
1439541425-1941661059-cinghiale-caccia

 

 

Sono state presentate questa mattina in conferenza stampa le modifiche al Regolamento per le gestione faunistico venatoria degli ungulati, approvate nell’ultimo consiglio provinciale. Erano presenti il Vicepresidente della Provincia di Varese e consigliere delegato alla materia Giorgio Ginelli e il consigliere delegato alla Sicurezza Fabrizio Mirabelli. 

Le modifiche apportate, infatti, sono il risultato della sinergia tra i due settori (Caccia e Pesca e Sicurezza) della Provincia di Varese.

La novità sostanziale più importante riguarda l’introduzione in via sperimentale di una nuova tecnica venatoria di caccia al cinghiale. «Si tratta della girata – ha spiegato Ginelli – che verrà per ora praticata nella Atc 1 e nella zona più settentrionale dell’Atc 2. La girata è una tecnica meno invasiva, poiché prevede l’impiego di un solo cane detto limiere e di un numero ridotto di cacciatori (non più di venti) rispetto alla braccata. La nuova tecnica poi consente anche un maggior rispetto dell’ambiente in cui avviene e delle specie ungulati più delicate come il capriolo e il cervo. E’ questo un modo di cacciare certamente più chirurgico ed efficace nelle zone più urbanizzate e ha quale obiettivo quello di incrementare gli abbattimenti e ridurre le problematiche».
Altre novità introdotte nel regolamento, che risale al 2009, riguardano la sicurezza: «rispetto a questo voglio ringraziare – ha commentato Ginelli – il consigliere Mirabelli per il contributo dato» e la composizione delle squadre di caccia collettiva «che a partire dal 2016, saranno numericamente più consistenti e agiranno su zone di caccia ridefinite, più omogenee e più estese rispetto alle precedenti».
Il vicepresidente ha poi concluso manifestando la propria soddisfazione per il risultato ottenuto: «Voglio sottolineare la professionalità dimostrata dai funzionari dei settori amministrativi coinvolti e il metodo condiviso che ha visto coinvolti la Consulta faunistico venatoria, la Commissione tecnica ungulati provinciale e gli organismi delle Atc e Canv. Tutte queste sono realtà che rappresentano gli interessi e le istanze di cacciatori, ambientalisti e agricoltori».

Tag:

Leggi anche:

  • Varese prepara gli interventi nazionali di Gran Fondo

    Una delegazione della S.C. Binda questo fine settimana è stata ad Albi, in Francia, per assistere alla Gran Fondo Albigeoise, gara di qualificazione per i Mondiali 2017 di ciclismo. Una trasferta molto utile per osservare e studiare da vicino l’organizzazione della manifestazione. A fine
  • Karate, C.S. Vela Arcisate campione nazionale

    Dopo un lungo lavoro, col quale abbiamo cercato di elevare la qualità tecnica in tutte le categorie, finalmente abbiamo raggiunto il livello più alto del podio. Grande merito a tutti gli atleti che si sono impegnati durante l’anno, nonostante i numerosi impegni scolastici e lavorativi, mentre,
  • Giro d’Italia numero 100: vince l’olandese Dumoulin

    Con la cronometro Monza-Milano (29.3 km) si è chiuso il Giro d’Italia numero 100. A vincere la celeberrima corsa in rosa targata 2017 è stato Tom Dumoulin, l’olandese della Sunweb che ha stupito un po’ tutti e che si è laureato il nuovo re in rosa. Quintana, Nibali e Pinot si classificano
  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del