Caccia al cinghiale: ecco le novità

Le nuove regole introducono la girata: meno di 20 cacciatori e un solo cane

29 ottobre 2015
Guarda anche: Varese Città
1439541425-1941661059-cinghiale-caccia

 

 

Sono state presentate questa mattina in conferenza stampa le modifiche al Regolamento per le gestione faunistico venatoria degli ungulati, approvate nell’ultimo consiglio provinciale. Erano presenti il Vicepresidente della Provincia di Varese e consigliere delegato alla materia Giorgio Ginelli e il consigliere delegato alla Sicurezza Fabrizio Mirabelli. 

Le modifiche apportate, infatti, sono il risultato della sinergia tra i due settori (Caccia e Pesca e Sicurezza) della Provincia di Varese.

La novità sostanziale più importante riguarda l’introduzione in via sperimentale di una nuova tecnica venatoria di caccia al cinghiale. «Si tratta della girata – ha spiegato Ginelli – che verrà per ora praticata nella Atc 1 e nella zona più settentrionale dell’Atc 2. La girata è una tecnica meno invasiva, poiché prevede l’impiego di un solo cane detto limiere e di un numero ridotto di cacciatori (non più di venti) rispetto alla braccata. La nuova tecnica poi consente anche un maggior rispetto dell’ambiente in cui avviene e delle specie ungulati più delicate come il capriolo e il cervo. E’ questo un modo di cacciare certamente più chirurgico ed efficace nelle zone più urbanizzate e ha quale obiettivo quello di incrementare gli abbattimenti e ridurre le problematiche».
Altre novità introdotte nel regolamento, che risale al 2009, riguardano la sicurezza: «rispetto a questo voglio ringraziare – ha commentato Ginelli – il consigliere Mirabelli per il contributo dato» e la composizione delle squadre di caccia collettiva «che a partire dal 2016, saranno numericamente più consistenti e agiranno su zone di caccia ridefinite, più omogenee e più estese rispetto alle precedenti».
Il vicepresidente ha poi concluso manifestando la propria soddisfazione per il risultato ottenuto: «Voglio sottolineare la professionalità dimostrata dai funzionari dei settori amministrativi coinvolti e il metodo condiviso che ha visto coinvolti la Consulta faunistico venatoria, la Commissione tecnica ungulati provinciale e gli organismi delle Atc e Canv. Tutte queste sono realtà che rappresentano gli interessi e le istanze di cacciatori, ambientalisti e agricoltori».

Tag:

Leggi anche:

  • A cavallo tra le rocce lunari, e su astronavi fai da te

    Quante ne sono state dette sulla terra e sulla luna, sabato 18 ottobre a Busto Arsizio se ne vedranno delle belle sull’argomento. Appuntamento dalle 10 alle 16 al maneggio La Bastide in via Samarate, 150. Si farà una gimkana a cavallo tra modelli di rocce lunari, si costruirà un’astronave
  • Conferimento Ufficiale del Titolo Comune Europeo dello Sport 2019 alla Città di Sesto Calende

    Un lunedì pieno di emozioni ed entusiasmo è stato lo scorso 30 ottobre presso la sala d’onore del CONI a Roma per Simone PINTORI (Consigliere Comunale Delegato allo Sport) Danila DE CANDIDO (Consigliere Comunale Delegato ai Bandi) Andrea SCANDOLA (Rappresentante della Pro Sesto) Daniele
  • Cinque mastini della Pallanuoto Banco BPM Sport Management convocati in Nazionale

    Saranno ben cinque gli atleti della Pallanuoto Banco BPM Sport Management che dal 29 ottobre all’1 novembre 2017 si ritroveranno al Centro Federale di Ostia per il raduno collegiale della Nazionale Italiana. Il Commissario Tecnico Alessandro Campagna radunerà gli azzurri per quattro giorni di
  • Definiti gli accoppiamenti dei quarti di finale di Len Euro Cup

    Sorteggiati oggi gli accoppiamenti dei quarti di finale di Len Euro Cup, con la Pallanuoto Banco BPM Sport Management che ha conosciuto il nome della sua avversaria: la Stella Rossa Belgrado. La formazione guidata da mister Marco Baldineti dunque sfiderà la compagine serba (vincitrice