Busto Arsizio: cinque giovani arrestati per spaccio

Si è chiusa nella giornata di giovedì un'indagine scattata a fine maggio

25 settembre 2015
Guarda anche: AperturaBusto Arsizio
Poliziaintervento

Nella giornata odierna, gli Agenti della Polizia di Stato hanno denunciato cinque giovani per spaccio di sostanze stupefacenti.

Il 28 maggio scorso, la Volante del Commissariato di Busto Arsizio aveva fermato e controllato un sedicenne italiano residente in città, già conosciuto dagli agenti per episodi di piccolo spaccio di cannabis, che aveva tentato di allontanarsi su una bicicletta. Addosso, in una custodia per occhiali all’interno degli slip, i poliziotti avevano trovato 13 dosi di marijuana singolarmente confezionate.

La successiva analisi dei messaggi scambiati con il telefonino dal minore¸ che come molti coetanei fa un uso intensivo e nel suo caso decisamente spregiudicato di whatsApp, in prima battuta ha permesso ai poliziotti della squadra investigativa del Commissariato di individuare due diciassettenni italiani di Busto Arsizio, fornitori di sostanza stupefacente al sedicenne già identificato e ad altri minori.

L’analisi dei cellulari dei diciassettenni ha poi a consentito di estendere le indagini sul giro dei giovani pusher e di identificarne altri cinque, tre italiani di 15, 16 e 17 anni, un romeno quindicenne e un marocchino trentaduenne residenti tra a Busto Arsizio e Lonate Pozzolo.

Tra i luoghi privilegiati per effettuare le cessioni di hascisc e marijuana in cambio di denaro figuravano parchi pubblici e luoghi di aggregazione giovanile, oratori inclusi.

Come di consueto venditori e acquirenti utilizzavano per condurre le trattative e concludere i loro affari termini in codice come “fumo” o “marrone” per indicare la droga, “micidiale, assurda, subatomica” per alludere alla sua buona qualità, “trenta amici, quanti siete, sto bene, sono a piedi” per sottintenderne il quantitativo e la presenza o mancanza.

Non mancavano neanche le minacce di interventi coattivi quando i compratori risultavano morosi non riuscendo a pagare in tutto o in parte il “cash” pattuito.

La droga venduta è costituita dai derivati della cannabis, ma da alcuni messaggi scambiati tra gli indagati si comprende come alcuni di loro facciano anche uso, almeno saltuariamente, di cocaina ed ecstasy.

Questa mattina gli uomini del Commissariato hanno chiuso il cerchio delle indagini  con l’esecuzione di cinque decreti di perquisizione emessi dalla Procura della Repubblica per i Minorenni di Milano nei confronti dei quattro minori e del trentaduenne da ultimo identificati come pushers, tutti indagati per spaccio di droga. Le perquisizioni hanno fatto ritrovare modiche quantità di sostanze stupefacenti e ulteriori elementi – in particolare altri messaggi scambiati con i telefonini – che rafforzano ulteriormente le accuse.

 

Tag:

Leggi anche:

  • Andrea Piccolo vince la 41° Piccola Tre Valli Varesine

    Sono stati 129 i ragazzi categoria Allievi che hanno partecipato alla 41° edizione della Piccola Tre Valli Varesine, tradizionale gara valevole come 2° prova del Giro della Provincia e 3° Trofeo Veneto Banca. A tagliare per primo il traguardo, dopo 60 chilometri di gara, Andrea Piccolo del
  • Pallanuoto – La BPM Sport Management espugna Torino con una grande prestazione

    La terzultima giornata della regular season del Campionato di A1 non riserva sorprese per la BPM Sport Management. Il sette di Gu Baldineti batte in trasferta il Torino ’81 per 19-9 (3-2, 5-3, 7-0, 4-4) e grazie ad un’ottima prestazione continua la preparazione alla Final Six, in programma tra
  • Progetto Binda 2017, quando il ciclismo è passione

    Il “Progetto Binda 2017” prende ufficialmente il via martedì 25 aprile con la Piccola Tre Valli Varesine, giunta alla sua 41° edizione. La tradizionale gara – valevole come 2° prova del Giro della Provincia categoria Allievi e come 3° Trofeo Veneto Banca – si disputerà a Induno
  • La Pro Loco fa il “giro del mondo” con Paola Gianotti

    Emozionante serata nella Sala consiliare del Castello Visconteo per il “Mese della Cultura” organizzato dalla Pro Loco Fagnano Olona guidata da Armida Macchi e Paolo Bossi. Guest star del momento è stata la famosa ciclista Paola Gianotti, contattata tramite il Gruppo Sportivo