Busto Arsizio: cinque giovani arrestati per spaccio

Si è chiusa nella giornata di giovedì un'indagine scattata a fine maggio

25 settembre 2015
Guarda anche: Busto Arsizio
Poliziaintervento

Nella giornata odierna, gli Agenti della Polizia di Stato hanno denunciato cinque giovani per spaccio di sostanze stupefacenti.

Il 28 maggio scorso, la Volante del Commissariato di Busto Arsizio aveva fermato e controllato un sedicenne italiano residente in città, già conosciuto dagli agenti per episodi di piccolo spaccio di cannabis, che aveva tentato di allontanarsi su una bicicletta. Addosso, in una custodia per occhiali all’interno degli slip, i poliziotti avevano trovato 13 dosi di marijuana singolarmente confezionate.

La successiva analisi dei messaggi scambiati con il telefonino dal minore¸ che come molti coetanei fa un uso intensivo e nel suo caso decisamente spregiudicato di whatsApp, in prima battuta ha permesso ai poliziotti della squadra investigativa del Commissariato di individuare due diciassettenni italiani di Busto Arsizio, fornitori di sostanza stupefacente al sedicenne già identificato e ad altri minori.

L’analisi dei cellulari dei diciassettenni ha poi a consentito di estendere le indagini sul giro dei giovani pusher e di identificarne altri cinque, tre italiani di 15, 16 e 17 anni, un romeno quindicenne e un marocchino trentaduenne residenti tra a Busto Arsizio e Lonate Pozzolo.

Tra i luoghi privilegiati per effettuare le cessioni di hascisc e marijuana in cambio di denaro figuravano parchi pubblici e luoghi di aggregazione giovanile, oratori inclusi.

Come di consueto venditori e acquirenti utilizzavano per condurre le trattative e concludere i loro affari termini in codice come “fumo” o “marrone” per indicare la droga, “micidiale, assurda, subatomica” per alludere alla sua buona qualità, “trenta amici, quanti siete, sto bene, sono a piedi” per sottintenderne il quantitativo e la presenza o mancanza.

Non mancavano neanche le minacce di interventi coattivi quando i compratori risultavano morosi non riuscendo a pagare in tutto o in parte il “cash” pattuito.

La droga venduta è costituita dai derivati della cannabis, ma da alcuni messaggi scambiati tra gli indagati si comprende come alcuni di loro facciano anche uso, almeno saltuariamente, di cocaina ed ecstasy.

Questa mattina gli uomini del Commissariato hanno chiuso il cerchio delle indagini  con l’esecuzione di cinque decreti di perquisizione emessi dalla Procura della Repubblica per i Minorenni di Milano nei confronti dei quattro minori e del trentaduenne da ultimo identificati come pushers, tutti indagati per spaccio di droga. Le perquisizioni hanno fatto ritrovare modiche quantità di sostanze stupefacenti e ulteriori elementi – in particolare altri messaggi scambiati con i telefonini – che rafforzano ulteriormente le accuse.

 

Tag:

Leggi anche:

  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti
  • Simone Miele vincitore della Coppa Italia Rally 2016

    rally-simone-miele Simone Miele e Roberto Mometti sono i vincitori della Coppa Italia Rally 2016, serie nazionale reintrodotta da Aci Sport per questa stagione. A bordo della Ford Fiesta World Rally Car, i due varesini – Simone è di Olgiate Olona mentre Roberto di Luino- hanno messo le mani sul titolo di Zona1 già